LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Adro, affittare il municipio si può
Giornale di Brescia, 20/11/2005

Chi vorrà usare le sale di Palazzo Bargnani Dandolo per le assemblee dovrà pagare 1.000 euro

Con i soldi raccolti verranno recuperati gli affreschi dell’edificio del XVII secolo



Il municipio di Adro trova la sua prestigiosa sede nel Palazzo Bargnani Dandolo, nobile edificio del XVII secolo. Per mantenere l’immobile e recuperare gli affreschi presenti al primo piano l’Amministrazione comunale ha deliberato sull’utilizzo di queste sale: chiunque voglia usufruirne, per assemblee pubbliche o per riunioni politiche o per incontri di rappresentanza, deve pagare 1.000 euro. Così spiega il sindaco, Oscar Danilo Lancini: «Sostenere economicamente un palazzo come il nostro è davvero dispendioso, è per questo che chi sceglie per i propri scopi di utilizzare uno di questi saloni contribuisce al mantenimento delle struttura; così anche chi decide di sposarsi in questo municipio paga 250 euro, entrate che vanno sempre nella cassa pro Palazzo Bargnani Dandolo». È stato affidato da poco all’ingegner Giuliano Venturelli l’incarico che riguarda il progetto di recupero degli affreschi: i lavori dureranno due anni, con un costo di 120.000 euro; l’intenzione dell’amministrazione è di stipulare una convenzione con la Scuola di Restauro di Botticino, riconosciuta dalla Soprintendenza, per l’esecuzione delle opere. Saranno sei i saloni interessati: la sala consiliare, l’ufficio dei vigili urbani ed altre stanze che solitamente ospitano mostre (è in corso quella su Padre Costantino Ruggeri). Critico sulla disposizione di pagamento per l’utilizzo delle sale comunali è Vinicio Gandossi, consigliere capogruppo di minoranza della lista «Adro e Torbiato, un paese da vivere insieme» che afferma a proposito: «Con un costo così alto non possiamo più fare assemblee pubbliche nel palazzo comunale; la sala civica è a Torbiato e contiene al massimo 20 persone, quando alle nostre riunioni partecipano anche 200 persone». Per Gandossi sono altre le priorità e le necessità della comunità adrense, soprattutto a sfondo sociale, mentre l’Amministrazione comunale ha un progetto di valorizzazione e recupero più ampio che interessa il Palazzo Bargnani-Dandolo. La sede municipale è stata ristrutturata nel 1996 ma i lavori hanno riguardato il risanamento ed il consolidamento delle parti strutturali. All’inizio del 2006 si procederà al rifacimento degli arredi e all’installazione del sistema di condizionamento per passare ad un ampliamento della struttura con l’acquisizione di una porzione del palazzo, oggi di proprietà della Fondazione Maselli-Dandolo. v. mass.




news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news