LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UNIONE/ Fassino: sul programma abbiamo idee chiarissime
20-11-2005 13:50 - Virgilio Notizie


Replica all'editoriale del Corriere


Perugia, 20 nov. (Apcom) - "Io ho le idee chiarissime". Il segretario Ds Piero Fassino, conversando con i giornalisti, replica cos a Angelo Panebianco che, sul Corriere della Sera di oggi, rimprovera alla Quercia di non avere ancora indicato "i primi due o tre atti di governo che vogliono attuare in caso di vittoria". Per, prima di procedere ad una specie di identificazione delle linee guida che dovranno ispirare il programma dell'Unione, Fassino parla delle caratteristiche dalle quali un soggetto di governo inserito in una democrazia bipolare non pu prescindere: "Il blocco - dice Fassino - dovr essere guidato da una forza principale grande e i Ds hanno dimostrato di poter essere questo soggetto di coesione. Siamo in buona salute e in questi cinque anni ci siamo presentati agli elettori come una forza che lavorava per l'unit. Le primarie sono state importantissime decretando l'incontro tra politici e cittadini e indicando la presenza di risorse vive nel Paese".

Per mettere sul piatto alcuni dei punti che dovranno caratterizzare il programma di governo dell'Unione, Fassino usa la formula della "politica di crescita corretta". Una politica di crescita che ruota attorno a cinque punti fondamentali. "Dovremo puntare - inizia ad elencare Fassino - sulla specializzazione tecnologica richiamando quel mix produttivo che sta caratterizzando la crescita di altri Paesi industrializzati. Ancora, la qualificazione delle risorse umane con i nostri laureati che sono in media la met rispetto ai Paesi concorrenti. Con un ammodernamento infrastrutturale del Paese, e penso ad una politica della 'portualit' per cui se il cuore dinamico dell'economia mondiale si sta spostando in Asia le relazioni dovranno necessariamente passare per il Mediterraneo e in questo contesto l'Italia dovr sfruttare la sua caratteristica di gigantesco molo".

Serve insomma, "una scelta di internazionalizzazione da fare cercando di contrastare la piccola dimensione delle imprese italiane, che nel 95% dei casi non superano i 30 addetti rendendo difficili in questo modo gli investimenti esteri ed infine una valorizzazione della civilt italiana. Civilt italiana fatta di patrimonio artistico e beni culturali che, ad esempio non dovranno restare fuori dalla nuova ondata di turismo cinese, si prevede un flusso di 50 milioni, che grazie all'accordo Ue-Cina per la facilitazione del rilascio dei permessi, si determiner in Europa nei prossimi anni".

Queste le leve su cui agire. Seconda questione riguarda il modo. "Non escluderei la liberalizzazione di certi settori - dichiara Fassino - e nemmeno una politica fiscale funzionale".

Terza, ma non ultima questione per il segretario dei Ds, quella che chiama in causa il Welfare. "Possiamo permetterci un Welfare - si chiede Fassino - guardando a quanto sta succedendo a Parigi. Direi piuttosto che la domanda dovrebbe essere il come poterci permettere una politica di coesione sociale". "E' un tema delicato - conclude Fassino - perch bisogna affrontare dei nodi. Fare prima di tutto in modo che la flessibilit sia diversa dalla precariet grazie all'utilizzo degli strumenti degli ammortizzatori sociali. Presupporre un sistema di prestito in banca agevolato e ripensare un sistema previdenziale che si svincoli dalla vecchia concezione per cui anni fa una volta andati in pensione l'aspettativa di vita poteva corrispondere all'incirca a cinque anni". L'eccessiva legificazione per Fassino pu diventare un fattore di inefficienza. "Bisogna ridurre le leggi perch il lasso di tempo che intercorre da una necessit che si produce e la risposta del Parlamento per forza di cosa ampio".




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news