LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Museo nuragico: il progetto arriva entro gennaio
Alessandra Sallemi
La Nuova Sardegna 18/11/2005

CAGLIARI. Betile in logudorese vuol dire bétilo, la pietra che nelle civiltà arcaiche veniva piantata in un luogo abitato dalla divinità e sarà il nome del Museo mediterraneo dell'arte nuragica e contemporanea, presentato in un allegato del numero di novembre della rivista di architettura Domus per il bando del concorso di idee voluto dalla Regione. Prende forma il sogno collettivo di un comitato di architetti, critici d'arte, archeologi, direttori di museo che da mesi insegue l'intuizione del presidente della giunta, Renato Soru, il quale a sua volta s'era rifatto all'accostamento tra manufatti nuragici e contemporanei azzardato negli anni Cinquanta da un Giovanni Lilliu fresco della scoperta di Barumini. Dunque il museo si farà, il bando dice che l'opera costerà (al massimo) 50 milioni di euro, che la Regione ne ha già pronti 32 e che per presentare i lavori c'è tempo (poco) fino al 12 gennaio 2006. Il bando annuncia chi saranno i commissari e cosa ci si aspetta dai partecipanti: un'opera di architettura che diventi un faro di luce sull'intera cultura mediterranea.
Vediamo come. «Non s'intende creare un un semplice museo archeologico, ma una struttura destinata a ospitare, entro un contenitore di forte rilievo architettonico, una collezione permanente dedicata all'arte nuragica accanto a esposizioni — e poi a una collezione — di arte contemporanea, incentrate sulle esperienze condotte nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Nucleo iniziale della raccolta dovrebbe essere il gruppo di grandi statue del secolo VIII di Monti Prama...». Di fatto, nel bando si chiede che il museo dimostri la fattibilità di un'ipotesi politica finora sprecata in slogan elettorali: «...l'architettura del nuovo museo mediterraneo di arte nuragica e arte contemporanea dovrà ispirarsi in modo originale all'idea di una doppia tensione nell'identità geopolitica della Sardegna: quella tra antico e contemporaneo e quella tra dimensione insulare e dimensione mediterranea». Nel manifesto allegato a Domus sono indicate le «cinque sfide» lanciate ai progettisti: il museo dovrà essere un «volano di rimandi», un «laboratorio di confronto e sperimentazione», un «percorso espositivo multiplo», un «luogo di produzione, ricerca e sperimentazione» e anche un «motore di rigenerazione urbana». Volano di rimandi significa che il museo non dovrà avere la superba pretesa di esaurire la curiosità del visitatore
sul mondo nuragico ma, al contrario, dovrà essere una sorta di porta delle meraviglie varcata la quale si proverà il desiderio di andare a scoprire fortini, case, reggie, piazze, santuari, pozzi, necropoli laddove le tribù le dislocarono nel corso dei secoli. La porta delle meraviglie dovrà dare ragione di quel che gli studiosi sostengono, vale a dire che l'intreccio culturale del Mediterraneo si è formato anche col contributo della ci-viltànuragica. Confronto e sperimentazione tra arte nuragica econtemporanea saranno «l'essenza stessa del programma espositivo e di ricerca del Museo». Il museo dovrà essere frequentabile in molti modi per-chì concepito come un «percorso espositivo multiplo capace di far interagire la percezione estetica delle opere con la loro storicizzazione e contestualizzazione». Le relazioni tra arte nuragica e arte contemporanea dovranno essere continuamente cercate e sperimentate: chi curerà il museo dovrà avere gli spazi per «confrontarsi con specialisti di varie discipline» e incontrare studenti e ricercatori. Spazi anche per restaurare i pezzi nuragici e per produrre «opere di arte contemporanea». Nel bando si chiede ai concorrenti «particolare attenzione alle forme di accesso al Museo e alle relazioni fra i suoi spazi esterni e interni»: da questa opera ci si aspetta che regga la quinta sfida, essere «motore di rigenerazione urbana». I partecipanti in regola otterranno un rimborso, il vincitore invece riceverà 90 mila euro quale anticipazione del compenso per il progetto completo. La commissione giudicatrice (varata ieri dalla giunta regionale) è composta da Antonio Giovannucci, architetto, direttore generale per i beni culturali e paeggistici della Sardegna, Stefano Boeri, architetto, direttore di Domus, Antonio Marras, stilista di moda, Catherine David critico d'arte e curatore alla Humboldt University di Berlino, Hans Ulbrich Obrist critico d'arte e curatore al Musée d'Art Moderne de la Ville de Paris, Salvatore Settis storico dell'arte e direttore della Scuola Normale di Pisa, Luigi Snozzi, architetto, facoltà di architettura di Sassari, Enrico Corti, facoltà di ingegneria di Cagliari, Elisabetta Pisano, ingegnere, responsabile unico del procedimento per la Regione. Infine, ci saranno anche i rappresentanti degli Ordini e dell'autorità portuale.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news