LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il giorno del giudizio
Vittorio Sgarbi
il Giornale 19/11/2005

Mi dispiace contraddire Sergio Romano che, a un lettore che lamenta il taglieggiamento dei biglietti d'ingresso ai musei pubblici (e alle mostre), risponde con il giusto argomento che in Italia vi sono pi spazi gratuiti di quanti ve ne siano in qualsiasi altro Paese europeo. una giusta considerazione se, come osserva Romano, si pensa alle chiese di Venezia, Firenze, Siena, Bologna, Napoli, Roma che possibile visitare liberamente e ai capolavori che ciascuno di noi pu ammirare per le vie e le piazze di una citt. Ma i musei sono un'altra cosa. Non diversamente dalle biblioteche, sono i luoghi della formazione della sensibilit e del gusto. E dovrebbero essere spazi aperti, conosciuti per studio e per diletto, occasioni del desiderio. Non favorire la dimestichezza con le opere d'arte produce danni imprevedibili e incontrollabili. E mi resta inspiegabile perch io possa accedere gratuitamente a un libro di Machiavelli o di Foscolo in una biblioteca pubblica, e debba pagare per vedere Botticelli e Caravaggio in una pinacoteca nazionale. Ci non accade in Inghilterra, alla National Gallery e al British Museum, dove l'accesso prevede un'offerta non obbligatoria. Per questo fatico a comprendere la quantificazione del valore commerciale di un momento di contemplazione della Cappella degli Scrovegni per la quale 11 euro a Romano non sembrano davvero troppi.
Qui non si discute il valore di Giotto, e quanto meriti; si discute se si debba pagare per vederlo. Per ci che vale non sono troppi 11 euro neanche per leggere Dante. Ma troverei abbietto che per consultare la Divina Commedia in biblioteca mi chiedessero anche un solo euro. La questione di fondo l'educazione degli italiani, alla letteratura come alla pittura; alla bellezza, in sostanza. Che induce a buone azioni. Non in senso etico ma nella consapevolezza del bene che, conosciuto, consentirebbe, per esempio a molti amministratori, di non spendere somme enormi di denaro per distruggere, in virt della loro ignoranza, come accaduto in Piazza Roma a Oristano. Se gli amministratori di quella citt fossero entrati una volta sola, anche pagati, a riflettere sul sentimento dello spazio di Giotto, non avrebbero concepito quella porcheria. Ma non sono stati pagati per vedere Giotto, n hanno avuto l'opportunit di vederlo gratuitamente, neppure i sindaci di Piacenza, Acqui Terme, Sassari, Roma, Torino, Santa Teresa di Gallura. Bologna...
Ecco perch non capisco la questione degli 11 euro: 11 euro si incassano, e 11 milioni si buttano. Preferirei dire: paghiamo i futuri stolti amministratori perch imparino Giotto, Piero della Francesca, Simone Martini, Raffaello, e intendano la ragione profonda per cui essi sono degni di ammirazione. La grammatica della bellezza come quella della lingua; e Manzoni, Leopardi, Pascoli si leggono, gratuitamente, per consentire a un sindaco (non sempre) di scrivere una lettera corretta, in buon italiano. Se si esigenti con la lingua perch non lo si deve essere con i luoghi violati per l'ignoranza della grammatica delle forme?



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news