LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dal Mediterraneo riemerge l'antico faro di Alessandria
Aristide Malnati
Nazione - Carlino - Giorno 19/11/2005

L'equipe francese che da anni esplora i fondali certa: si tratta proprio di una delle sette meraviglie, distrutta da due terremoti.

Straordinaria scoperta ad Alessandria d'Egitto. Archeologi subacquei francesi del Centre d'tudes alexandrines, diretti da Jean Yves Empereur hanno identificato nella rada dell'antico porto Eunstos la base del famoso Faro di Alessandria. Ora non ci sono pi dubbi! dicono gli autori dello storico rinvenimento questo senz'altro l'enorme basamento su cui poggiava la gigantesca struttura; e dunque i blocchi trovati negli anni passati appartengono per forza all'antica costruzione. Ora possiamo affermarlo: sui fondali alessandrini giace una delle sette meraviglie del mondo antico. Il Faro un'immensa torre fatta costruire da Tolomeo I e terminata da Tolomeo II (siamo attorno al 275 a. C.) in un Egitto, che in seguito alla conquista di Alessandro Magno pass sotto il dominio dei greci. I lavori furono diretti da Sostrato di Cnido, famoso architetto autore di molti monumenti che in quegli anni furono eretti ad abbellire Alessandria e a farla percepire come centro nevralgico della politica e della cultura ellenistica (chiamata per questo anche cultura alessandrina): templi, santuari dedicati a nuove divinit sorte dalla sincresi tra mondo olimpico greco e pantheon egizio furono innalzati accanto a palazzi sede del potere politico e alla famosa biblioteca, sede del Mare Magnum della letteratura classica. Tra simili bellezze architettoniche spiccava il Faro, che prese il nome dall'omonima isola di 'Phros', posta all'ingresso della rada del porto; si voleva un edificio di notevole altezza (probabilmente quasi 140 metri) visibile dal mare per parecchie miglia e quindi capace di segnalare il porto ai marinai ancora a grande distanza (fino a 10 km). Era una costruzione formata da tre torri, una sopra all'altra, a dimensioni degradanti con la pi piccola che costituiva la sommit: sulla cima veniva irradiata da un sistema di specchi la luce di fuochi; erano accesi in bracieri ardenti posti in un calice di bronzo e gestiti da almeno due guardiani. Caduta poi in disuso, l'altissima torre fu distrutta da due terremoti tra l'XI e il XIV secolo e si inabiss per intero; al suo posto venne edificato il forte Qait Bey, una fortezza saracena dedicata all'omonimo sultano. Da circa 10 anni in corso una perlustrazione sistematica dei fondali del porto alessandrino ad opera degli archeologi subacquei transalpini: accanto a statue, busti di sovrani tolemaici e delle regine loro spose, sfingi e immancabili cocci di ceramica, ecco blocchi di 60-70 tonnellate ciascuno. Agli scettici gli archeologi hanno subito fatto rilevare come l'allineamento dei blocchi facesse pensare a un crollo improvviso della struttura che essi costituivano; e come dunque fosse lecito ritenere che appartenessero al faro, inabissatosi repentinamente. Oggi l'identificazione della base non lascia dubbi: l sotto c' proprio il faro, che su di essa poggiava. pronto un accurato piano di restauro per i resti del faro, voluto dal direttore del Museo Nazionale di Alessandria, Ibrahim Darwish; inoltre stato da poco allestito un percorso di visita archeologica sottomarina, pensato anche per i principianti.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news