LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piazza Municipio: riemerge la torre dell’Incoronata
c.t.
Il Mattino 19/11/2005

Sta emergendo piano piano la torre dell’Incoronata. E tutta la cittadella militare che le si sviluppò intorno. Continuano senza sosta gli scavi al Maschio Angioino. Una campagna di recupero che sta procedendo a ritmi serrati (sempre secondo tempi archeologici, però) e che sta portando alla luce nuovi elementi storici e architettonici. È l’esempio della rampa d’accesso alla sommità della torre, venuta fuori per un quarto delle due dimensioni, ovvero la scala circolare che portava da terra alla sommità della struttura seguendo il tracciato della torre. E giù, a livello di superficie, pavimenti (in pietra lavica del Vesuvio), perimetri di stanze, strade, insomma una vera e propria cittadella. Gli scavi del resto continuano quasi alla luce del sole, nel senso che, seppur attraverso le grate di protezione, è possibile seguire l’andamento dei lavori della Sovrintendenza archeologica che affianca i tecnici della Metropolitana di Napoli e dello stesso Palazzo San Giacomo. La torre dell’Incoronata fu scoperta nel marzo scorso. E sembra essere di epoca aragonese, come del resto dovrebbe essere la stessa cittadella militare. L’unico documento che riporta l’esistenza della torre, poi scomparsa con il tempo, è la Tavola Strozzi, risalente alla fine del 1400 (e raffigurante il rientro trionfale della flotta aragonese dopo la vittoria riportata contro il pretendente al trono Giovanni d’Angiò). Dopo se ne erano perse le tracce, forse, si pensava, era stata distrutta o inglobata in qualche costruzione successiva in quel puzzle di edifici rappresentato dal perimetro del Maschio Angioino. La torre, però ricomparve a inizio del secolo scorso negli scritti di Riccardo Filangieri di Venosa, che ristrutturò la piazza, o per meglio dire fece piazza pulita di decine di edifici. E che lasciò in piedi, di tutta la cittadella, solo la porta aragonese, davanti all’entrata del castello. C’è da aggiungere subito che torre e mura perimetrali non verranno inglobate nella stazione del metrò, che sarà invece più giù nella piazza. Però saranno strutture su cui punta il Comune dal punto di vista attrattivo ed esiste un progetto per farne una passeggiata pedonale tra le rovine recuperate. La torre dell’Incoronata è la terza riportatata alla luce dagli scavi del metrò. Già nei mesi scorsi ricomparvero la torre dell’Ascensione (in tufo e di età angioina, ancora coperta dai prefabbricati del cantiere, in mezzo alla piazza) più a nord, mentre a sud est c’è un’altra torre quadrangolare che dà sul mare. Torri, queste due, che faranno parte della nuova stazione del metrò secondo il progetto dell’architetto portoghese Alvaro Siza.




news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news