LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni Culturali: Cambia il Codice Urbani
Francesco Erbani
19/11/2005, La Repubblica

Roma
Per i Beni culturali non vige più la norma del silenzio-assenso. Le Soprintendenze non saranno sottoposte al capestro dei 120 giorni per dichiarare che un bene ha valore storico-artistico, superati i quali si dà per acquisito che quel bene un valore non ce l'ha e che quindi può finire nel calderone di ciò che lo Stato può vendere.
La norma (che secondo alcuni giuristi era solo transitoria ed era destinata comunque a cadere) non fa più parte del Codice dei Beni culturali. È stata eliminata, accogliendo le proteste di molti soprintendenti, preoccupati che i loro uffici (oberati di lavoro e sguarniti) non avessero il tempo per poter dichiarare entro quel termine. Lo ha deciso il ministero per i Beni Culturali, che ieri, per bocca del suo titolare, Rocco Buttiglione, ha illustrato le altre modifiche introdotte nel Codice entrato in vigore nel maggio dello scorso anno.
Il Codice, partorito durante la gestione di Giuliano Urbani e che tante opposizioni sollevò fra le associazioni di tutela e anche dentro il ministero, ha subito alcuni aggiustamenti che soltanto conoscendo il testo definitivo potranno essere valutati appieno (il testo va ora alla Conferenza Stato-Regioni e poi alle Commissioni parlamentari).
Non c'è comunque traccia del documento, di cui ha parlato su queste pagine Salvatore Settis, che avrebbe spinto verso una gestione dei Beni culturali sempre più ispirata a logiche imprenditoriali, logiche che avrebbero condizionato anche la tutela.
Quel documento ha circolato in Consiglio dei ministri, per iniziativa, ha scritto Settis, del sottosegretario alla Presidenza, Gianni Letta. Buttiglione ha sostenuto che si trattava del semplice contributo di un giurista, ha difeso Letta e ha attaccato, senza mai nominarlo, Settis.

In ogni caso, ha aggiunto, la linea del ministero è quella condensata nelle modifiche approvate, modifiche che di quel documento non hanno tenuto conto. E ha indicato un limite invalicabile: l'intervento dei privati non può avere scopo di lucro.

Il Codice non cambia nelle sue parti sostanziali. E restano quindi intatte molte obiezioni avanzate dalle associazioni come Italia Nostra, Legambiente, Wwf e Comitato per la Bellezza. Secondo il ministero si è trattato «di aggiustamenti suggeriti dall'esperienza dei primi diciotto mesi di applicazione del Codice».

Sulla tutela paesaggistica rimane molto forte l'opposizione delle associazioni. Il Codice prevedeva che alla stesura dei piani paesistici, di competenza delle Regioni, partecipasse anche la Soprintendenza (anche se non con un parere vincolante). Ma questa collaborazione non si è attuata. Quindi, stando almeno al comunicato diffuso dal ministero, «in caso di elaborazione unilaterale da parte della Regione, la Soprintendenza può esprimere un parere vincolante sul rilascio dell'autorizzazione paesaggistica».
Come questo si realizzerà non è ancora chiaro.
In materia di abusi edilizi, poi, il Codice fissava norme severe, ma queste venivano del tutto vanificate da altri provvedimenti del governo, come i condoni. E il nodo non sembra che venga sciolto dal nuovo testo. Sempre nel comunicato emesso dal ministero, si legge che viene mantenuto «in generale il divieto di sanatoria», ma si aggiunge che la disciplina «viene adeguata, recependo la possibilità di sanatoria limitata agli abusi cosiddetti minori già introdotta dalla legge 308/2004 sul condono paesaggistico».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news