LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

C' una casa che traBalla
PABLO ECHAURREN
Panorama, 24/11/2005

L'artista trasform la residenza romana in un'opera festosa e multicolore. Ora sbarrata. Perch lo Stato non fa nulla?

Nel 1915 Giacomo Balla lanciava il manifesto della Ricostruzione futurista dell'universo. Ma per realizzare l'audace sogno part da casa sua. Da via Oslavia 39-b a Roma, dove, ormai lontano dalle grandi battaglie, diede libero sfogo al proprio genio in solitario, mettendo insieme quel caleidoscopio di forme e colori con cui intendeva rimodellare un'esistenza che non lo gratificava come avrebbe meritato. Dimora del corpo e dell'anima, questa fantasmagorica Wunderkammem divenne il bozzolo sgargiante in cui l'artista trascorse tutto il resto della vita, dal 1929 al 1958.
Grosso ragno dalla seta multicolore, riusc a tessere un'interminabile tela di decorazioni, iniettando ottimismo in quel malinconico tran tran quotidiano. Cos come Sugerio nel XII secolo strapp le chiese alle tenebre con l'invenzione delle vetrate colorate, Balla moviment il proprio orizzonte casalingo con una sfarzosit e una preziosit che trovano un eguale solo nell'esuberanza dei costruttori di cattedrali.
La casa fu interamente decorata e arredata con mobili e suppellettili di strepitosa modernit e giocosit. Piastrelle, pareti, scaffali, lumi, sedie, tavoli, arazzi, vetrate, appendiabiti, soffitti, perfino i portauova, tutto rifletteva l'impronta festosa del loro pantocratore.
Non c'era un centimetro affidato al caso, tutto era rigorosamente sagomato e ricoperto con le geometrie che hanno reso Balla un precursore. In tal modo la casa si trasform in una sorta di museo vissuto, in un quadro abitato, in una composizione astratta a dimensione umana. Purtroppo oggi quello scrigno delle meraviglie stato relegato nel regno della fantasia e resta avvolto da una spessa nube di mistero. Si ignora cosa stia succedendo al suo interno.
Fino a quando vissero Luce ed Elica, che del padre Giacomo furono collaboratrici silenziose e devote, l'assetto dell'appartamento rest sostanzialmente inalterato. Continuarono ad abitare in quella girandola di motivi prismatici, come fosse del tutto naturale per due creature dai nomi tanto dinamici. Come le palazzeschiane Sorelle Materassi, Luce ed Elica restarono a montare la guardia alla casa avita e, malgrado qualche manomissione, la mantennero in vita, pronte ad aprire la porta a chiunque bussasse e fosse interessato a metterci il naso, me compreso. Poi loro scomparvero e le normali traversie successorie complicarono il destino di questa rutilante caverna.
Ora, dopo oltre un decennio di assoluta mancanza di notizie, mi piacerebbe sapere qualcosa. In un paese civile Casa Balla sarebbe stata acquistata dallo stato, sarebbe diventata un luogo sacro, un allegro mausoleo antibabbeo. La porta su cui campeggiava la targhetta Pittor Balla resta sbarrata con quattro grosse catene. E la gloriosa targhetta stata pure rimossa.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news