LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Capri, a villa Fersen il museo-trasgressione
Anna Maria Boniello
Il Mattino, 17 novembre 2005

Villa Lysis a Capri diventerà museo del mito nel segno della trasgressione. In onore del suo stravagante proprietario, il barone Jacques Fersen, il primo museo pubblico dell'isola darà ampio spazio ai personaggi che con le loro gesta hanno contribuito al mito di Capri.

Capri. Villa Lysis diventerà il museo del mito. E quale mito è più celebrato sull’isola se non quella della trasgressione? La dimora, infatti, ospiterà cimeli e testimoniante di quanti, artisti, imprenditori o semplici avventurieri, hanno contribuito a diffondere nel mondo l’immagine dell’isola «del lusso e dei vizi». La villa che fu del barone Jacques Fersen sarà il primo museo pubblico dell’isola azzurra. Il progetto è già stato esaminato dalla commissione urbanistica del Comune di Capri e, come ha già annunciato il vicesindaco Marino Lembo, sarà portato all’approvazione del Consiglio comunale entro il mese di dicembre: in quella sede dovrà essere approvato il nuovo vincolo di destinazione d’uso sia della villa che dell’immenso parco annesso. Un piano che parte da lontano: il Comune di Capri decise di acquistare l’immobile nel 2001. Per farlo, oltre ad attingere fondi dal proprio bilancio, l’ente aprì ai privati attraverso la sottoscrizione di Boc (i buoni comunali). Villa Lysis, nota anche come villa Fersen, dunque diventerà ben presto un museo. Il progetto, firmato dagli architetti Antonio Marchitelli e Alfonso Tizzano, prevede tra l’altro la ricollocazione degli arredi che un tempo facevano parte della casa e anche l’esposizione di materiale artistico riguardante la storia e i personaggi dell’isola. Una lunga passerella di nomi che hanno contribuito a diffondere un’immagine di Capri diversa e trasgressiva che ancora resiste nel tempo da Tiberio ad oggi. Infatti, il nascente museo oltre a far conoscere e visitare la camera di Nino Cesarini, il cosiddetto «valet de chambre» del barone Fersen, o quella che era chiamata la camera cinese e che è nota anche come camera dell’oppio, punterà ad allestire un intero piano che custodirà i ricordi e le testimonianze di quel vasto mondo di artisti, intellettuali, esuli di ogni religione e nazione che avevano fatto di Capri la loro libera patria adottiva. Personaggi che hanno scritto e prodotto sull’isola, che con le loro gesta hanno anche riempito pagine e pagine della letteratura. Tra i testi che più rappresentano l’isola, quello scritto da Roberto Ciuni nel 1998 dal titolo emblematico «I peccati di Capri», è diventato una piccola antologia per chi vuole avvicinarsi alle cronache più segrete dell’isola. Così come le «Vestali del fuoco» di Compton Mackenzie, il libro scandalo in cui lo scrittore, attraverso accorti pseudonimi, tratteggiò i ritratti pubblici e i vizi privati della colonia di personaggi che vivevano sull’isola. Dalle stravaganti signorine Wolcott-Perry, eccentriche amiche di Jacques Fersen con il quale condividevano i riti pagani che avevano luogo a villa Fersen o nella grotta di Matromania, al pittore Charles Colemann, a Norman Douglas a Thomas Jerome, a Harold Trower. E persino Oscar Wilde entrerà a pieno titolo nel nascente museo di Fersen attraverso la rievocazione della sua cacciata dal ristorante del Quisisana, quando Wilde entrò in sala assieme a un suo amico e venne invitato a uscire a causa della rivolta animata da alcuni puritani inglesi che alloggiavano nell’albergo. «È nostra intenzione - dice l’assessore Lembo - presentare al presidente Bassolino l’intero progetto di valorizzazione della zona alta che va da villa Fersen a parco Astarita sino ai sentieri di via Lo Capo». «Dopo l’approvazione dell’iter tecnico - continua l’assessore alla Cultura Salvatore Ciuccio - passeremo alla fase della promozione di eventi». E il sindaco Ciro Lembo lancia lo slogan «non solo piazzetta»: «Capri - dice - deve essere valorizzata in tutti i suoi aspetti».




news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news