LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Non vendo i beni culturali
di ROCCO BUTTIGLIONE
17/11/2005, Il Tempo

IL TEMPO 17-11-2005


IL PROF. Salvatore Settis su Repubblica lancia alti lai attribuendo al governo un progetto di radicale privatizzazione dei beni culturali che è lungi dalle mie intenzioni e lungi dalle intenzioni di questo governo.
Il prof. Settis, che è consulente del ministero che dirigo, sa bene quali sono gli orientamenti del ministro in questa materia.
L'Italia deve andare verso un modello misto pubblico-privato che sappia utilizzare l'intervento pubblico come leva per far scattare l'interesse e gli investimenti del privato nel pubblico.
Lo Stato ha il compito di provvedere alla tutela dei beni culturali e alla loro conservazione.
Le Regioni si devono occupare invece della valorizzazione, e in questa valorizzazione può intervenire il privato.
Il modello americano è una cosa differente. Nel modello americano si dice: i musei si autosostengono attraverso i biglietti dei visitatori, attraverso i servizi aggiuntivi e i servizi privati.
Questo è vero se si ammette che negli Stati Uniti come privati vengono considerati anche i comuni e i governi federati. Coloro che propongono il modello americano omettono però di dire che gli Stati Uniti sono un paese con una pressione fiscale molto bassa: il cittadino americano paga poche tasse ma sa che deve pagarsi in proprio sanità, educazione e cultura.
I musei americani, per di più, hanno ingenti patrimoni accumulati nel corso di decenni, e talora secoli, e con il reddito di tali patrimoni sostituiscono l'intervento dello Stato.

NOI NON vogliamo riprodurre in Italia il modello americano. Riteniamo però che bisogna andare verso un modello pubblico-privato in cui il privato sia invitato ad investire di più nel settore dei beni culturali, anche perché l'Italia è una nazione con un tale patrimonio e con tali oneri di custodia e conservazione che è impossibile farvi fronte soltanto con il contributo statale.
Il modello cui tendiamo è dunque un modello misto. Queste cose il prof. Settis le sa benissimo, anche perché è un consulente del Ministero per i Beni e le attività culturali.
Il documento che egli critica non esprime il punto di vista del Ministro per i Beni culturali, non esprime nemmeno
quello del sottosegretario Letta, è semplicemente un interessante, anche se un po' paradossale, contributo ad una discussione interna proveniente da un alto funzionario della Presidenza del Consiglio.
Il prof. Settis ha sentito più di una volta il ministro dire che i beni culturali non esistono innanzitutto per attirare turisti, la funzione culturale dei beni culturali è di provocare l'emozione estetica, cioè dilatare i confini dell'anima di coloro che a essi hanno accesso, per ripetere l'espressione di un poeta romantico dell' Ottocento.

I beni culturali hanno la specifica funzione di alimentare la memoria storica soprattutto in una fase di crisi delle ideologie; gli nomini che si interrogano sulla propria identità si rivolgono alla storia e i beni culturali sono i documenti della storia che ci informano sui modi di essere, sui valori, sugli atteggiamenti fondamentali delle generazioni che ci hanno precedute.

Sicuramente i beni culturali hanno anche una funzione economica e da un certo punto di vista è vero che essi sono una grande ricchezza economica della nazione: in una fase storica in cui il turismo tradizionale basato solo su terra-mare-sole-montagna entra in crisi perché queste cose le hanno anche altri paesi e a costi mollo inferiori ai nostri, l'offerta turistica italiana si salva solo se è capace di articolare un'offerta che oltre al sole e al mare abbia in più i beni culturali: in questo settore infatti noi abbiamo un primato indiscusso nel mondo.

Il turismo in generale ha avuto anche nell'ultima stagione una qualche battuta d'arresto, ma il turismo culturale è invece in piena fioritura; quando il terrorismo islamico sarà stato, fortunatamente, battuto e i paesi sull'altra sponda del Mediterraneo potranno svolgere compiutamente la loro forza turistica, sarà ancora più importante per l'Italia disporre di questa offerta turistica integrata.

Si comprende l'importanza dei beni culturali da un punto di vista economico se si considerano i flussi turistici che essi attivano, ma va anche detto che questi flussi si riflettono solo in modo molto parziale nei servizi aggiuntivi e nelle biglietterie di musei e siti archeologici
Insomma, il prof. Settis ha sbagliato bersaglio. Lo invitiamo a mettere da parte non necessari furori per dare, da par suo, un contributo serio e costruttivo all' elaborazione di una politica dei beni culturali. All'Italia, per fare questo, serve che ci si elevi in qualche misura al di sopra del contrasto fra le parti politiche e si stia al di sopra di un superficiale qualunquismo: se non altro, è necessario farlo perché si tratta di un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news