LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per il debito il Tesoro punta sulla superholding
Isabella Bufacchi
13/11/2005 Il Sole 24 Ore

13-11-2005 IL SOLE 24 ORE



Newco fuori dalla Pa con 200 miliardi di asset

Dovrebbe collocare azioni e convertibili - Eurostat e corporate governance gli ostacoli per l'operazione


ROMA - Una superholding, un maxi-fondo multicomparto, un mix di spa. Un "contenitore", insomma, che possa collocare azioni, obbligazioni convertibili, quote o titoli di debito, che sia posto fuori dal perimetro della pubblica amministrazione e al quale si possano trasferire asset pubblici - partecipazioni azionarie, immobili e crediti - per un importo complessivo di almeno 200 miliardi di euro.

Obiettivo: generare un'entrata extra per le casse pubbliche e rimpinguare cos il fondo di ammortamento dei titoli di Stato abbattendo il debito/Pil del 15-25% nell'arco di pochi anni.

Un'operazione straordinaria, per complessit e dimensioni, per affrontare un problema altrettanto straordinario: un debito pubblico che con il suo stock da oltre 1.500 miliardi di euro e un valore relativo quest'anno risalito a quota 108,2% del Pil rappresenta uno dei principali handicap dell'Italia nella zona dell'euro soprattutto in vista di rialzi dei tassi d'interesse.


La creazione di una superholding, o qualcosa di simile, per aggredire lo stock del debito pubblico - in tandem con una politica rigorosa di finanza pubblica e avanzo primario consistente - non una storia di fantafinanza, un esercizio puramente accademico n cartastraccia finita nel cestino dei rifiuti del ministero del Tesoro.

un progetto, in fase ancora embrionale e di studio, che si trova ora sul tavolo del ministro dell'Economia Giulio Tremonti.

L'idea provocatoria lanciata dal professor Giuseppe Guarino sulle pagine del Sole-24 Ore (il 24 maggio 2005), che proponeva una superspa da 450 miliardi di euro per riportare il debito/Pil d'un solo colpo al 70%, non caduta nel vuoto.

Dopo aver stimolato un dibattito accademico, rilanciato in ottobre da Nexus (associazione di cultura politica), e dopo aver suscitato interesse e curiosit nel mondo bancario, questa operazione senza precedenti ha scatenato gli ingegneri finanziari di alcune banche d'investimento che ne stanno valutando la fattibilit. Lo stesso ministro Tremonti, che gi in passato aveva avvalorato la necessit di risolvere il problema del debito pubblico anche con operazioni straordinarie, avrebbe richiesto a consulenti interni ed esterni al Mef di appurare se esiste un modo per trasformare in tempi rapidi (comunque non entro la fine di questa legislatura) un principio accademico in un percorso realistico.

Superholding o superfondo? La parola "impossibile" non fa parte del vocabolario dell'investment banking. Se il ministro Tremonti va in cerca di soluzioni per ridurre a colpi di accetta il debito pubblico, le soluzioni tecniche si trovano. Ricongiungere debito e asset pubblici, guardare al bilancio dello Stato in termini di attivit-passivit, secondo fonti bancarie, non una cattiva idea. Le cessioni degli asset riguarda tre tipologie di attivi: partecipazioni azionarie (non solo Eni ed Enel ma anche Cassa depositi e prestiti, Poste e Ferrovie dello Stato), immobili (da dismettere, valorizzare o da cedere con uso governativo per poi riaffittare), crediti. Questi asset disomogenei possono confluire in un'unica superholding con patrimoni segregati al suo interno per consentire management e gestioni differenziate. In alternativa, possibile costituire tre holding specializzate in aree di business diverse: industriale, immobiliare e finanziario. Oppure non si esclude l'ipotesi di una societ, newco o fondo multicomparto per collocare equity (anche azioni privilegiate) e debito. C' chi pensa persino alle convertibili.
I nodi da sciogliere.

I problemi di una maxi-operazione per abbattere il debito pubblico sono numerosi ma le dimensioni non impensieriscono il mercato: scartata l'ipotesi dei 450 miliardi si starebbe lavorando su un importo tra 200 e 250. Gli investitori istituzionali e privati, italiani ed esteri, hanno serbatoi piedi di liquidit per accomodare operazioni faraoniche. I collocamenti dovranno essere in tranche: per ipotesi, 40 miliardi l'anno. La reddivit un passaggio obbligato: il titolo emesso dalla Superholding dovr essere appetibile, dovr garantire un rendimento minimo interessante. E la corporate governance sar un pilastro che dovr riuscire a sorreggere l'intera struttura. I tempi per allestire la newco? Potrebbero essere piuttosto contenuti, dai 6 ai 12 mesi. Un ostacolo che non dovr essere sottovalutato rappresentato da Eurostat: qualsiasi iniziativa di questo tipo dovr essere realizzata con il consenso dell'ufficio europeo di statistica.
I pi scettici temono lo stop di Bruxelles, il declassamento del rating, il flop con gli investitori: e preferiscono insistere sulla strada virtuosa dell'avanzo primario alto, del contenimento delle spese correnti, dell'aumento delle entrate e il rafforzamento del Pil. I sostenitori del maxi-taglio al debito fanno notare per contro che la crescita del Pil italiano difficilmente salir oltre il 2% per i prossimi anni, le entrate non decolleranno e l'abbattimeno del debito/Pil a colpi di avanzo primario agendo sulle spese impiegher oltre un ventennio, drenando risorse utili per finanziare la ripresa.




news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news