LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Debito, superholding da 216 mld per abbattere il debito
Franco Adriano
MF 16/11/2005

TREMONTI ACCELERA SULLA SOCIET CHE ABBATTER LO STOCK DI ALMENO IL 15 % RISPETTO AL PIL

Tra gli asset che verranno conferiti alla newco, le partecipazioni del Tesoro, beni immobili e culturali. Tra le ipotesi di denominazione quella di Fonditalia



Il ministro dell'economia Giulio Tremonti si prepara a chiudere la legislatura con un vero e proprio coup de theatre. sua intenzione infatti accelerare sulla creazione di una societ, cos viene definita per ora nelle bozze di lavoro che stanno circolando a via XX settembre (anche se tra le ipotesi di futura denominazione circola quella di Fonditalia), per abbattere il rapporto debito/pil di almeno il 15 per cento.

L'idea quella di creare una sorta di serbatoio entro il quale oltre alle quote di debito pubblico (tra le passivit) possano trovare spazio le partecipazioni azionarie del Tesoro, immobili di varia natura, crediti e perfino alcuni beni culturali.

L'ammontare complessivo degli asset su cui si sta lavorando di 216 miliardi di euro (almeno questa la cifra contenuta nel documento consegnato dai tecnici in questi giorni al ministro). Il portatore delle azioni sar garantito dagli asset conferiti e lo stato gli potr garantire un rendimento ai valori attuali di almeno il 2-2,5%.

I tempi tecnici non dovrebbero essere troppo dilatati: basterebbero sei mesi, infatti, per essere pronti per partire. L'idea di una cura shock per il debito pubblico, trasformandolo in azioni, era venuta all'ex ministro Giuseppe Guarino (in quel caso si era parlato di un'operazione di oltre 400
miliardi).
Una urgenza confermata ancora ieri dagli ultimi dati emersi dal bollettino statistico della Banca d'Italia.

Il debito torna a salire e, anche se rimane lontano dal record assoluto dello scorso giugno, ha toccato a settembre quota 1.527,9 miliardi di euro, con un incremento del 2,8% rispetto ad un anno prima. Il debito degli enti locali, che rappresenta una piccola parte dell'intero debito pubblico, aumentato dell '1,6% tra agosto e settembre, toccando quota 82.932 milioni di euro. Le regioni hanno una quota del debito pari a 31.425 milioni contro i 44.787 milioni di comuni e province. Una nota di positivit venuta ieri dal ragioniere generale dello stato, Mario Canzio, che nel corso di un'audizione alla camera ha giudicato la crescita del pil dello 0,3 per cento attestata dall'Istat come un dato buono.

Canzio ha anche sostenuto che la sentenza della Consulta non incider sul patto di stabilit e sui tagli complessivi ai trasferimenti agli enti locali, ma soltanto sulle indicazioni date alla priorit di tagli alla spesa di questi enti. Per la verit il ragioniere generale dello stato ieri stato impegnato anche a rintuzzare gli attacchi del centro-sinistra che lo ha accusato di occultare le voci dei conti. Precisando che la responsabilit delle scelte innanzitutto politica.

Ho fatto i miei passi, ha poi aggiunto Canzio, ho le mie carte: devo tutelare la mia persona e 35 anni in ragioneria.

Ho sempre fatto con fermezza, con accuratezza, la verifica delle relazioni tecniche. Ma le amministrazioni molto spesso non sono in grado di farle e quindi le scaricano sulle spalle della ragioneria, e noi lo facciamo nell'interesse paese, con lealt. Infine, Canzio ha spiegato che l'obiettivo di deficit al 4,3 per cento sconta la mancata uscita dell'Anas dalla pubblica amministrazione e anche del mancato incasso (3 miliardi) dalle dismissioni di strade.



news

15-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news