LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Burri) Ma sull'eredità c'è una lite da milioni di euro
Francesco Grignetti
LA STAMPA, 16-NOV-2005





E sulle spoglie del Maestro, la disfida giudiziaria. Una causa tentacolare si dipana da armi tra Italia, Francia e Stati Uniti e finora ha fatto la gioia di diverse decine di avvocati. In ballo, per dirla sinteticamente, c'è buona parte delle creazioni di Burri, valore stimato in oltre seicento milioni di euro. Le opere sono in stragrande maggioranza depositate alla Fondazione Burri (visibili in due grandi musei che sono il vanto, assieme ai tartufi, di Città di Castello), ma poi c'è anche un pezzetto della collezione che ne è rimasta fuori: apparteneva alla vedova di Burri, Minsa Craig, e ora è a casa di suo fratello Cedi. E come ogni Dinasty che si rispetti, anche quella dell'eredità Burri è una guerra senza risparmio. Finora, però, volge a favore della Fondazione. L'ultimissimo atto, di quest'estate, è stata una sentenza del tribunale civile di Perugia che ha rigettato una richiesta di sequestro avanzata da Cecil Craig, rispettabile signore ottantacinquenne di Los Angeles che si ritiene, in quanto cognato del Maestro, legittimo erede del tesoro.
Lungo e complicato è l'iter della causa. Basti dire che Burri, artista di proverbiale pessimismo sulla natura umana, pensava di aver fatto le cose per benino. La prima donazione la fece negli anni Settanta. Poi, ai primi Anni Novanta, preparò un secondo immenso museo comprando a sue spese alcuni capannoni a Città di Castello, li ristrutturò, li riempì di sue opere, e quindi donò il tutto alla cittadinanza attraverso lo strumento di una Fondazione. Redasse il catalogo generale delle opere per evitare la proliferazione di falsi. In ultimo, stabilì per testamento che anche il resto della collezione andasse alla Fondazione. «Ricordo ancora le nostre conversazioni all'epoca della prima donazione - rievoca l'ex sindaco, Venanzio Nocchi - che non erano facili. Lui fascistissimo, io comunista. Tra noi, però, c'era un grande rispetto e la lezione di Argan».
E invece, nonostante tutto fosse già predisposto, proliferano le cause. La moglie, grande ballerina, inizialmente assecondò la volontà del marito. In ultimo, però, entrata in rotta con la Fondazione, fece causa per riprendersi le opere. Morta lei nel dicembre di due anni fa, ora sono il fratello e un cugino della signora che dagli Usa portano avanti le cause. E' questione di centinaia di milioni di euro. Ma anche di un immenso patrimonio artistico che è gestito dalla Fondazione (secondo una denuncia della vedova nel 1999, nei caveau c'erano 803 opere) e alimenta le mostre temporanee come quella che si va a inaugurare a Roma. Opere che, ove vincessero gli eredi americani, volerebbero in blocco al di là dell'Atlantico. Significativa è la vicenda di 37 quadri che si trovavano nella villa in Provenza del Maestro e che sono prontamente spariti. La Fondazione ha fatto una denuncia sia alla magistratura italiana che a quella francese. Racconta l'avvocato Italo Tomassoni: «Da quanto sappiamo, le opere sono passate per un'agenzia di spedizioni di Marsiglia e poi finite in America. Nulla è finito sul mercato, però». Replica il legale che assiste i Craig, Stefano Di Fiore: «Nessun mistero. I legittimi eredi hanno portato le opere negli Stati Uniti previa regolare notifica allo Stato francese dopo che un notaio le aveva inventariate.
Una di quelle opere, peraltro, è stata donata al Centro Pompidou di Parigi. Quanto alle vendite, ci risulta piuttosto che qualche opera di quelle trasferite alla Fondazione attraverso l'eredità contestata sia finita sul mercato. L'alienazione è possibile grazie a un codicillo dello statuto della Fondazione che fu appunto uno dei motivi di dissidio tra i dirigenti e la signora».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news