LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Finanza ha scoperto un tesoro. Isili. L'area archeologica non era stata mai censita dalla Sovrintendenza di Nuoro
L'UNIONE SARDA - PROVINCIA DI CAGLIARI, 16-NOV-2005





In un villaggio romano monete e una statua della Dea Madre
C'era un tesoro nelle campagne di Isili e nessuno lo sapeva. N gli esperti della Sovrintendenza, n gli studiosi dell'Universit. A scoprirlo ci ha pensato la Guardia di Finanza, che nel corso di indagini sulla tutela del patrimonio archeologico della Sardegna ha rinvenuto un villaggio di epoca romana risalente al I-II secolo dopo Cristo, ha sequestrato la zona e circa 230 reperti archeologici e ha denunciato il proprietario del terreno. Sempre nel territorio di Isili, le fiamme gialle hanno denunciato un altro agricoltore che ha arato resti nuragici, punici e mura romane, danneggiandoli.
MASSIMO RISERBO. Nessuna indiscrezione trapelata da parte della Guardia di Finanza sui nominativi dei proprietari dei terreni. Dobbiamo attenerci alle disposizioni della Magistratura - ha detto il maresciallo Lucio Mlia - non possiamo rendere noti n i nomi dei due proprietari n le localit teatro delle operazioni.
IL TESORO. Nel villaggio di epoca romana sono state rinvenute almeno 25 monete di bronzo d'epoca romana (imperiale e repubblicana) e una moneta bronzea di presumibile et punica. Sono stati rinvenuti anche quattro macine in basalto; un peso di forma circolare sempre di et romana; una fusaiola e altri frammenti di vasellame, anfore e laterizi di cui uno provvisto del bollo del produttore. E poi otto statuine che sono ancora all'esame della soprintendenza per determinarne la natura e l'origine. Di particolare interesse, se ne venisse riconosciuta l'autenticit, anche una statua della Dea Madre che avrebbe un notevole valore archeologico.
IL DANNEGGIAMENTO. Il villaggio romano non era mai stato censito dagli esperti, al contrario di un altro sito archeologico, gi sottoposto a vincolo, di epoca nuragica e romana, che - stando alle indagini e ai rilievi - stato pesantemente danneggiato dal proprietario di un terreno. I lavori d aratura effettuati in questa area archeologica, senza la preventiva autorizzazione della Soprintendenza, hanno portato alla rimozioni di muri risalenti all'epoca romana. Cos crollata anche la parte di un nuraghe presente nel terreno. In questo sito la Guardia di Finanza ha recuperato e sequestrato oltre quaranta frammenti che secondo gli studiosi risalgono ali e-poca romana e nuragica.
LA DENUNCIA. I due proprietari delle aree sono stati segnalati alla Procura della Repubblica per la violazione della legge sulla Tutela paesaggistica. I reperti recuperati e sequestrati sono al momento, custoditi nella caserma sede della Brigata della Guardia di Finanza di Isili.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news