LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alberi d'Italia, monumenti verdi
di VALERIO GUALERZI
16/11/2005, www.larepubblica.it


ROMA - Sono stati venerati e temuti, hanno scaldato e nutrito l'umanit, le hanno fornito ombra e riparo, legna da lavorare e da ardere. Ma gli alberi nella loro ultramillenaria presenza sulla Terra hanno dato all'uomo anche qualcosa di pi difficile da contabilizzare: la loro straordinaria bellezza. "I grandi alberi d'Italia", un libro fotografico di Claudio Cagnoni, curato dalla De Agostini per conto del Corpo forestale dello Stato, cerca di dare conto di questo dono eccezionale portando il lettore "alla scoperta dei monumenti naturali del nostro paese".

Da oltre venti anni gli uomini della forestale, oltre a curare i boschi e spegnere incendi, stanno raccogliendo informazioni sul patrimonio arboreo della Penisola. E' stata cos raccolta una massa imponente di dati: 22.000 schede di alberi di particolare interesse che sono state poi ulteriormente selezionate, fino ad individuare 2.000 esemplari di grande interesse e, fra di essi, 150 che presentano un eccezionale valore storico o monumentale.

"Il censimento - spiegano alla Forestale - non ha interessato gli alberi come categoria vegetale, o come risorsa economica, ma singoli soggetti arborei che hanno una propria 'individualit' per essere eccezionalmente vecchi, per essere stati protagonisti di episodi storici o per essere legati alla vita di grandi uomini o di Santi".

Nelle centinaia di immagini raccolte nel volume troviamo infatti non solo alberi particolarmente belli o grandi, come la Cerquatonda di Montalto Marche o il ficus dei giardini Garibaldi a Palermo, ma anche piante che sono state testimoni della storia d'Italia o ispirazione per i suoi poeti. Possiamo cos ammirare quel poco che rimane del leccio dove San Francesco predic agli uccelli o gli ancor vigorosi cipressi cantati dal Carducci.

Oltre che di foto suggestive il libro ricco anche di dati, aneddoti e cenni sulla ricchissima mitologia degli alberi. Si scopre ad esempio che il pi grande d'Italia veniva considerato il "Castagno dei Cento Cavalli, in comune di Sant'Alfio (CT), seguito da un castagno un po' pi "piccolo", che cresce in Comune di Mascali (CT) il cui tronco misura 20 metri di circonferenza. L'albero pi alto, ma il dato controverso poich e' pi difficile misurare le altezze che le circonferenze, dovrebbe essere un Liriodendro che cresce nel parco Besana di Sirtori (CO) o forse una delle Sequoie sempreverdi che svetta nel Parco Burcina di Pollone (VC). Entrambi raggiungono circa i 50 metri. Ancora pi difficile stabilire quale sia l'albero pi vecchio d'Italia. Probabilmente il primato spetta ad un oleastro di S. Baltolu di Luras (SS), che si suppone abbia almeno un paio di millenni di vita.

Ma se "I grandi alberi d'Italia" colpisce per la straordinaria rassegna di bellezze, non meno impressione fanno i vuoti presenti nel volume: manca, ad esempio, la famosa "Quercia del Tasso", di cui rimane soltanto il tronco inaridito, cos come non ci sono pi anti altri monumenti verdi scomparsi negli anni per colpa dell'incuria e della sventatezza dell'uomo.

(16 novembre 2005)



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news