LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alberi d'Italia, monumenti verdi
di VALERIO GUALERZI
16/11/2005, www.larepubblica.it


ROMA - Sono stati venerati e temuti, hanno scaldato e nutrito l'umanità, le hanno fornito ombra e riparo, legna da lavorare e da ardere. Ma gli alberi nella loro ultramillenaria presenza sulla Terra hanno dato all'uomo anche qualcosa di più difficile da contabilizzare: la loro straordinaria bellezza. "I grandi alberi d'Italia", un libro fotografico di Claudio Cagnoni, curato dalla De Agostini per conto del Corpo forestale dello Stato, cerca di dare conto di questo dono eccezionale portando il lettore "alla scoperta dei monumenti naturali del nostro paese".

Da oltre venti anni gli uomini della forestale, oltre a curare i boschi e spegnere incendi, stanno raccogliendo informazioni sul patrimonio arboreo della Penisola. E' stata così raccolta una massa imponente di dati: 22.000 schede di alberi di particolare interesse che sono state poi ulteriormente selezionate, fino ad individuare 2.000 esemplari di grande interesse e, fra di essi, 150 che presentano un eccezionale valore storico o monumentale.

"Il censimento - spiegano alla Forestale - non ha interessato gli alberi come categoria vegetale, o come risorsa economica, ma singoli soggetti arborei che hanno una propria 'individualità' per essere eccezionalmente vecchi, per essere stati protagonisti di episodi storici o per essere legati alla vita di grandi uomini o di Santi".

Nelle centinaia di immagini raccolte nel volume troviamo infatti non solo alberi particolarmente belli o grandi, come la Cerquatonda di Montalto Marche o il ficus dei giardini Garibaldi a Palermo, ma anche piante che sono state testimoni della storia d'Italia o ispirazione per i suoi poeti. Possiamo così ammirare quel poco che rimane del leccio dove San Francesco predicò agli uccelli o gli ancor vigorosi cipressi cantati dal Carducci.

Oltre che di foto suggestive il libro è ricco anche di dati, aneddoti e cenni sulla ricchissima mitologia degli alberi. Si scopre ad esempio che il più grande d'Italia veniva considerato il "Castagno dei Cento Cavalli, in comune di Sant'Alfio (CT), seguito da un castagno un po' più "piccolo", che cresce in Comune di Mascali (CT) il cui tronco misura 20 metri di circonferenza. L'albero più alto, ma il dato è controverso poiché e' più difficile misurare le altezze che le circonferenze, dovrebbe essere un Liriodendro che cresce nel parco Besana di Sirtori (CO) o forse una delle Sequoie sempreverdi che svetta nel Parco Burcina di Pollone (VC). Entrambi raggiungono circa i 50 metri. Ancora più difficile è stabilire quale sia l'albero più vecchio d'Italia. Probabilmente il primato spetta ad un oleastro di S. Baltolu di Luras (SS), che si suppone abbia almeno un paio di millenni di vita.

Ma se "I grandi alberi d'Italia" colpisce per la straordinaria rassegna di bellezze, non meno impressione fanno i vuoti presenti nel volume: manca, ad esempio, la famosa "Quercia del Tasso", di cui rimane soltanto il tronco inaridito, così come non ci sono più anti altri monumenti verdi scomparsi negli anni per colpa dell'incuria e della sventatezza dell'uomo.

(16 novembre 2005)



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news