LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La politica contro il patrimonio artistico
di GABRIELE SIMONGINI
16-NOV-2005, Il Tempo


Polemico dibattito a Palazzo Barberini sul rischio di vendita dei nostri beni culturali

«NEL nostro paese siamo molto vicini ad un punto di non ritorno: quello di voler svendere al migliore offerente il nostro patrimonio artistico». Questo impressionante grido d’allarme è lanciato da Salvatore Settis, Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa, uno storico dell’arte di fama internazionale che sembra aver ricevuto in eredità la vis polemica e l’indignazione morale dell’indimenticabile Federico Zeri. Tutto ciò è ben evidente e documentato nel suo ultimo volume, «Battaglie senza eroi» pubblicato da Electa come una sorta di libro bianco sui pericoli che minacciano i nostri beni culturali. L’ultima fatica di Settis è stata appena presentata a Roma, in Palazzo Barberini, da Claudio Strinati, Soprintendente del Polo Museale Romano, da Gustavo Zagrebelski, già Presidente della Corte Costituzionale, dal giornalista Paolo Mauri e dallo stesso autore, in un dibattito ricco di spunti di riflessione. Settis ha voluto precisare fin dall’inizio che «la tutela del patrimonio artistico non è né di destra né di sinistra. Senza dubbio, in materia di beni culturali, i governi di ogni colore politico hanno fatto più cose negative che positive, con una continuità che definirei pericolosa. La nostra classe politica attuale rivela un deficit culturale che il nostro paese non merita». È stato così rilevato che nei fatti viene costantemente disatteso uno degli articoli più originali della nostra Costituzione, l’art. 9: «La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della nazione». I partecipanti al dibattito hanno concordemente sostenuto che non si possono separare tutela, attribuita allo Stato e valorizzazione, assegnata alle regioni, senza compromettere la salvaguardia complessiva dei nostri beni culturali. «Il punto della questione - ha notato Zagrebelski - è che i beni artistici andrebbero sottratti al regime di beni economici destinati a produrre un profitto». Proprio su tale questione Settis è stato durissimo. «Un importante economista - ha precisato lo storico dell’arte - ha presentato un testo molto preoccupante al Ministero dell’Economia dal quale si evince che il nostro terrificante debito pubblico si può ripianare vendendo tutto il patrimonio pubblico e in primis i beni culturali. E in un altro documento si sostiene che i musei e i siti archeologici devono trovare da soli i fondi per mantenersi, altrimenti lo Stato se ne deve disfare. In realtà, basterebbe risolvere la piaga dell’evasione fiscale, compresa secondo pareri diversi fra i 210 e i 410 miliardi di euro all’anno. Basterebbe recuperarne il 10% e ogni problema svanirebbe. È mai possibile che l’evasione fiscale sia più protetta dei nostri beni culturali?». Un altro tema scottante è la mancanza del turn over nei ruoli degli storici dell’arte e dei Soprintendenti del Ministero dei Beni Culturali. «L’età media- ha chiarito Strinati- di un funzionario delle Belle Arti è di 55 anni. Non c’è un ricambio generazionale, lo Stato tende a dimenticare se stesso dal punto di vista normativo e rischia quindi di implodere». La situazione difficile e per certi versi paradossale del nostro patrimonio artistico è stata infine sintetizzata col caso «Palazzo Barberini». «Qui, già dal secondo dopoguerra - ha ricordato Settis - avrebbe dovuto sorgere la Galleria Nazionale d’Arte Antica. Ma il Circolo Ufficiali delle Forze Armate da allora non ha mai lasciato gli spazi indebitamente occupati, nonostante innumerevoli impegni presi da tutti i governi che si sono succeduti in questi ultimi cinquant’anni. E così il 70% delle opere restano chiuse in deposito».

mercoledì 16 novembre 2005



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news