LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Immobili, critiche al piano Brunetta - Assoedilizia: servono agevolazioni fiscali
di Gianfranco Di Rago
ItaliaOggi - 16/11/2005



Le reazioni delle associazioni di settore alla proposta del consigliere economico di palazzo Chigi.


Case gratis per 500 mila famiglie italiane grazie ai proventi derivanti dalla vendita degli edifici popolari di proprietà degli enti pubblici. Questo il piano annunciato dal consigliere economico di palazzo Chigi, Renato Brunetta, che segue di pochi giorni le dichiarazioni del presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, circa il futuro impegno del governo a risolvere il problema del fabbisogno abitativo in Italia e che ha suscitato numerose reazioni nel settore. Berlusconi ha comunque puntualizzato, ieri a Milano, che il piano allo studio è destinato alle vittime degli sfratti e non a quel 19% di italiani che vive in affitto.
Confedilizia si è detta soddisfatta della proposta di Brunetta in quanto, secondo il presidente Corrado Sforza Fogliani, ´l'edilizia residenziale pubblica ha dimostrato in Italia di non funzionare, creando solo isole di privilegio, di clientelismo, di spreco'. Secondo Achille Lineo Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia, associazione milanese della proprietà edilizia, il progetto di rilancio dell'edilizia residenziale pubblica dovrà invece essere accompagnato da una serie di agevolazioni fiscali destinate ai piccoli proprietari di casa per incentivare le operazioni di ristrutturazione e frazionamento degli edifici inutilizzati.

´Le proposte provenienti dal governo sono apprezzabili', ha detto Colombo Clerici, ´in quanto il problema del disagio abitativo era ormai assente da troppo tempo dall'agenda delle priorità degli esecutivi che si sono succeduti negli ultimi anni. A partire dagli anni 80, si è assistito infatti a un progressivo disimpegno sul tema da parte delle autorità statali'.

Secondo il Sicet, sindacato degli inquilini della Cisl, il piano annunciato dal governo arriva in ritardo ed è largamente insufficiente. Il segretario generale, Ferruccio Rossigni, chiede uno stanziamento di almeno 1 miliardo di euro l'anno per dieci anni, oltre a 500 milioni di euro per un fondo sociale. Anche secondo l'Ance, l'associazione dei costruttori guidata da Claudio de Albertis, è evidente il disagio abitativo in cui le famiglie versano a causa dell'esiguo numero di alloggi disponibili sul mercato delle locazioni e dell'edilizia residenziale pubblica.

A questo proposito appaiono interessanti i risultati che emergono da uno studio condotto da Assoedilizia sul fabbisogno abitativo in Italia. La penisola italiana è ultima in Europa per il numero di appartamenti concessi in locazione, rispetto al numero totale di edifici in proprietà (si tratta del 19%, su un totale di circa 27 milioni di immobili). L'Italia si presenta di gran lunga in ritardo rispetto a paesi come la Germania (55%), l'Olanda (46%), la Svezia (44%), la Francia (40%), il Regno Unito (32%) e condivide la sesta posizione con la Turchia. D'altra parte, il Belpaese occupa l'ultimo posto anche nella classifica degli stati che più hanno investito nella realizzazione di case popolari. L'Italia, con il suo 3%, segue infatti a distanza l'Olanda (33%), il Regno Unito (19%), la Francia (16%), la Germania (10%) e l'Irlanda (8%). Il dato relativo all'esiguità degli edifici a disposizione delle famiglie italiane è ulteriormente aggravato da quello relativo al cattivo utilizzo degli immobili di proprietà pubblica. Per esempio, relativamente alla sola città di Milano, che conta circa 72 mila alloggi pubblici, circa 15 mila appartamenti non sono utilizzati in maniera corretta, sia perché occupati abusivamente (circa 4 mila), o comunque da soggetti che hanno perso i requisiti necessari alla permanenza legittima nell'alloggio, sia perché inutilizzabili o degradati (circa 3.900) e, dunque, bisognosi di interventi di ristrutturazione.

A Milano sono poi circa 4.700 gli alloggi assegnati a famiglie assolutamente indigenti che non pagano alcun canone. Inoltre, secondo una recente ricerca del Centro studi per la programmazione intercomunale dell'area metropolitana meneghina, il fabbisogno abitativo dell'area in questione risulta essere di circa 47 mila alloggi, di cui 19 mila per il fabbisogno arretrato, 12 mila per quello insorgente, 7 mila per quello cosiddetto aggiuntivo e 9 mila per quello lavorativo



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news