LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ragioneria generale dello Stato: Immobili pubblici, incasso da 3 mld
di Giampiero Di Santo
ItaliaOggi - 16/11/2005



Lo ha detto il ragioniere generale dello stato nell'audizione in commissione bilancio camera.
Canzio: scelta politica condivisa quella di cancellare i 6 mld

La vendita di immobili pubblici far entrare nelle casse dello stato una cifra compresa tra i 3 e i 4 miliardi di euro nel 2005. Mentre per il 2006, la decisione di cancellare la posta di 6 miliardi iscritta alla voce dismissioni immobiliari stata una scelta politica condivisa'. Quanto al patto di stabilit interno, che finora ha funzionato bene, la sentenza della Consulta che impedisce allo stato di determinare con esattezza le misure di riduzione della spesa che le regioni e gli enti locali dovranno adottare non un ostacolo insormontabile.
La sentenza non incide sui tagli complessivi dei trasferimenti, ma solo sulle misure indicate', ha detto ieri il ragioniere generale dello stato, Mario Canzio, nel corso di un'audizione in commissione bilancio della camera. Basterebbe quindi eliminare le indicazioni, sperando che gli enti incidano sulle spese di funzionamento e non sulla spesa sociale o sanitaria'.

Canzio, dopo avere affrontato la questione del verdetto della consulta sulla Finanziaria 2004 e dei suoi possibili effetti sulla manovra per il 2006, ha illustrato i recentissimi interventi sui conti pubblici decisi dal ministro dell'economia, Giulio Tremonti. E in risposta alle accuse di avere occultato 6 miliardi di euro di aumento del dato tendenziale di deficit per l'anno prossimo lanciate dall'ex titolare del dicastero di via XX Settembre, Vincenzo Visco, ha chiarito che si trattato di una scelta politica. Non posso scaricare responsabilit su altri in questa sede', ha precisato. Si tratta di decisioni condivise e la responsabilit collegiale e politica, non tecnica'.

Un modo come un altro per chiarire che comunque la scelta di cancellare i 6 miliardi di euro stata dettata dalla necessit di esaudire le richieste della Commissione europea, che pi volte aveva lamentato la presenza, nella manovra di bilancio, di previsioni di incasso difficilmente realizzabili. Non a caso, Canzio ha ricordato che quando Tremonti arrivato, ha ritenuto di confermare i 6,5 miliardi di dismissioni di immobili previsti per il 2005 e i 6 attesi per l'anno prossimo. Poi, c' stata la ristrutturazione radicale introdotta per decreto nei conti del 2005 e con la cancellazione dei 6 miliardi di cessioni di immobili previsti per il 2006'.

Tra il quando e il poi, insomma, successo qualcosa di importante che ha convinto il ministro dell'economia a cambiare rotta. Ma il mancato cambiamento dei saldi per il 2006, che dovr ora essere introdotto nella manovra nel corso del passaggio alla camera, non stato determinato dalla volont di occultare qualcosa. Mi dispiace che ci sia stata confusione sulle dismissioni e sui conti', ha osservato il ragioniere generale dello stato.

Per noi, per, la situazione era chiara. Se poi viene detto altro non dipende da me'.

Canzio ha precisato che nel valutare al 4,3% il rapporto tra deficit e pil nel 2005 il governo ha calcolato anche il peso del mantenimento dell'Anas all'interno della pubblica amministrazione. E ha aggiunto che l'esenzione dall'Ici per gli edifici religiosi usati a fini commerciali non avr conseguenze negative in termini di gettito



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news