LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia: «Soldi finiti? I privati fanno già la loro parte»
Martedì, 15 Novembre 2005 Il Gazzettino online




«Abbiamo sempre dato alla città, e continueremo a farlo».

Il direttore dell'associazione veneziana albergatori, Claudio Scarpa, risponde con estusiasmo all'appello lanciato sabato, nell'incontro con gli imprenditori a Pieve di Soligo, dal sindaco Massimo Cacciari agli operatori privati veneziani, affinché mettano a disposizione risorse e capitali per le manifestazioni da organizzare in laguna. «La strada per il futuro si chiama finanza di progetto, dunque iniziative finanziate e gestite assieme da pubblico e privato. Stiamo studiando un progetto in questo senso da presentare a Cacciari - spiega Scarpa - Ma la filiera del turismo è lunga: oltre ad albergatori, ristoratori ed esercenti, ci sono artigiani, gondolieri, motoscafisti. Tutti devono contribuire».

Dello stesso parere anche Maurizio Franceschi, segretario della Confesercenti: «È giusto sedersi attorno ad un tavolo e discutere cosa si può fare, ma bisogna capire innanzitutto quali sono i progetti. E poi non vorrei che fossero chiamati a pagare sempre i soliti - polemizza - Sono molti i soggetti che beneficiano delle iniziative organizzate in città, e dunque tutti devono fare la propria parte. Non dimentichiamo, inoltre, che alcune manifestazioni sono già organizzate da associazioni di categoria».

Il presidente dalla Camera di commercio, Massimo Albonetti, rispedisce la palla al mittente: «Il mondo economico è disponibile, ma anche le amministrazioni pubbliche devono fare la loro parte - dichiara - Ben venga un tavolo comune attorno al quale discutere, ma non dimentichiamo che il mondo economico paga già la sua parte attraverso imposte e tariffe. E anche per gli operatori economici, come per il Comune, non ci sono più soldi. È dunque importante avviare un confronto, in modo da utilizzare al meglio le poche risorse disponibili, per non sprecarle».

Esprime scetticismo anche Ernesto Pancin, segretario dell'Aepe, l'Associazione pubblici esercizi: «Gli operatori economici non hanno sicuramente la possibilità di mettere a disposizione le risorse necessarie ad organizzare eventi a Venezia - spiega - Servono sponsor adeguati e siamo sicuri che l'assessorato al Turismo sarà in grado di trovarne in abbondanza. Per quanto è nelle nostre possibilità, continueremo a sensibilizzare i nostri associati e ad affiancare il Comune in tutte le sue iniziative».

Gianni De Checchi, segretario della Confartigianato di Venezia, è stato il promotore dell'incontro di sabato tra categorie economiche e amministrazione comunale. «L'appello del sindaco va accolto - spiega - anche se all'interno della nostra associazione non ne abbiamo ancora parlato. Tuttavia faccio tre osservazioni. Primo: io rappresento una categoria che può avere indotto diretto o indiretto dagli eventi che si organizzano in città. E per questo devo investire con oculatezza, stando attento a finanziare progetti che abbiano un ritorno economico. Secondo: non tutte le imprese sono iscritte alle associazioni, noi per esempio rappresentiamo il 60 per cento degli artigiani e non credo sia corretto che si chieda il sacrificio dell'intera categoria per finanziare eventi di cui poi beneficia anche chi non è iscritto. Terzo: siamo disponibili a collaborare se ognuno fa la sua parte. Anche quest'anno organizzeremo i Mercatini di Natale. Ebbene, a fronte di un costo di circa 200mila euro, il Comune finanzia il 10 per cento, Confartigianato il 36 per cento, la Camera di commercio il 3, e via di questo passo. Credo che questo sia un buon metodo di lavoro, applicabile magari anche al Carnevale».




news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news