LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Sovrintendente C' la fila per investire a Venezia
Marted, 15 Novembre 2005 Il Gazzettino online



La Sovrintendente Codello: Numerosi contatti, ma rischiamo di non avere tecnici per i progetti

Venezia
Se un'impresa vuole investire in restauro, di un'opera d'arte o di un monumento, per avere una carta di credito da spendere soprattutto all'estero, Venezia la citt ideale in cui investire.Parola di Renata Codello, reggente la Soprintendenza per i Beni architettonici e per il Paesaggio di Venezia. Il discorso vale non solo per le fondazioni bancarie (della citt ma anche della Regione) a questo preposte, ma per le ditte private, a livello nazionale. La Soprintendenza in contatto con alcune agenzie, di Milano, Roma e Vicenza che fanno da tramite tra l'interlocutore privato, disposto a finanziare un intervento e quello pubblico, che ha necessit di finanziamento, e tutte concordano nell'affermare che Venezia, pi di Milano, pi della stessa Roma in cima alle preferenze come luogo in cui investire. Per quale motivo? Semplicemente - risponde Codello - perch Venezia nell'immaginario di tutti, in tutto il mondo, e non solo di un pubblico selezionato di lite. Inoltre, qui, da noi, c' un modello operativo, in atto, ormai da decenni ed il rapporto tra la Soprintendenza e i Comitati Privati dell'Unesco: la Soprintendenza, o meglio le diverse Soprintendenze nonch l'ufficio ecclesiastico propongono una lista di interventi, tra i quali i Comitati scelgono quali finanziare, mentre alla Soprintendenza spetta il compito della progettazione. Gli sponsor privati possono scegliere tra questa modalit o il presentare un loro progetto, fatta salva la qualit delle ditte interessate, ma in genere, per ragioni di prestigio, preferiscono la prima soluzione, anche se questo comporta il pagamento di una percentuale dell'1.5 percento sul costo del progetto.Il problema, allora, un altro, che paradossalmente tanto pi rischia di diventare grave, quanto pi ci sono aspiranti sponsor. Ovvero della capacit progettuale dei funzionari della Soprintendenza non in termini di competenze, che ci sono, ma in termini di personale, sempre insufficiente rispetto alle richieste. Rischia di essere un gatto che si morde la coda, almeno che il governo non prenda atto delle risorse economiche, nel presente e ancor pi nel futuro, che questo processo mette in atto e agisca di conseguenza.

Problemi di personale, a parte, come procedere sulla strada della progettazione?Il modello quello dei fondi del lotto: non pi interventi a pioggia, ma il finanziamento di un progetto ( accaduto per le Gallerie dell'Accademia) che possa anche avere una programmazione pluriennale, ma realizzabile, in tempi certi . La possibilit di investire in pi anni piace molto ai privati che in questo modo possono programmare un'efficace azione promozionale e comunicativa, obbiettivo, ancora una volta, soprattutto l'estero. Come si vede si va ben oltre lo scopo primario della tutela e della conservazione del patrimonio monumentale. La sfida quella di inventare strutture adeguate capaci di valorizzare il bene culturale.

Lo scandalo - conclude Codello - che edifici di pregio come Ca' Corner della Regina o la Punta della Dogana siano lasciati nel degrado per anni. Se allora un privato, come Pinault, interviene per rivitalizzarle, sia il benvenuto.

Lidia Panzeri




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news