LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli angeli del fango: a 40 anni dall'alluvione
Riccardo Michelucci
Avvenire, 15 nov 2005

IL CASO
La città di Firenze si prepara con un anno di anticipo alle iniziative per i 40 anni dell'alluvione, invitando tutti i volontari che corsero in aiuto



Oltre tremila giovani nel ’66 giunsero per salvare le opere d’arte: fra essi Joan Baez e Ted Kennedy

Da Firenze


Firenze si prepara con un anno di anticipo alle grandi celebrazioni per il quarantennale dell'alluvione del 4 novembre 1966 che vedranno una serie di iniziative dedicate alla memoria. Quattro decenni dopo il disastroso straripamento dell'Arno sono stati chiamati a raccolta per la prima volta gli "angeli del fango", quei giovani che accorsero da ogni parte del mondo per portare il loro aiuto nel recupero delle straordinarie opere d'arte del capoluogo toscano attaccate dalla furia del fiume. In poche ore tonnellate di acqua, fango e nafta investirono e distrussero decine di migliaia di opere che costituivano un importante frammento del patrimonio culturale mondiale: volumi antichi, codici miniati, affreschi, quadri, statue, pale d'altare, arredi sacri e reperti archeologici. Dalle acque scure e dense dell'Arno uscite violentemente dagli argini furono salvati capolavori del Beato Angelico, di Simone Martini, di Giotto. Le opere più danneggiate, soprattutto le sculture in legno, furono portate nel giardino di Boboli e conservate in un deposito molto umido per evitare che si creasse un irrimediabile effetto onda sulle superfici. Un pool qualificatissimo di esperti di restauro cominciò a lavorare sulle opere meno compromesse sperimentando nuove modalità d'intervento. Furono almeno tremila gli "angeli" che contribuirono a salvare dal fango tesori dell'arte e patrimoni librari, ma anche abitazioni e attività commerciali. Tra loro c'erano anche persone poi divenute celebri, come Ted Kennedy, Lionel Jospin, Joschka Fischer, Joan Baez e Francesco De Gregori. A lanciare l'appello per il raduno - che si svolgerà il 4 novembre 2006 - sono state la Regione Toscana, gli enti locali e alcune associazioni culturali. L'obiettivo è quello di effettuare il più importante censimento di tutti i "ragazzi e le ragazze del '66", una generazione che Firenze tuttora ricorda per la straordinaria dimostrazione di solidarietà e passione civile. L'«operazione memoria» comprende anche un bando lanciato dal Comune di Firenze per raccogliere documenti, foto, ritagli di riviste e giornali d'epoca, filmati amatoriali e testimonianze relative a quei tragici giorni. Un'apposita commissione selezionerà tutto il materiale raccolto entro il 30 giugno prossimo e lo metterà a disposizione di una mostra per il quarantennale che si propone di recuperare la memoria dell'evento attraverso le esperienze personali. Ma le tante mostre e manifestazioni sull'alluvione organizzate in questi trentanove anni hanno talvolta attirato le critiche di chi denuncia un'attenzione concentrata sull'aspetto espositivo e memorialistico a discapito del recupero vero e proprio delle opere danneggiate. In alcuni casi il momento del restauro non arriverà probabilmente mai a causa della mancanza di fondi e dello scarso interesse di istituzioni ed enti privati. «Con gli scarsi finanziamenti a nostra disposizione in questi anni siamo riusciti a restituirne appena una trentina scarsa alle chiese o ai musei dove si trovavano originariamente», spiega Matilde Simari, responsabile della soprintendenza al patrimonio storico-artistico. Per proteggere le opere d'arte contro le alluvioni è stato fatto in modo che non fossero più a portata d'acqua o che siano facilmente proteggibili: l'esempio più famoso è il Crocifisso del Cimabue nella basilica di Santa Croce che adesso può essere alzato tramite una manovella posizionata nel convento. Si calcola che siano almeno 280 i dipinti su tavola e su tela, le sculture, gli arredi sacri, le opere lignee e gli affreschi staccati tuttora in attesa di restauro. Opere in gran parte provenienti da chiese fiorentine come SS. Annunziata, SS. Apostoli, Santa Croce e Sant'Ambrogio e sulle quali l'incuria del tempo in molti casi ha fatto maggiori danni della piena del fiume. Nei giorni scorsi il sovrintendente al polo museale della Toscana Antonio Paolucci ha messo nuovamente il dito nella piaga denunciando lo scarso interesse della città e del Ministero dei beni culturali a recuperare quella parte di patrimonio d'arte che giace da decenni nei depositi della sovrintendenza. Anche Umberto Baldini, che nel 1966 dirigeva il Gabinetto dei restauri della soprintendenza e fu tra le persone maggiormente impegnate per salvare i capolavori di Firenze, si dice rammaricato per tutti i soldi che vengono spesi per mostre ed esposizioni mentre tante opere attendono ancora di essere restaurate. Appena un anno e mezzo fa la maestosa "Ultima cena", una tavola di sei metri per due e sessanta dipinta da Giorgio Vasari per il refettorio della basilica di Santa Croce è stata trasferita all'Opificio delle Pietre dure per iniziare il restauro. Quando l'Arno invase la chiesa l'opera fu divisa in cinque parti e "velinata", cioè coperta con una carta protettiva incollata alla superficie. Ma insieme all'opera fu conservato anche il fango che la ricopriva, un errore che potrebbe averne compromesso il recupero, che sicuramente durerà molti anni. Anche la Biblioteca nazionale, costruita in prossimità dell'Arno, fu investita in pieno dall'alluvione che sommerse quasi un milione di unità bibliografiche sistemate nelle sale dell'edificio. Risultarono gravemente danneggiate tantissime opere moderne, ma soprattutto circa centomila volumi appartenenti alle raccolte storiche della biblioteca, come gran parte dei volumi del fondo Magliabechiano, i grandi formati Palatini e il prezioso fondo delle Miscellanee. Tonnellate di volumi vennero estratte dal fango, trasportate in luoghi sicuri e sottoposte a forme innovative di restauro. Ma sono ancora tanti i libri, le stampe e i codici antichi che attendono di tornare sugli scaffali.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news