LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROCCANOVA: Sar tutelata l'area dell'abbazia di San Nilo
La Gazzetta del Mezzogiorno(Basilicata) 15/11/2005

La Soprintendenza per i beni archeologici ha avviato le procedure per la salvaguardia dei ruderi del complesso


La zona di San Nilo (sec. XII) presenta interesse storico e artistico


ROCCANOVA Per i ruderi che si trovano nei pressi del campo sportivo comunale e che rappresentano l'unica testimonianza visibile dell'antica Abbazia di San Nilo, risalente al XII sec, sono state avviate le procedure per l'assoggettamento a tutela secondo il Codice dei beni culturali e del paesaggio e specificatamente dell'art. 10 che prevede la salvaguardia di quei beni culturali che presentano interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico. A stabilirlo stata la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Potenza dopo un recente sopralluogo di alcuni funzionari della sede di Matera, nella zona che prende il nome proprio dall'Abbazia. Per la Soprintendenza la richiesta di tutela riguarder non solo il rudere ma anche l'area intorno dove si presume possano esistere tracce fondali del compendio monastico. Oggi, come stato rilevato anche nella recente visita, dell'Abbazia rimane solo un rudere, un vano quadrangolare di modeste dimensioni, apparecchiato con muratura di ciottoli legati da malta, con innesti murari, il cui livello di pavimento si colloca a circa un metro sotto il livello stradale, verosimilmente facente parte della chiesa (campanile o sagrestia). Ma la sua storia molto pi antica. Le prime notizie dell'Abbazia di San Nilo si hanno, infatti, da due bolle di Boemondo, Principe di Antiochia (1107/1130) e si suppone che tale istituzione monastica sia stata fondata da Nilo XI Archimandrita del celebre Monastero di Carbone al quale l'Universit di Roccanova versava annualmente la somma di dieci ducati per la vestizione dei Frati. Gran parte del materiale riveniente dalla demolizione di tale Abbazia fu utilizzato, negli anni Ottanta dell'Ottocento, per la costruzione del cimitero di Roccanova. Nell'ancorare la richiesta di tutela al profondo valore storico di questa istituzione e all'interesse culturale del bene in quanto residua testimonianza del complesso abbaziale medievale avente profondo valore identitario nel rapporto al territorio ove si colloca, la Soprintendenza ha anche invitato l'Amministrazione comunale a voler valutare l'opportunit di predisporre un progetto di restauro mirato alla valorizzazione secondo tecniche e modalit da concordare con la Soprintendenza. Quella stessa Soprintendenza che non si fermata solo ai resti dell'Abbazia, ma che, attraverso i suoi funzionari, ha potuto riscontrare l'interesse storico e culturale del sistema di fortificazioni medievali poste sul lato sud della piazza, collocate sul margine dell'agglomerato urbano coevo, di pi antica formazione. Anche per questi immobili che si trovano in piazza del Popolo stata avviata la procedura per il riconoscimento dell'interesse monumentale e culturale. Si tratta pi nello specifico - come tra l'altro riportato nella nota del Soprintendente Attilio Maurano - di immobili costituiti da torrione-dongione ad impianto quadrato d'epoca normanno-sveva (XII sec) sul quale collocata una meridiana sette-ottocentesca, associato ad un analogo bastione ad impianto circolare, tipico del periodo aragonese (XV sec) che rappresentano le superstiti testimonianze dell'originario circuito difensivo del luogo, da cui verosimilmente ne discende il toponimo. Roccanova cos guarda alla valorizzazione dei suoi monumenti che sono tasselli importanti della sua carta d'identit storico e culturale. Andrea Lauria

15/11/2005
Si presume che possano esistere tracce fondali del compendio monastico e ora si pensa anche a un progetto di restauro




news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news