LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Consulta boccia i tagli alle Regioni
Antonella Baccaro
Corriere della Sera, 15/11/2005

ROMA La Corte costituzionale boccia il decreto con cui il governo nel 2004 ha imposto alle Regioni e agli enti locali tagli per 1-1,5 miliardi in consulenze esterne, spese di missione all'estero e rappresentanza, relazioni pubbliche, convegni e acquisto di beni e servizi.
Secondo la sentenza della Consulta, che ha fatto seguito a un ricorso di quattro Regioni (Toscana, Campania, Valle d'Aosta e Marche), il legislatore pu legittimamente imporre agli enti autonomi vincoli alle politiche di bilancio, cio fissare un tetto alla spesa, ma senza entrare nel dettaglio con vincoli puntuali relativi a singole voci di uscita.
Il verdetto, definito discutibile dal ministro per il Commercio con l'Estero Adolfo Urso, non ha effetti contabili sul bilancio del 2004. Ma secondo il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani rende necessario rivedere la Finanziaria 2006 che nell'articolo 3 ricalca esattamente l'impostazione del decreto bocciato. Una tesi che il ministro dell'Economia Giulio Tremonti respinge in quanto la manovra resta solida e non variata.
Rimane la bocciatura espressa in termini inequivocabili: la Corte costituzionale sottolinea che i vincoli stabiliti dal governo nel taglia-spese costituiscono una inammissibile ingerenza nell'autonomia degli enti quanto alla gestione della spesa. A questo si riferisce il leader dell'Unione Romano Prodi quando commenta: una sentenza di un'importanza enorme, perch stabilisce come il grado di autonomia degli enti locali non possa essere violato oltre un certo punto. Quindi anche per la Finanziaria di quest'anno pone nuovi limiti.
Ma per il ministro delle Politiche agricole Gianni Alemanno la decisione della Consulta alla fine non incide sul patto di stabilit e sui tagli complessivi ai trasferimenti: Decidano le Regioni e gli enti locali che cosa tagliare, se gli sprechi o i servizi. Pi politica la lettura del segretario dei Ds Piero Fassino: Alla vigilia dell'approvazione della devolution, che il centrodestra magnifica come esempio di decentramento regionale, la Corte costituzionale dice che in questi anni si fatta una politica che ha mortificato le autonomie ed incostituzionale.
Non d'accordo il ministro leghista delle Riforme Roberto Calderoli, secondo cui la sentenza semmai l'ennesima prova della necessit che la soluzione sia politica, attraverso le riforme, e quindi anche il federalismo fiscale.
I rappresentanti degli enti locali non ci stanno. Se la manovra 2006 non sar corretta, minaccia il presidente della Toscana Claudio Martini, potremmo pensare di superare i limiti di spesa settoriali, ad esempio quelli per il personale. Non sarebbe disobbedienza ma autotutela. Punta a riprendere il dialogo Errani: Aspettiamo ancora una risposta di Berlusconi sul fondo sociale. Raccoglie l'invito il segretario dell'Udc Lorenzo Cesa, che propone un patto istituzionale tra Stato, Regioni ed Enti locali che vada oltre le maggioranze. L'idea piace al sindaco di Roma Walter Veltroni, secondo cui il patto servir a far riprendere slancio alle sedi della concertazione istituzionale e a varare una vera riforma strutturale della finanza locale.


Le tappe della vicenda
IL DECRETO
Nel luglio 2004 stato approvato un decreto legge sul contenimento della spesa pubblica (approvato con voto di fiducia nella parte in cui vengono fissati per Regioni ed enti locali tagli alle spese per consulenze esterne, spese di missione all'estero, rappresentanza, relazioni pubbliche e convegni e spese per l'acquisto di beni e servizi)
IL RICORSO A sollevare questione di legittimit di numerosi punti della manovra sono state le Regioni Toscana Campania, Valle d'Aosta e Marche
LA SENTENZA La Corte costituzionale ha accolto parzialmente i ricorsi bocciando l'art. 1, commi 9,10 e 11, del ddl nella parte in cui si riferisce alle Regioni e agli enti locali, perch si tratta di vincoli che non costituiscono principi fondamentali di coordinamento della finanza pubblica, ma competono una inammissibile ingerenza nell'autonomia degli enti quanto alla gestione della spesa



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news