LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bulimia d'arte a Torino
Elena Del Drago
il manifesto, 15/11/2005

La Sindrome di Pantagruel il filo conduttore della nuova Triennale torinese. A indicare quell'eccesso che segna la nostra realt e che non risparmia il sistema dell'arte
Una settimana di inaugurazioni, incontri, premiazioni ed eventi quella appena trascorsa, che confermano Torino capitale della contemporaneit artistica italiana grazie al lavoro sinergico di istituzioni pubbliche e private: una nuova Triennale che ha sostituito l'ormai incomprensibile Big-, un premio assegnato dal Castello di Rivoli a una giovane artista italiano, Lara Favaretto, che ha sospeso una locomotiva di treno a moltissimi metri di altezza e ha intitolato significativamente I poveri sono ricchi, un affollatissimo opening collettivo delle gallerie cittadine: e infine Artissima, fiera che conferma la sua attenzione alle novit, siano esse artisti o galleristi. Una volont di apertura ribadita anche dalla politica dei prezzi, generalmente abbordabili, che intende avvicinare al collezionismo anche il pubblico pi insospettabile: a partire da 500 euro si possono acquistare lavori di emergenti o multipli di artisti pi conosciuti.
A favorire un ulteriore abbassamento dei prezzi anche la diffusione di una tecnica per lunghi anni dimenticata e ora tornata prepotentemente alla ribalta: il disegno. Negli stand delle gallerie pi attente imperano le opere su carta, a matita, a pennarello, a carboncino: un'intera serie dell'inglese Charles Avery, per esempio, esposta da Sonia Rosso, mentre le italiane Margherita Morgantin, Sabrina Mezzaqui e Letizia Cariello sono riunite dalla Galleria Continua di San Gimignano da poco sbarcata a Pechino. Anche da Lorcan 0' Neill molti i disegni: a matita quelli di Kiki Smith, a china quelli di Manfredi Beninati, mentre per vedere la serie su carta di Marietica Potrc bisognava passare da Nordenhake, galleria svedese con sede a Berlino.
Resiste bene anche la pittura, con una grande prevalenza dei non colori, bianco, nero, grigi, oppure pastelli che sappiano rassicurare senza decorare. Molte le fotografie e pochi i video, tutti di grande importanza, come quello di Pipilotti Rist esposto dalla galleria Hauser & Wirth di Zurigo e comprato dal Castello di Rivoli che, insieme alle altre istituzioni del territorio piemontese, ha fatto acquisti per un totale di un 1.200.000 euro. Shopping museale a parte, gli affari nel complesso sono andati molto bene, nonostante la crisi o grazie a essa: la maggioranza dei galleristi non nascondeva una certa soddisfazione.
Anche quest'anno molto interessanti le sezioni ad alto tasso di innovazione come Present Future, con i lavori di dieci artisti tra i quali Mike Nelson, Eva Marisaldi, Jeremy Deller - che sullo sfondo di una parete nera con la scritta I love Melancholy ha esposto una ragazza post punk della comunit torinese -, ma soprattutto il tedesco Michael Beutler della galleria Franco Soffiantino che, con la sua costruzione abitativa in legno, risultato a sorpresa il vincitore dell'ambito premio Illy: 10.000 dollari e la possibilit di progettare l'ennesima tazzina. Anche le 21 gallerie con meno di cinque anni di attivit riunite sotto il titolo New Entries hanno lavorato bene portando in fiera anche artisti non molto conosciuti. In particolare la galleria romana Extraspazio dove trovano ospitalit lavori di artisti lontani dal circuito mercantile europeo meritevoli di attenzione, come Farad Moshiri e Toma Mutema Luntumbue.
Tra gli estremi lontani rappresentati da Doris Salcedo e Takashi Murakami, i due numi tutelari di TI - la Sindrome di Pantagruel, prima triennale torinese -, si svolge invece il cuore della kermesse rappresentata dal lavoro dei 75 giovani artisti provenienti da tutto il mondo, selezionati dal tandem curatoriale formato da Francesco Bonami e Carolyn Christov Bagarkiev. Sono due derive artistiche completamente differenti, infatti, quella rappresentate dall'artista colombiana, che mette tragicamente in scena un quotidiano e istituzionale abuso di potere e quella invece patinata, allegra e pop del giapponese, i due punti cardinali ai quali fare riferimento per attraversare questa produzione onirica ed eterogenea esposta in ben sette sedi differenti.
Altro indizio importante, tra la tragicit a tratti macabra di alcune proposte e la disinvolta ironia della stragrande maggioranza, il titolo di questa rassegna: La Sindrome di Pantagruel. I due curatori, infatti, si sono
ispirati alla sovrabbondante e onnivora creatura di Rabelais per indicare alcuni tratti della nostra realt che senz'altro hanno ispirato molti dei lavori presenti. Pantagruel figlio di Gargantua , infatti, un essere di proporzioni gigantesche, divoratore appassionato di cibo e di vino che gli procurano una forza smisurata ma anche alcuni disagi. Stessi sintomi che, secondo i curatori, affliggono la nostra epoca di spostamenti veloci e necessari, di estrema abbondanza e altrettanta povert, di forti emozioni e dilanianti contrasti. Un eccesso che secondo la medesima tesi affligge anche il sistema dell'arte, ormai degenerato in un vortice di biennali et similia sparse per il pianeta e che, per, non ha risparmiato neppure questa TI: a essere occupati gran parte dei tre musei contemporanei della citt - II Castello di Rivoli, la Galleria d'Arte Moderna, la Fondazione Sandretto re Rebaudengo, ma anche la Fondazione Merz, il PalaFuksas, la Casa del Conte Verde e la Chiesa di Santa Croce - da opere debordanti, complesse e patinate, raramente gratuite, che come in caleidoscopio riflettono angosce e piaceri del nostro tempo. C' il russo Ter-Ogonyan, per esempio, che ci accoglie al Castello di Rivoli con un pacco luminoso dal sinistro suono intermittente: non ancora pronto a esplodere, ma ci lascia con una vaga sensazione di inquietudine, come l'epilogo tragico e surreale raccontato dalia tailandese Azaja Rasdjarmreamsook, che nel video The Class cammina spiegando a un gruppo di cadaveri allineati. Intrisi di cultura dark anche i disegni e la scultura del messicano Daniel Guzman, con uno scheletro che inghiotte una casa a simboleggiare come possa essere fagocitante la cultura. Mentre A Morir (Fino alla morte) il titolo di uno dei lavori pi emozionanti e riusciti della triennale firmato dall'argentino Miguel Angel Rios: su un tavolo entrano in scena una dopo l'altra delle trottole nere, che percorrono ognuna una propria traiettoria, ma secondo le leggi del caso si incontrano e si scontrano in una danza che insieme un vero piacere estetico e una chiara metafora dell'assoluta arbitrariet che domina le nostre esistenze. Quindi il messicano Carlos Amorales, che rielabora nell'oscurit immagini di recenti tragedie collettive eliminando il dato reale e i particolari di cronaca in un magma che sembra piuttosto appartenere a un ricordo lontano o al nostro inconscio, oppure l'indiana Malani che in un'altra videoinstallazione di grande eleganza formale (due dei cinque video si riflettono a terra sul sale) scompone immagini patrie dove lo scontro tra musulmani e ind sembra avere come terreno privilegiato il corpo femminile. Di tutt'altro sapore lavori come quello del venezuelano Javier Tellez: in una vera tenda da circo con tanto di strato sabbioso il suo video racconta il lancio di un uomo cannone sul limitare del confine tra il Messico e gli Stati Uniti. Oppure quella del sudafricano Ed Young che espone Bruce Gordon, un barista di Cape Town come opera da vendere all'asta, il quale, aspettando la sua sorte, se ne va in giro per le mostre e le strade della citt. Opere queste, intrise da una tipica melanconia circense, modulate su un gusto carnevalesco come anche l'installazione delle tre designers milanesi riunite sotto l'etichetta CIBOH che specializzate appunto sul mangiare, dal packaging degli alimenti alla riflessioni sugli stili e le abitudini alimentari, al PalaFuksas offrono allo spettatore uno spettacolo di lampadine colorate con lancio di pasticcini annesso. Molti anche i lavori strutturati secondo un'estetica del recupero, letterale o figurato: se il duo piemontese formato da Matteo Patrucco e Walter Visentin, in arte Gazeabout, va ammassando in forma di scultura ambientale armadi, specchiere, sedie e ante rifacendosi espressamente all'opera di Schwitters, l'americano David Ra-tcliff immagazzina immagini della nostra pi basica cultura commerciale, giornali porno e di vendita per corrispondenza compresi, e li restituisce, serigrafandoli, in uno stile psichedelico.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news