LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Scala, la «prima» del nuovo vertice
Paolo Foschini e Pierluigi Panza
Corriere della Sera, Milano, 15/11/2005

La Scala ha un nuovo Cda. L'assemblea dei soci fondatori ha indicato ieri i rappresentanti privati che la guideranno. Sono Paolo Scaroni, Renato Ravasio e Francesco Micheli. Quanto agli enti pubblici, la Camera di Commercio ha rinnovato l'indicazione per il vicepresidente Bruno Ermolli, mentre Stato e Regione si sono «scambiati» un consigliere. Carlo Secchi, ex rettore della Bocconi e già nel Cda su indicazione del ministero, è indicato dalla Regione. Il ministro Buttiglione invece non ha espresso il suo rappresentante. Il nuovo Cda si insedierà sabato alle 10. Tra i primi compiti, la conferma del sovrintendente Stephane Lissner.

L'assemblea dei soci fondatori del teatro alla Scala ha indicato ieri i rappresentanti privati che siederanno nel nuovo Cda. Le anticipazioni sono state rispettate e dopo poco più di un'ora di riunione, l'assemblea ha indicato i nomi. Sono Paolo Scaroni, amministratore delegato dell'Eni, che sostituisce il precedente Vittorio Mincato; Renato Ravasio, segretario generale della Fondazione Cariplo che prende il posto di Fedele Confalonieri; il finanziere Francesco Micheli, presidente del Conservatorio Giuseppe Verdi, che in rappresentanza della Pirelli prende il posto di Marco Tronchetti Provera.
Quanto agli enti pubblici, la Camera di Commercio ha rinnovato l'indicazione per il vicepresidente della Scala e presidente di Sinerg&tica Bruno Ermolli, mentre l'unico «brivido» riguarda Stato-Regione, che si sono «scambiate» un consigliere. Carlo Secchi, ex rettore della Bocconi e già nel Cda su indicazione del Ministero, è indicato dalla Regione. Il Ministro Buttiglione non ha espresso il suo rappresentante. Scelta legittima (ha 45 giorni di tempo per ratificare le nomina) ma che trasmette scarso senso di compattezza. Il nuovo Cda si insedierà sabato alle 10 (il vecchio scade domani). Tra i primi compiti, la conferma del sovrintendente Stephane Lissner.
Soddisfatto, all'uscita, il sindaco Albertini. «E' un'ottima scelta perché ci sono persone di rilievo per storia professionale e passione per la musica. C'è un mix come auspicavo». Mentre l'ex consigliere di amministrazione Fedele Confalonieri, seduto accanto allo stesso Micheli ieri sera per la presentazione di un libro al Cìrcolo della Stampa, lo ha incoraggiato a mettere anche nel suo nuovo ruolo «tutto l'impegno possibile, come quando facevi finanza». E riprendendo un concetto già espresso da Albertini ha aggiunto: «Forse in effetti lo sbaglio mio, di Tronchetti Provera e Mincato, è stato di non mettere nella Scala lo stesso impegno che abbiamo dedicato alle nostre aziende». «Certo — ha concluso — senza Muti non sarà più la stessa cosa. Da milanese, mi auguro che la Scala possa superare questo periodo anche perché ci sono ancora troppi privilegi».
Da Roma reazioni negative sono venute da parte dell'Unione con una interpellanza di 22 senatori e anche dai sindacati: «Serve una svolta culturale e pluralista, i nomi proposti non vanno in questa direzione e non siamo stati neppure ricevuti dal sindaco».
Ieri Albertini ha anche risposto alla Provincia ricordando che il Cda del 2001 aveva «assicurato i seguenti contributi: Fondazione Cariplo 26 milioni di euro, Camera di Commercio 12, Pirelli 7,5, Eni oltre 6». E il diritto di nominare un membro del Cda, rivendicato dalla Provincia se avesse versato contributi superiori? «Nel Cda - risponde Albertini — siedono i rappresentanti di enti che nei 9 anni di vita della Fondazione hanno versato importi da 10 a 60 volte superiori a quelli della Provincia». E privati che hanno versato più della Provincia, ad esempio Sea e Aem (8,2 e 7,4 milioni), non nominano membri nel Cda.
Spiegazione che non ha ancora convinto la consigliera Marilena Adamo dei Ds, che in apertura del Consiglio ha detto: «La modifica di statuto ha il solo scopo di tenere fuori a tutti i costi la Provincia». «Albertini ha deciso di lasciare la Provincia fuori continuando ad alimentare una sterile polemica tra istituzioni», ha aggiunto Roberto Caputo (Margherita).



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news