LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Contro la ventilata ipotesi di soppressione Matera "difende" la Soprintendenza
Donato Mastrangelo
12-NOV-2005 la Gazzetta, Economia




Come un fulmine a del sereno. La notizia del paventato decreto di soppressione della Soprintendenza al Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropolgico della Basilicata con sede a Matera, che verrebbe accorpata alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e del Paesaggio della Basilicata, con sede a Potenza, per via dei tagli del 5% alla spesa pubblica, previsti dalla Legge Finanziaria, ha lasciato di stucco l'intera comunit materana. Il provvedimento sarebbe gi sul tavolo del Ministro ai Beni Culturali, on. Rocco Buttiglione.
Una decisione che ha sollevato in primo luogo la contrariet di tutto il personale della Soprintendenza perch quello dell'accorpa-mento ad altra sede sarebbe un danno enorme per l'intero territorio lucano e per la citt dei Sassi, a pieno titolo nell'elenco del patrimonio mondiale dell'Umanit. Cos mentre Lecce lo scorso anno ha chiesto ed ottenuto l'autonomia, in un colpo solo Matera rischia di vedere vanificati gli sforzi profusi negli ultimi anni a supporto del sistema dei beni culturali cittadini che, per il proprio pregio storico-artistico, hanno ormai assunto una valenza di respiro internazionale.
La Soprintendenza a Matera consta di tre distinte sedi: Palazzo Sant'Agostino dove sono situati gli uffici della dirigenza, amministrativi, l'ufficio tecnico e l'ufficio stampa, Palazzo Lanfranchi, uno dei cuori pulsanti dell'arte e della cultura in citt, sede del Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata e del Centro di documentazione: Catalogo delle opere d'arte, Fototeca e Biblioteca) e la sede della Zona Paip che ospita invece il Laboratorio di Restauro. Insomma a Matera sono tutti d'accordo nel fare rilevare che quella della citt dei Sassi, una Soprintendenza "modello" del Mezzogiorno e la sua soppressione andrebbe nella direzione opposta al lavoro di tutela e valorizzazione de) patrimonio storico-artistico.
Tante le iniziative attuate dall'anno della istituzione (1971). Dagli eventi artistici di portata nazionale ed internazionale, attraverso la promozione di mostre e convegni, anche con la collaborazione di Istituti Italiani di Cultura, tra cui quelli di Berlino, Atene, Francoforte, ad fiore all'occhiello come quello relativo alla catalogazione delle opere d'arte presenti sull'intero territorio regionale. Matera una delle poche Soprintendenze d'Italia ad avere un catalogo generale delle opere d'arte aggiornato costantemente.
La logica con la quale la nuova impostazione organizzativa nata nel 2004 e via via proseguita con ulteriori provvedimenti - si legge nella lettera dei dipendenti inviata a parlamentari materani ed istituzioni regionali, provinciali e del Comune, oltre che ai segreta-ri politici dei partiti ed ai sindacati - ha mostrato evidenti segni di incoerenza, moltiplicando come i pani e i pesci nuove soprintendenze quale ricompensa a quei tenitori elettorali particolarmente generosi. Salvo poi, come nel nostro caso, praticare un intervento di chirurgia amministrativa per ripristinare presunti equilibri economico-finanziario. Si passa cos la spugna sulla storia di una realt, lunga e consolidata, costruita anno dopo anno con l'impegno di tutti coloro che hanno offerto il proprio contributo di passione professionale per il lavoro svolto sul territorio, difficile, ma ricco, attenti custodi di tesori, tutelati e valorizzati con competenza, per affermare e rinsaldare una stagione di neocentralismo regionale. Per tali ragioni - proseguono i dipendenti respingiamo con fermezza tale proposito, facendo appello ad un autorevole vostro intervento, fermo ed immediato, affinch l'ordita trama che vede ulteriormente arretrare Matera su posizioni marginali, non sia una mortificazione ulteriore che si aggiunge oggi sulla intera collettivit gi abbattuta da altre emergenze produttive.
Sul problema interviene anche il presidente di Confindustria Matera per rilevare che in tutti questi anni la collettivit materana ha profuso un grande sforzo per ricostruire una rinnovata identit partendo dalla valorizzazione del proprio patrimonio storico, artistico, culturale e naturale. In questo processo, il presidio della Soprintendenza ha rappresentato una "garanzia" per la salvaguardia della qualit dei processi di recupero. La sciagurata idea di chiudere la sede materana della stessa, dunque, rappresenterebbe uno schiaffo all'intera societ civile della nostra provincia.
Le dichiarazioni di Moramarco si chiudono con una provocazione.
Confindustria Matera pronta ad ospitare a Matera il Ministro Buttiglione perch sog-
giorni nella nostra terra per una settimana intera, in modo che possa cogliere con la giusta profondit la portata storica e culturale del nostro territorio e perch lui, uomo di profonda cultura, possa comprendere che le "ragioni della storia" hanno diritto di precedenza rispetto alle "ragioni di cassa".



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news