LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Salveremo la statua di Era». Francesca Ghedini: ingiusta la punizione a Bonetto
di Claudio Malfitano
il mattino di Padova 14-NOV-2005





La docente accusa: «La vicenda è stata strumentalizzata per colpire miofrateUo II restauro affidato a Giovanna Bandini»
«La statua di Era potrà essere ammirata bella come prima. E l'Università di Padova tornerà il prossimo anno a scavare a Gortina, sull'isola di Creta, in cerca di nuovi tesori archeologici». Parola di Francesca Ghedini, codirettri-ce dello scavo-maledetto, sorella del deputato FI Niccolo Ghedini, legale di Berlusconi. La docente è pronta a scommettere su un gentlemen agreement tra Italia e Grecia dopo la bufera nata per l'incidente che ha mandato in frantumi la statua di Era, moglie di Zeus, più che mai pronto alla vendetta.
Per un colpo di vento la preziosa statua appena ritrovata era caduta e si era rotta in due pezzi. Ne è nato un mare di polemiche, e persino un'interrogazione parlamentare della comunista Katia Belillo. Professoressa, prima di tutto, quale è il reale stato della statua di Era?
«La statua non è in frantumi, ma è spezzata all'altezza delle gambe. Un danno recuperabile al 95%. Lo faremo a nostre spese, grazie all'impegno di Giovanna Bandini, della soprintendenza archeologica di Roma, che ha già fatto tanti restauri di statue danneggiate in analoghi incidenti».
Come proseguirà il lavoro dell'equipe padovana in Grecia?
«Bisogna dire che non è vero che all'università di Padova sono stati vietati ulteriori scavi a Gortina. Anzi, il prossimo anno faremo normalmente la nostra campagna lì. Anche perché quello che stiamo facendo a Creta sarà un modello per gli altri archeologi».
L'unico ad essere «condannato» dalle autorità el-leniche è stato il professor Jacopo Bonetto, cui saranno impediti nuovi scavi in Grecia per i prossimi cinque anni.
«Secondo me è una punizione demenziale. Il mio collega si è attenuto a tutte le condizioni imposte dalle autorità elleniche e ha utilizzato maestranze greche. In ogni caso la mia fiducia nel professor
Bonetto è assoluta, e spero che la punizione sia rivista e cancellata nei prossimi mesi. Non è bello che un giovane studioso venga penalizzato così pesantemente».
Come sono i rapporti con le autorità elleniche?
«I rapporti con la Grecia sono ottimi, come lo sono sempre stati. Io stessa sono stata più volte dall'ambasciatore greco in Italia e anche da parte loro c'è la voglia di continuare la collaborazione con l'ateneo di Padova. Abbiamo molti progetti in corso, come la costituzione di una scuola greca di archeologia in Italia».
La deputata Pdci ed ex ministro Katia Belillo ha portato il caso in parlamento presentando un'interrogazione in cui chiede risposte a domande molto dettagliate. Sulla comunicazione della scoperta alle autorità greche, su come è stato effettuato il trasporto, su una eventuale imperizia. Cosa ne pensa?
«Forniremo naturalmente tutte le risposte all'interrogazione. La direzione lavori ha comunicato in tempo reale il ritrovamento delle statue alle autorità greche. E l'ordine di sollevarle ci è stato dato da loro. Il trasporto è stato eseguito con i mezzi che ci sono stati messi a disposizione dalle autorità greche e, come dicevo, sono state utilizzate maestranze elleniche. Piuttosto è stato brutto il tono con cui è stata trattata la vicenda».
In che senso, professoressa Ghedini: cosa lei non ha gradito?
«Per noi l'incidente è stato traumatico. Provi ad immaginare il dolore di tutti quelli che hanno lavorato allo scavo archeologico. Io stessa ho addirittura pianto, quando mi hanno telefonato per darmi la notizia. E' una ferita profonda, che ci addolora. Qualcuno invece ha voluto strumentalizzare la vicenda ed usarla politicamente. Non certo contro di me o l'equipe di archeologi, ma contro mio fratello: solo per questo lo spiacevole incidente è stato dibattuto prima nel parlamento greco e poi in quello italiano. Sono avvilita. Non tanto per me, ma perché l'Italia ci fa una pessima figura. Ci va di mezzo anche il prestigio dell'università di Padova ed il rispetto che merita come istituzione culturale tra le più importanti nel nostro paese. Ma la statua di Era verrà riparata. E in fretta».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news