LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna. La rivoluzione del Piano paesistico, nelle zone turistiche cambierà tutto
F. Per.
la Nuova Sardegna 14/11/2005

CAGLIARI. La «rivoluzione» del Piano paesistico regionale è vicina. E i cambiamenti non saranno pochi. Cinque esempi.
Primo: l'attuale generalizzato vincolo costiero di due chilometri sarà sostituito da una linea di demarcazione che in alcune zone sarà più vicina al mare e in altre più lontana, a seconda del grado di tutela da assicurare al territorio.
Secondo: le zone F turistiche non saranno in futuro governate solo dai Comuni, come succede adesso, ma sarà introdotto il principio della co-pianificazione con Regione e Provincia.
Terzo: saranno modificati gli indici di edificabilità introdotti dal decreto Floris del 1983.
Quarto: le tavole con l'indicazione delle zone più o meno tutelate saranno inserite nel sito web della Regione e potranno quindi essere consultate da tutti.
Quinto: le norme di salvaguardia proteggeranno, per una certa distanza, anche gli alberi monumentali (oltre che, come ora, lagune, zone archeologiche, eccetera).
Queste anticipazioni sono state fatte dall'assessore all'Urbanistica, Gian Valerio Sanna, all'assemblea regionale del suo partito, la Margherita. Invitato dal coordinatore Antonello Soro a fare una relazione sul suo anno e mezzo di lavoro, Sanna si è soffermato sul tema più atteso, quello della predisposizione del Piano paesistico regionale. E ha confermato che entro la fine di novembre, nel pieno rispetto della legge salvacoste, la giunta adotterà il nuovo strumento
di pianificazione. «Gli esperti del Comitato scientifico - ha detto Sanna - ci hanno detto che è un lavoro di buona qualità, anche in relazione a quanto fatto da altre Regioni».
Quella di fine mese, da parte della giunta, sarà l'approvazione preliminare, che consentirà alla Regione di trasmettere il Piano ai Comuni per la pubblicazione. In questa fase, che durerà tre mesi, ci sarà l'istruttoria pubblica, anche con le Conferenze Regione-Province-Comuni. Dal momento dell'approvazione preliminare, scadrà il vincolo generalizzato di due chilometri dal mare e scatteranno i vincoli transitori, che resteranno in vigore, in ciascun territorio, sino a quando il Comune non adeguerà il Piano urbanistico al
Piano paesistico regionale. I vincoli transitori di salvaguardia varieranno da zona a zona, secondo le caratteristiche del territorio e le esigenze di tutela.
Dopo l'istruttoria pubblica, ci sarà un mese (per enti pubblici e cittadini) per inviare le osservazioni di merito. La giunta potrà accoglierle o meno. Subito dopo invierà il Piano al consiglio regionale (se ne occuperà la commissione Urbanistica) che avrà due mesi per esprimere il parere. Dopo di che, ci sarà l'approvazione definitiva da parte della giunta. «Confido - ha detto Sanna - che l'iter si concluda entro l'estate del 2006».
Nel Piano paesistico ci sarà un'altra novità: il territorio è diviso in quattro livelli di qualità paesaggistica, definiti «ambiti omogenei di paesaggio» (nei vecchi Piani territoriali paesistici gli ambiti erano nove).
Il Piano paesistici prevede un nuovo tipo di rapporto tra le istituzioni pubbliche, partendo dal nuovo principio costituzionale che ha messo Regione, Province e Comuni sullo stesso piano. «Da qui - ha spiegato Sanna - con le norme di accompagnamento abbiamo cercato di disciplinare il principio della co-pianificazione: ciascuno svolge la propria funzione, non isolandosi ma rendendola pubblica e mettendola a disposizione degli altri soggetti». L'esempio più significativo è quello della gestione delle zone F. Oggi succede che un Comune ritaglia nel proprio territorio le diverse zone (turistiche, industriali, eccetera) e poi vi colloca le volumetrie che ha a disposizione.
Il Piano prevederà tre tipi di intervento: conservazione più o meno integrale (nelle zone da tutelare), della trasformazione (saranno soprattutto le zone che hanno già insediamenti e che possono ospitarne ancora) e della ristrutturazione (per migliorare la qualità e l'architettura degli stabili, come gli alberghi o le costruzioni dismesse dalle miniere o dalle amministrazioni militari, e dei borghi).
Per smentire un doppio allarme lanciato anche di recente dalle opposizioni, Gian Valerio Sanna ha detto che «il Piano darà indicazioni precise, non darà spazio a decisioni discrezionali» e «non bloccherà lo sviluppo economico, ma lo governerà».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news