LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FUS: cosa cambia con i tagli?
Box Office 13/11/2005



IL FONDO UNICO PER LO SPETTACOLO RISCHIA DI PERDERE 164 MILIONI
DI EURO. NELLE CASSE NE RIMARREBBERO 300, DI CUI CIRCA 50 MILIONI
(IL 18%) DESTINATO ALL'INTERA FILIERA CINEMATOGRAFICA. PREOCCUPATI
TUTTI GLI OPERATORI DEL SETTORE: RISCHIO COLLASSO di Anna Maria Pasetti

Il mondo dello spettacolo italiano, come noto, in allarme. Se fossero infatti confermati i tagli annunciati al Fondo unico per 10 spettacolo previsti dalla Legge Finanziaria per il 2006, ben 164 sono i milioni di euro che andrebbero a mancare sui 464 milioni di cui il Fus si avvalso nel 2005, peraltro, gi ridotto rispetto al 2003 quando erano 518,6. Se la riduzione (che ammonta a circa 11 40%) fosse approvata, dei 300 milioni di euro che rimangono nelle casse del Fus, poco pi di 50, cio il 18%, sarebbero destinati al cinema. Lo scorso anno, la filiera cinematografica poteva contare su 84 milioni di euro di Fus che, con i fondi extra-Fus, raggiungevano il centinaio. Poich la riduzione dovrebbe riguardare anche i suddetti fondi alla cultura extra-Fus, il cinema in definitiva potr assicurarsi un totale di 54/55 milioni di euro.

Secondo la Direzione Generale Cinema del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, la cinquantina di milioni di euro di Fus rimasti al cinema andrebbe cos ripartita: 6 milioni di euro (rispetto agli 11,5 milioni dello scorso anno) per il Centro Sperimentale di Cinematografia - che comprende sia la Scuola Nazionale di Cinema che la Cineteca Nazionale - e che servirebbero quasi esclusivamente per pagare gli stipendi; 2,4 o 2,5 milioni di euro (dai 5,8 milioni) destinati alla Mostra del Cinema di Venezia; circa 20 milioni scarsi (dai 33 milioni del 2005) da volgere al fondo specifico per la Legge Cinema, ovvero alla produzione; 3,5 milioni di euro (rispetto ai 9,3 milioni) per la promozione cinematografica, ovvero destinati in parte a Cinecitt Holding, ad Aip-Filmitalia e all'Istituto Luce; 1 milione (dai 3 milioni) per le sale cinematografiche d'Essai.
Il rimanente dei 50 milioni di euro potr andare ai finanziamenti automatici, vale a dire i contributi sugli incassi e alla distribuzione. Sempre secondo le stime della Direzione Generale, dei 250.000 addetti ai lavori nel mondo dello spettacolo, con. i tagli annunciati sarebbero a rischio occupazione fino a 100.000 professionisti. Qualunque provvedimento di risanamento, la cui richiesta in corso in questi giorni da parte del ministro Buttiglione in sede parlamentare, avverr nell'arco di due settimane nell'ambito del maxi emendamento sulla Legge Finanziaria.

ASSURDIT E PARADOSSI

Questi tagli sono assurdi per dimensioni e paradossali per il momento in cui sono stati decisi, ha dichiarato il direttore generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali Gaetano Blandini. Infatti - continua il direttore arrivano in un momento in cui tutto il settore ha fatto trasparenza rispetto all'utilizzo delle risorse e, nello specifico del cinema, stata fatta un'importante operazione legislativa di riordino, proprio finalizzata a mettere un freno agli sprechi: noi limitiamo gli sprechi e il Governo ci taglia le risorse! E assurdo ed una vera e propria con-danna a morte, perch queste risorse sono insufficienti.
Parole forti, quelle di Blandini, che si intonano perfettamente con quelle di tutti i portavoce di categoria e dei singoli operatori: I la tegola che sancisce la eri-si definitiva del cinema ita-liano: lo Stato ci ha ufficialmente abbandonato. Cos hanno reagito le industrie cinematografiche associate all'Anica, aggiungendo: Dispiace che un Governo che aveva annunciato grandi cambiamenti nel settore e riforme epocali, dimostri con i fatti che per il cinema non ha nessun interesse. Sul fronte della produzione, Angelo Barbagallo dell'Api ha sottolineato che se il taglio la dimostrazione di un'amministrazione che non tiene in alcun conto la politica culturali budget 2006 del Centre National de la Cinmatographie (CNC) sar pari a 537,4 milioni di euro, 5,4 milioni in pi rispetto al 2005; l'annuncio stato fatto dal ministro francese della Cultura, Renaud Donnedieu de Vabres. 495,5 milioni di euro (+0,9%) vanno a sostegno delle industrie cinematografica e audiovisiva, che sono stati raccolti con la tassa sul prezzo del biglietto (l'11% del costo di un ingresso), mentre circa 338 milioni provengono dalla tassa sui diffusori audiovisivi e 44 milioni dalla tassa sugli editori audiovisivi (2% del prezzo pubblico di vendite di video e video on demand). In termini di ripartizione, 264 milioni di euro vanno al settore cinematografico, di cui 153 milioni al sostegno automatico (70 milioni ai produttori, 19 ai distributori, 56,5 agli esercenti e 7,5 agli editori video) e 98,6 al sostegno selettivo per favorire le giovani promesse.
Dura anche l'opinione di Aurelio De Laurentiis (presidente Unpf): Abbiamo toccato il fondo; gli stanziamene, erano gi ridicoli, tagliarli significa sparare sulla Croce Rossa. La verit che noi ncn sappiamo vendere l'Italia.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news