LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un «tesoro» sotto Palazzo Vernazza
13/11/2005 La Gazzetta del Mezzogiorno

Nuovi importanti reperti emersi durante i lavori di restauro. L'edificio sarà sede di un Laboratorio di archeologia

Il sindaco Poli e il professor D'Andria hanno fatto il punto sugli scavi in città Scoperta una strada messapica a «quattro corsie» e ceramiche d'età angioina


Il passato di Lecce si riaffaccia con prepotenza dai cantieri di scavo della città. Tremila anni di civiltà che ci parlano di messapi, romani, normanni e angioini. E i documenti, le testimonianze di quel passato spesso sorprendente, stanno venendo alla luce ad un ritmo che farebbe invidia ai più quotati contesti archeologici italiani. Una situazione che il professor Francesco D'Andria, direttore della Scuola di archeologia dell'Università di Lecce, ha definito addirittura «unica» nel panorama nazionale. Il punto sulle più recenti scoperte negli otto siti di scavo e restauro presenti nel capoluogo è stato fatto ieri mattina a palazzo Carafa, in un incontro promosso dal sindaco Adriana Poli Bortone e dallo stesso professor D'Andria, decisi a realizzare una «sintesi» di questo grande patrimonio emergente, anche attraverso un progetto che prevede la creazione del «LARC», il Laboratorio archeologico della città da insediare nel cinquecentesco palazzo Vernazza, tuttora in fase di recupero attraverso i fondi della «legge Poli» sul barocco leccese. Proprio le fondamenta di palazzo Vernazza stanno restituendo in questi giorni manufatti e tracce di grande valore storico, «tra cui - ha rivelato D'Andria - una strada d'epoca messapica a quattro corsie, dotata di marciapiedi: una struttura di grande modernità che testimonia il livello di civilità esistente a Lecce nel IV secolo avanti Cristo». Ma l'antico edificio ha svelato nei suoi strati anche ceramiche d'epoca normanna e bassomedievale, un raro capitello dorico, nonché pozzi e cisterne che raccontano la vita del palazzo in età rinascimentale. Decine di reperti sono stati riportati alla luce anche negli scavi di piazzetta Epulione nel 2003: vasellame messapico, una strada romana d'età imperiale ed una successione stratificata di strutture che rivelano l'esistenza di officine per la lavorazione del metallo nel corso di più epoche. D'Andria ha ricordato anche il progetto dell'architetto Andrea Bruno, attraverso cui verranno valorizzati i due frantoi ipogei del XVI secolo e la più antica fossa olearia romana scoperti durante i lavori in piazza Castromediano. Ed altre interessanti sorprese sono emerse con il recupero dell'ex convento dei Carmelitani (nel complesso della vecchia caserma Roasio) che dal prossimo 12 dicembre diverrà la nuova sede del rettorato. Nel centro del chiostro sono state ritrovate tre tombe messapiche, con tanto di resti umani e corredo funerario in perfetto stato di conservazione. Ed ancora frammenti ceramici di fase normanna e della successiva fase angioina, tra cui uno splendido piatto invetriato con l'effìge di un leone rampante. A questo si aggiungono i recenti ritrovamenti in piazzetta Chiesa Greca (sepolture seicentesche ed una cripta affrescata). Un passato, insomma, che emerge con forza da ogni angolo della città e che ha già restituito materiale a sufficienza per allestire un museo civico. Tanta ricchezza, ha ricordato D'Andria, impone la creazione di un sistema di lavoro e collaborazione capace di divulgare al meglio le informazioni che provengono dal passato e che definiscono attraverso le diverse fasi storiche l'identità della città e del territorio. Un territorio diffuso che oggi comprende la stessa città di Lecce, l'area di Cavallino e l'insediamento di Rudiae, molto interessante anche per le potenzialità didattico-archeologiche connesse al mondo scolastico. In proposito, il sindaco Poli Bortone ha annunciato che un primo passo importante nel rilancio delle attività di collaborazione e ricerca sarà proprio la creazione del Laboratorio di archeologia della città all'interno di palazzo Vernazza. Ed il professor D'Andria ha ricordato come sia stato messo in cantiere attraverso il Por Puglia (misura 6.2) il progetto «Società dell'Informazione», ovvero un sistema integrato per la conoscenza, la comunicazione e la valorizzazione dei beni culturali del Salento, che dovrebbe poter contare su uno stanziamento di 2 milioni di euro. Ma in tutto questo, ha evidenziato ancora D'Andria, anche l'ufficio di Lecce della Sovrintendenza archeologica deve essere messo nelle condizioni di agire adeguatamente. «Perché ancora oggi - ha lamentato - mancano i più elementari strumenti per operare». Piero Bacca









news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news