LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Scala deve restare pubblica
Cristina Jucker
Il Sole 24 ore 12/11/2005

MILANO ■ La Scala è e deve restare un teatro pubblico, al di là della forma giuridica. È anche un teatro senza debiti, che quest'anno dovrebbe chiudere con un disavanzo di soli 1-1,5 milioni, ma è un teatro cui è legittimo chiedere uno sforzo di ra-zionalizzazione. È la fotografia tracciata ieri dal sovrintendente Stéphane Lissner, che ha indicato il suo progetto per il futuro. E ha preannunciato le dimissioni dal festival di Aix-en-Provence.
Perche un teatro pubblico? «Perché questo significa mettere in primo piano l'eccellenza — ha detto Lissner — che solo il pubblico può sostenere. Non dobbiamo cadere nella trappola di chi sostiene che le risorse private possono sostituirsi al pubblico. Per questo dobbiamo fermare la tendenza a ridurre continuamente il Fondo per lo spettacolo». Anche all'estero è così. 144,3 milioni di contributi pubblici ordinali alla Scala nel 2004 si confrontano con i 94,3 milioni dell'Opera National di Parigi(che gestisce due teatri), i 48,5 milioni della Bayerische Staatsoper di Monaco, i 51,5 dell'Opera di Vienna. Solo la Royal Opera House di Londra, ha spiegato Lissner, riceve meno (34,1 milioni, comunque più dei 32 milioni di Fus alla Scala; «ma B la legislazione è molto diversa e i contribuiti privati alle fondazioni sonc completamente defiscalizzati».
Certo, dal 2001 a oggi la Scala ha attinto alle proprie risorse quello che veniva tolto dai finanziamenti pubblici (dall'85 il Fus ha perso più del 38% e i contributi di Regione, Provincia e Comune sono passati dai 10,8 milioni del 1998 ai 14,4 del 2004 e ai 9,4 milioni di quest'anno), ma «dire che la situazione economica della Scala è grave è falso» ha sottolineato Lissner. E ha aggiunto: «Con il doppio trasferimento degli anno scorsi qualunque impresa si sarebbe trovata in difficoltà. Ora si torna alla normalità e tutti sappiamo che serve una gestione più rigorosa, che non c'è altra scelta. Lo potremo fare con il ritrovato dialogo tra dirigenti, sindacato e masse. Ma prima di tutto dobbiamo avere un progetto artìstico importante».
I dipendenti sono troppi? «Il ministero ci autorizza ad avere 800 persone in organico fisso: oggi i dipendenti fissi sono solo 745, altri 168 sono a termine — spiega Lissner —. Si dice che lavorano poco? A Vienna e a Monaco il sipario si alza 350 volte all'anno, è vero; con il nuovo palcoscenico noi avremo 224 recite, contro le 160 dell'ultima stagione al Piermarini. Ma la differenza è soprattutto tra il teatro di repertorio e il teatro di stagione, che richiede molte più prove». Lissner ha poi sottolineato l'intenzione di rilanciare l'Accademia (dove è in arrivo una nuova direttrice generale), l'importanza dei laboratori dell' Ansaldo («un vero tesoro della Scala») e infine il successo del Museo, che quest'anno ha avuto 220mila visitatori (secondo a Milano dopo il Cenacolo vinciano) e che porta 400mila euro di utili all'anno. Porte aperte, infine, agli altri teatri, italiani e non. In Scala suoneranno, per esempio, il San Carlo di Napoli, l'Orchestra di Santa Cecilia, la Verdi di Milano e l'Orchestra Divan di Daniel Barenboim. E porta aperte a chiunque voglia entrare nel cda della Fondazione: lunedì è convocata l'assemblea. Nel frattempo il ministro Buttiglione ha approvato il nuovo statuto e ha chiesto di inserire nell'emendamento alla Finanziaria la modifica di legge che consentirà di aumentare i consiglieri da sette a nove. Facendo posto alla Provincia.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news