LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Immobili, le accuse del Parlamento "Vendite poco chiare e fallimentari"
La Repubblica, 11-11-2005

L'indagine della Commissione sugli enti previdenziali: solo 18 mila cessioni su 62 mila con un settimo dell'incasso previsto


ROMA — Solo 18 mila immobili venduti su 62.800 per un incasso di 1,12 miliardi contro una previ-sione sette volte maggiore (7,79 miliardi). La cessione di case, negozi e magazzini degli enti previdenziali è un flop: entrate ridotte e soprattutto scarsa trasparenza e poca chiarezza sui costi. Un fallimento certificato dal Parlamento con l'Indagine conoscitiva sulla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico licenziata martedì scorso dalla Commissione enti gestori, l'organismo bicamerale che controlla l'attività degli enti di previdenza.
La Commissione boccia «l'intera materia dell'alienazione del patrimonio immobiliare alloggiativo pubblico» e prevede la «concreta possibilità di un insuccesso dell'operazione». «Il giudizio è su entrambe le operazioni di dismissioni Scip 1, già conclusa, e Scip 2 che procede con ritardo rispetto al business pian a causa delle modifiche legislative che prevedono la vendita ai prezzi del 2001», spiega Francesco Maria Amoruso, presidente della Commissione.
Le conclusioni arrivano dopo un lungo lavoro di senatori e deputati che hanno ascoltato il ministro del Tesoro, il sottosegretario delegato, Maria Teresa Armosino, esperti del settore e i presidenti dei consigli di amministrazione e di vigilanza degli stessi enti.
La conferma del fallimento delle cartolarizzazioni (l'anticipazione degli incassi di vendite future) alza il velo sull'operazione cessione dopo che la Corte dei Conti aveva denunciato le vendite al rallentatore e il governo aveva dovuto prendere atto del "buco" creato nei conti. «Le Scip sono poco trasparenti - denuncia Tiziano Treu, già ministro del Lavoro e componente della Commissione - interi lotti sono stati venduti ai soliti noti a prezzi discutibili». Il governo ha cercato di fare cassa a tutti i costi con operazioni «dominate da una visione prettamente finanziaria» e con minore attenzione alle esigenze reali del mercato immobiliare.
La Commissione, pur volendo fare solo una fotografia dell'andamento delle vendite, mette un vincolo forte alle prossime operazioni che dovrebbero portare entro l'anno altri 2,3 miliardi con la cessione delle caserme e il lancio di Patrimonio Uno (la nuova società perle dismissioni). Infatti i componenti della bicamerale si schierano con gli enti previdenziali che si oppongono alla cessione delle sedi e degli uffici di proprietà. «Per gli enti la vendita obbligatoria delle sedi - spiega Amoruso -andrebbe a ledere la loro autonomia e potrebbe compromettere le loro riserve tecniche, contemplate dalla legge a tutela dei futuri equilibri finanziari». Quindi, niente "espropri" o forzature, ma solo un contentino a governo e enti: gli immobili di pregio non potranno essere declassati per facilitarne la vendita. Sarebbe un ulteriore regalo per chi «ha avuto accesso agli immobili non certo sulle base di graduatorie o perché appartenenti a categorie disagiate». Insomma niente più regali ai protagonisti di "affittopoli".



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news