LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piazza del Grano, gli scavi coperti di sabbia
Giornale della Toscana 10-NOV-2005

Seppelliti i reperti archeologici all'uscita degli Uffizi. Via libera dalla Soprintendenza

Gli scavi archeologici vengono...insabbiati. Il modo di dire in questo caso dice ii vero perché da una settimana esatta è iniziata l'operazione riempimento degli spazi dove erano stati effettuati gli scavi archeologici presso l'uscita della Galleria degli Uffizi, in piazza del Grano. Uno dopo l'altro, i grossi camion abboccano il vano ribaltabile e scaricano montagne di materiale inerte sui reperti delle vecchie mura altomedievali che gli scavi avevano riportato alla luce sin dal 2001. Per completare l'opera di riempimento dell'ampia voragine realizzata sotto la rampa di uscita del museo fiorentino, ci vorrà ancora un mese esatto. In totale alla fine occorreranno circa mille metri cubo di sabbia e ghiaia, trasportati in orto viaggi al giorno e sistemati manualmente da una squadra di operai. Con questa operazione di chiusura degli scavi archeologici, ci si sta avviando speditamente alia preparazione della piazza per il cantiere in vista della realizzazione dei Grandi Uffizi. Nella seconda metà di dicembre i lavori per l'ammodernamento e l'ampliamento del museo più famoso d'Italia potrebbero anche iniziare (tra breve si saprà chi ha vinto la gara d'appalto per il primo lotto di lavori) e per quella data piazza del grano dovrà essere a posto, senza più scavi e aree inutilizzabili. Per questo gli esperti della Soprintendenza archeologica toscana hanno dato il via alla chiusura definitiva dell'area. Dove tra l'altro le ricerche archeologiche si erano fermate da tempo. Infatti alcuni mesi fa sulle antiche mura della Firenze altomedievale, erano stati stesi dei grandi teli bianchi di tessuto non tessuto. Qualcuno poteva pensare che servissero per «proteggere» i reperti. Più precisamente servono per «isolare» l'area indagata da queEa ancora da scavare. É un lavoro a prò dei posteri, insomma, per far capire agli archeologici del futuro - tra 50,100 o anche più anni - fino a che punto ci si era spinti in questa fase di studio.
Il via alla chiusura dell'area archeologica all'uscita degli Uffizi è stata data ufficialmente alcuni giorni fa dopo il sopralluogo di Roberto Cecchi, direttore generale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Per il riempimento dell'area sono stati scelti dei materiali inerti - sabbia e ghiaia - di diversa consistenza, per facilitare un possibile nuovo scavo. Uno stop all'operazione poteva arrivare dal famigerato progetto della Loggia Isozaki all'uscita degli Uffizi, le cui fondamenta potevano andare a incastrarsi proprio tra gli antichi ruderi della vecchia Firenze, a diversi metri di profondità. Ma il progetto è praticamente in letargo: «Della copertura dell'architetto giapponese non se ne è più parlato - ha detto Carlotta Cianferoni, soprintendente archeologica toscana - quindi noi andiamo avanti con la chiusura dell'area in tempi brevi». Non solo: l'importo totale del primo lotto dei lavori per i Grandi Uffizi, come si ricorderà, escludeva proprio lo stanziamento per la loggia. Quindi se ne riparlerà in futuro. Intanto il tratto di piazza del Grano tra via dei Neri e piazza dei Giudici rimane interdetto alla circolazione, per permettere ai camion di far manovra e scaricare quotidianamente i materiali.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news