LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PONTE DI MESSINA: E' cosa nostra
http://www.verdi.it/apps/news.php?id=6970



Gli appetiti della mafia sugli appalti e sui possibili lavori per il ponte sullo Stretto. Ne parla il magistrato Caselli. Della mega opera se ne occupa anche Report di Milena Gabanelli


La mafia rialza la testa e si appresta ad approfittare di tutte le occasioni più ghiotte per alimentare i suoi affari. Come i lavori per il ponte sullo Stretto, che oltre ad essere sotto stretta osservazione da parte della Commissione europea per i problemi legati all’impatto ambientale, è anche incoerente come progetto dal punto di vista trasportistico, come è emerso durante la puntata di domenica sera sera di Report di Milena Gabanelli.



Nella trasmissione di Rai 3, fortunatamente ancora in prima serata, sono state sentite tante voci, comprese quelle degli amministratori della società Stretto di Messina. Che il ponte rischi di essere una grande cattedrale in un deserto di infrastrutture, stradali e ferroviarie, è stato sottolineato un po’ da tutti, tranne ovviamente che dagli amministratori della società.




La Gabanelli da studio, al termine dell’aggiornamento giornalistico sul ponte, cita un intervento dello scrittore siciliano Alfio Caruso, pubblicato qualche settimana fa sul Corriere della Sera: "Il ponte rappresenta il progresso, benché la Sicilia continui a mancare di acquedotti, di strade, di ferrovie. Ma le chiavi di questo progresso chi le ha? Quale organizzazione è in grado di gestire progetti, investimenti, appalti e subappalti? Quale potere può assicurare la tranquillità dei lavori, la disponibilità del territorio, la spartizione dei costi aggiuntivi, cioè il pizzo? La risposta è universalmente conosciuta: la mafia".



A far riflettere sulle possibili infiltrazioni della mafia contribuisce anche l’intervista a Giancarlo Caselli, ex procuratore capo di Palermo e ora procuratore generale di Torino, concessa a L’Espresso.



Anche il magistrato interviene sul ponte, precisando di non essere a conoscenza diretta di eventuali indagini: “La ‘ndrangheta e Cosa nostra stanno sicuramente facendosi due calcoli su quante fetta di questa enorme torta chiamata Ponte possono intercettare”.



La ricetta di Caselli per sconfiggere la mafia è più articolata. Per il magistrato è necessario ridurre la pletora delle cosiddette stazioni appaltanti, dai comuni alle municipalizzate, dall’Anas alle ferrovie, mandando le forze dell’ordine a controllare i cantieri e colpendo la mafia in ciò che ha di più caro: i patrimoni.



“Tutte le procure del Sud segnalano che appalti e subappalti risentono della forte pressione delle mafie”, dice Caselli che sottolinea come l’infiltrazione avvenga in due modi: “A monte, condizionando le procedure di gara. E a valle quando interviene sulle forniture di calcestruzzo, di ferro e sul noleggio dei macchinari”.



Basta il certificato antimafia per ridurre la presenza nei lavori pubblici delle imprese vicine alla malavita? “Chi lo crede è un’anima bella”, sottolinea Caselli: “Ci saranno sempre un plotone di prestanome incensurati. La mafia si combatte con le indagini e con la prevenzione, non con la burocrazia”.



La mafia sottolinea Caselli, ha ricadute sociali ed economiche gravissime: “Quando vado a parlare ai ragazzi nelle scuole, cito gli ultimi dati del Censis: nelle regioni del meridione la criminalità blocca 180 mila posti di lavoroe 7,5 miliardi di ricchezza”.



E sul fatto che la piovra stia allungando i suoi tentacoli in molte aree del Paese, il procuratore generale di Torino conferma che “da varie indagini risulta un notevole ‘nomadismo’ verso Nord di imprese vicine alla mafia. Sono movimenti recenti sui quali occorre lavorare con grande attenzione”.



Per Caselli il vero tasto su cui battere è quello del sequestro dei beni ai mafiosi: “Devono tornare alla collettività in modo che tutta la popolazione veda che lo Stato è più forte di Cosa nostra. Se nei palazzi dei boss ci si mettono asili, scuole, caserme dei vigili e centri sociali allora sarà possibile sconfiggere Cosa nostra. Ma l’attuale governo ha abolito l’Alto commissario per i beni sequestrati alla mafia e ne ha spostato le competenze all’agenzia per il demanio”.






Redazione
7 novembre 2005



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news