LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Finanziaria: decreto blindato per vendere le strade
PAOLO ANDRUCCIOLI
09/11/2005, IL Manifesto


L'ultima trovata è la vendita delle strade. Il governo smantella l'Anas e privatizza, introducendo un pedaggio per ora solo virtuale, che sarà a carico di tutti i contribuenti. La norma prevede però l'introduzione di caselli anche sui tratti di strada oggi liberi, come il Grande raccordo anulare di Roma. E' solo una delle più clamorose novità contenute nel maxiemendamento al decreto fiscale, che sarà votato questa mattina in aula al Senato.

Nonostante la sua schiacciante maggioranza parlamentare, il governo è costretto a blindare la sua manovra che tra finanziaria, manovra bis e manovra ter ha ormai superato i 30 miliardi di euro, con una lista sempre più pesante di tagli. Dopo il voto di oggi, domani si voterà il secondo maxiemandamento su tutta la finanziaria. Con i voti di fiducia imposti al Senato, il governo reintroduce l'esenzione proposta da Udc e Forza Italia del pagamento dell'Ici per gli immobili commerciali della Chiesa cattolica e di altre religioni (musulmani esclusi). In piazza contro la finanziaria anche gli agricoltori: in centomila hanno manifestato a Bologna.


Questa mattina l'aula del Senato voterà la fiducia al maxiemedamento fiscale presentato ieri dal governo. Confermata l'esenzione del pagamento dell'Ici per la Chiesa, arrivano i pedaggi per i raccordi stradali e la privatizzazione dell'Anas. Molti soldi alla Sicilia (che sta per votare)

L'appuntamento per i senatori è fissato intorno alle undici di questa mattina. Si voterà la prima fiducia richiesta dal governo sul maxiemendamento al decreto fiscale. La seconda fiducia sarà posta invece sul maximendamento alla finanziaria che verrà presentato domani. Nonostante la forza dei numeri in Parlamento, il governo è dunque costretto a blindare la sua manovra, l'ultima della legislatura, anche quest'anno. In realtà la blindatura verte su tre manovre e un decreto fiscale, provveddimenti che sommati superano i 30 miliardi di euro e che sono stati presentati dal ministro Tremonti in meno di un mese. Il maxiemendamento presentato ieri dal governo è un testo di quarantatre cartelle che modifica il decreto legge del 30 settembre scorso. Molte le novità. Alcune sono dei veri e propri blitz, secondo la defizione dei senatori dell'opposizione. Il maxiemendamento è corredato anche da una tabellona finale che presenta l'elenco dei tagli alle spese per investimenti, per un totale complessivo di 1.600.000.000 milioni di euro.

Tra le novità più clamorose dell'emendamento fiscale, la reintroduzione dell'esenzione del pagamento dell'Ici per gli immobili della Chiesa (e di altre religioni, esclusa la musulmana) anche ad uso commerciale, la privatizzazione dell'Anas e la relativa introduzione di pedaggi stradali anche laddove oggi non si pagano: dalle arterie di collegamento ai raccordi autostradali cittadini, come il Gra di Roma o pezzi di autostrade come la Roma-Fiumicino oggi sprovviste di caselli per il pedaggio. Il testo del governo - giudicato una privatizzazione selvaggia da un gruppo di senatori dell'opposizione (Paolo Brutti, Anna Donati, Luigi Zanda e Mauro Fabris) - prevede il passaggio delle strade all'Anas, che oggi è solo una concessionaria. La proprietà derivata dalla privatizzazione darà diritto all'Anas e alle sue aziende private subconcessionarie di esigere il pagamento dei pedaggi per coprire le spese della manutenzione delle strade e fare profitti. Sarà inizialmente il Tesoro, ovvero lo Stato (ovvero noi contribuenti) a pagare il pedaggio virtuale, dato che sui tratti di strada privatizzati non verranno introdotti i caselli da subito. Alla fine dell'anno sarà lo Stato a provvedere, attraverso il fisco, calcolando il numero dei passaggi giornalieri dei mezzi sui tratti di strada interessati, cifre moltiplicate per 365 giorni.

Questa la prima fase dell'operazione privatizzazione generale delle strade. Nella seconda fase è previsto invece che le società proprietarie potranno imporre caselli e pedaggi non più virtuali, ma reali. A quel punto saranno i singoli automobilisti a pagare di tasca propria e non più il contribuente generico. Per i senatori dell'Unione siamo di fronte a un vero e proprio «colpo di mano del governo che svende l'Anas ai privati, mettendo il pedaggio a carico dei cittadini». L'altro effetto correlato, spiegano sempre i senatori dell'opposizione, sarà quello di affidare, in un futuro non troppo lontano, tutta la rete stradale italiana a un oligopolio gestito dai vari Benetton.

Tra le altre novità che saranno votate oggi dal Senato anche la reintroduzione dell'esenzione del pagamento Ici per la Chiesa. La norma ha avuto un andamento «carsico», perché è stata presentata, poi esclusa dalla finanziaria, poi rientrata dalla finestra del maxiemendamento fiscale. Nell'ultima stesura si fa riferimento al Testo Unico sul fisco del 1986 e all'esenzione di immobili adibiti a vari tipi di attività ricreative, culturali o assistenziali che non c'entrano nulla con la professione del culto. Le Chiese e i luoghi di culto in genere sono già esclusi dal pagamento della tassa comunale sugli immobili.

Molto consistente - dal punto di vista elettorale - anche la parte del maxiemendamento che riguarda la Sicilia. Proprio alla vigilia delle elezioni, il governo scopre che la Sicilia deve avere indietro tutta una serie di risorse finanziarie. Alla Sicilia, dice il maxiemendamento, viene attribuito a titolo di acconto sulle spettanze per le assicurazioni Rc auto «contributi quindicinnali di 10 milioni di euro a decorrere dall'anno 2006». Inoltre vengono attribuiti 40 milioni di euro dal 2007 e altri 36 milioni dal 2008. Ci sarà anche inoltre un ulteriore contributo di solidarietà nazionale per il 2008 e un altro contributo quindicinnale di 10 milioni di euro a decorrere sempre dal 2008.

Il maxiemendamento prevede molte altre cose, tra cui la novità positiva dell'eliminazione delle concessionarie nella riscossione dei tributi. Da oggi in poi ci penserà la società Riscossione Spa. Altra norma importante quella che attribuisce il 30% della riscossione ai Comuni che si impegnano contro l'evasione fiscale.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news