LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le perplessità della Corte dei conti: Finanziaria 2005, entrate smarrite
di Antonio G. Paladino
ItaliaOggi - Numero 247, pag. 36 del 18/10/2005



Dismissioni immobiliari e studi di settore inferiori alle attese

Gli interventi sulle maggiori entrate della Finanziaria 2005, destano ´perplessità' ai giudici della Corte dei conti, soprattutto per quanto riguarda le dismissioni immobiliari, che stentano a decollare, e per la revisione e l'estensione degli studi di settore ai soggetti in contabilità ordinaria. C'è comunque da osservare che è molto probabile che le somme scaturenti dal condono edilizio raggiungano la soglia attesa di oltre duemila euro. Un primo bilancio agro-dolce questo che la Corte dei conti ha rassegnato in appendice alla recente relazione sugli esiti dell'audizione sulla Finanziaria (si veda ItaliaOggi del 14 e 15 ottobre 2005) e che ha voluto dedicare agli effetti delle specifiche misure di entrata previste dalla manovra 2005. La Corte ha ritenuto ancora possibili gli effetti della Finanziaria dell'anno scorso, solo però a condizione di applicare più incisivamente la norma sugli studi di settore e di scoraggiare il ricorso al ´nero' nel settore immobiliare grazie agli incroci con le banche dati oggi esistenti.
Le maggiori entrate che la legge finanziaria prevista per quest'anno aveva indicato (poco più di 16 mila milioni di euro) erano attese infatti per il 44% dalle dismissioni di immobili (7 milioni) e strade (3 milioni) e per il 22% dalla ´manutenzione straordinaria' degli studi di settore. In più, il 7% della somma prevista doveva essere raggiunto dagli inasprimenti decretati per gli importi fissi di una serie di tributi indiretti, quali l'imposta di registro, di bollo, così come un maggior gettito era atteso dal recupero della massa sommersa nel settore degli immobili (circa 600 milioni di euro). Ora, rileva la Corte, ´si impone una riconsiderazione dei dati disponibili', in particolare sulle dismissioni immobiliari e l'allargamento della platea dei destinatari degli studi di settore. Sul piano delle dismissioni, risulta accreditato nei primi nove mesi del corrente anno, solo un importo di 592 milioni, a titolo di ´prezzo differito' delle precedenti cartolarizzazioni. Si aggiunga che sembra da escludersi che a breve possa concretizzarsi la cessione delle strade. Né sembra migliorare la situazione sul versante Scip 3, ´che tuttora stenta a decollare'; operazione questa che peraltro, rileva la Corte, vedrebbe riassegnati i proventi non a riduzione del deficit, bensì per spese del ministero della difesa.

Sul piano della revisione degli studi di settore, si deve sottolineare che l'amministrazione ´continua a escludere' la possibilità di rilevare ex post gli effetti finanziari aggiuntivi dell'applicazione di questi. Tuttavia, si legge nella relazione, da una prima mappatura dei versamenti dell'autotassazione di giugno/luglio 2005 (sia a titolo di acconto che di saldo) effettuata in base ai codici tributo, sembrerebbe che a seguito della revisione degli studi, sarebbero diminuiti i soggetti congrui e che di conseguenza sarebbe aumentato il numero dei soggetti che si sono adeguati ai parametri, con ovvi riflessi in relazione al maggior gettito, ad oggi però ancora non quantificabile. Sul versante dell'emersione del sommerso nel settore immobiliare, non ci sono dati per poter effettuare delle valutazioni. C'è da dire che però anche se presenti non porterebbero elementi significativi in quanto legati ai soli controlli sulla registrazione dei contratti locativi, mentre tarda a concretizzarsi, per gli interventi fatti dal garante della privacy, l'acquisizione telematica da parte dell'Agenzia delle entrate delle informazioni già trasmesse sin dal 1979 alle autorità di polizia. Un piccolo raggio di sole comunque sembra arrivare dalle conferme che sembrano realizzarsi in termini di somme derivanti dal condono edilizio. Al 30 settembre infatti, sul relativo capitolo risultano 1.653 miliardi, di cui lo si ricordi, 944 milioni versati a gennaio presso le Poste sono contabilizzazioni che vanno riferiti ai conti 2004. Ma se i versamenti relativi alla seconda rata, circa 500 milioni, dovessero essere confermati con la terza delle rate previste, ecco che il gettito auspicato (2,2 miliardi) potrebbe, seppur di poco, essere realizzato. La medicina a questo primo bilancio degli effetti delle misure di entrata della finanziaria può essere costituita dall'applicazione più incisiva degli studi di settore e dagli effetti di dissuasione e di repressione legati alla possibilità di effettuare incroci con banche dati nel settore immobiliare.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news