LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tav, Lunardi: protesta chi ha tempo da perdere
Cristina Marrone
CORRIERE DELLA SERA 08-11-2005



II ministro attacca i manifestanti Pecoraio Scanio: intollerabile, è un incendiario

TORINO — «Non ci impressionano le fiaccolate di quanti non sanno come passare il proprio tempo. Protesta chi ha tempo da perdere». Pietro Lunardi non risparmia critiche ai dimostranti della Valle di Susa che si oppongono alla realizzazione della linea ferrovia ad alta velocità e non cede di un millimetro su un progetto che, spiega, «lo hanno voluto tutti i governi sin dal 1980». «Quindi — ha concluso ieri — noi di accordi bipartisan non ne facciamo».
Sono parole forti, quelle del ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, che hanno l'effetto di rinfocolare le polemiche proprio nel delicato momento in cui tutti, dai politici agli amministratori fino alla forze dell'ordine, invocano pacatezza e dialogo. Mercedes Bresso, presidente della Regione Piemonte, invita a moderare i toni: «In questo momento credo che sia meglio mantenere la calma ed evitare ogni intervento che possa essere utilizzato per accendere gli animi». E il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraio Scanio affonda: «Le affermazioni di Lunardi sono semplicemente irresponsabili. È un incendiario di fronte a una situazione complessa». Quindi aggiunge: «È intollerabile che un ministro insulti sindaci e cittadini della Val di Susa, dove un'intera valle sta manifestando il proprio dissenso di fronte a un'opera sbagliata».
Le reazioni indignate di sindaci e comitati No Tav non si fanno attendere. Antonio Ferrentino, presidente della Comunità Montana Bassa Valle di Susa si sfoga: «Queste affermazioni sono estremamente offensive e stupide. Il ministro non ha capito che 15.000 persone sono scese in piazza sabato sera per dire no alle bombe». E ironizza: «Se voleva farci pubblicità ha fatto benissimo, perché dopo le sue offese abbiamo avuto 10.000 adesioni in più allo sciopero generale programmato per il 16 novembre. Arriveranno anche dieci pullman dalla Puglia». Di «parole scandalose» parla il sindaco di Chianocco, Mauro Russo: «In un momento di tensione sono da cen-surare».
I comitati spontanei della Val di Susa hanno annunciato attraverso il loro sito Internet di aver contattato i propri legali per sporgere querela per diffamazione contro Lunardi. «Non sono le parole di un imbecille che dimostra di non aver alcun senso dello Stato che faranno crescere le tensioni — commenta Luigi Casel dei Comitati No Tav —. Lunardi ha forti interessi personali in quest'opera e vuole solo tutelare le sue aziende». E l'associazione fiorentina Idra, parte civile nel processo per i danni ambientali causati dai cantieri Tav tra Bologna e Firenze, ha scritto al premier Berlusconi per chiedere il suo intervento: «Riteniamo che un ministro non possa permettersi di offendere i cittadini. È solo un modo per aumentare le tensioni».
In quella che si profila essere una settimana calda per la Valle di Susa (entro venerdì dovrebbero arrivare le macchine sondatrici) sono stati in molti ieri a prendere la parola. Il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo non ha dubbi: «È un'opera che va fatta e non può essere messa in discussione da localismi che niente hanno a che fare con l'importanza dell'opera». Il commissario ai Trasporti dell'Unione europea Jacques Barrot lancia un monito: «II settore ferroviario deve compiere uno sforzo più consistente per invertire la tendenza che vede i trasporti merci e passeggeri spostarsi sempre più su strada». E il presidente della Camera Pier Ferdinando Casini: «Non ci si può lamentare se l'Italia rimane ai margini per quanto riguarda il sistema ferroviario e poi bloccare le opere che stanno già partendo».
E in Valle la tensione resta alta. Dopo il pacco bomba indirizzato ai carabinieri con un biglietto «Beffa alla polizia» sono comparse nuove scritte minatorie nei confronti di polizia e singoli dirigenti. «Nessun episodio è da sottovalutare — dicono in questura — e nessuno oggi può permettersi di abbassare la guardia».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news