LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tagli a Fenice e Biennale Roma accende le speranze. Arcus potrebbe sbloccare qualche milione di euro
S.D'A.
Corriere del Veneto, 6 novembre 2005

Incontro tra Cesa e Berlusconi. Buttiglione convoca Galan

VENEZIA— La parola d'ordine per tutti, scaramantica, è «cautela». Qualche speranza, però, nel mondo della cultura veneziana c'è e potrebbe portare una boccata d'aria fresca (e qualche milione di euro) dalle parti della Fenice e della Biennale, disastrate dall'ipotesi di taglio al fondo unico dello spettacolo prospettata all'inizio di ottobre. La Finanziaria arriverà in aula lunedì. Il Senato ieri notte ha licenziato un testo che contiene ancora quel taglio massacrante che impedirebbe alla Biennale di fare la Mostra del Cinema e alla Fenice di continuare a «vivere»: 142 milioni di euro in meno su 442. Ma nel pomeriggio di ieri un incontro tra il premier Silvio Berlusconi e il nuovo segretario dell'Udc Lorenzo Cesa avrebbe portato a una schiarita sul fronte della cultura che farebbe sperare in primis la fondazione veneziana e gli enti lirici veneti (oltre la Fenice, l'Arena). Un segnale potrebbe arrivare anche dal fatto che il ministro Rocco Buttiglio-ne. che aveva minacciato di dimettersi di fronte a una situazione ingestibile, ha convocato per giovedì a Roma il governatore del Veneto Giancarlo Galan, che la settimana scorsa aveva scritto una lettera rivolgendo un appello a Berlusconi per «salvare» la Biennale e gli enti lirici. «Siamo cauti, finché non arriva in aula il testo della Finanziaria non diciamo niente, ma siamo ottimisti», dicono da fonti vicine al ministro-Buttiglione.
Uno spiraglio potrebbe offrirlo Arcus, il fondo congiunto tra il ministero delle Infrastrutture e quello dei Beni Culturali. Ieri a Verona è stato proprio il ministro Pietro Lunardi a spiegare al sindaco scaligero che da Arcus potrebbero essere stornati fondi per le fondazioni, gli enti lirici dall’Arena alla Fenice. Ma un «correttivo» potrebbe arrivare direttamente al testo che arriverà in Senato domani, visto che sono stati oltre 2.000 gli emendamenti presentati.
«Andremo a Roma per riproporre anche a Buttiglione i contenuti della lettera che ho inviato personalmente a Berlusconi — ha detto ieri Galan — chiederemo al ministro di dirci a che punto siamo con le richieste venute dal mondo della cultura e dal Veneto. Porremo questo problema, poi vedremo anche i rapporti tra Stato e Regione in campo culturale, ma al momento la cosa più importante è alleggerire i tagli della Finanziaria alla cultura». L'incontro romano cadrà alla vigilia della prima della stagione lirica alla Fenice. Una prima anticipata da due giorni di prove aperte gratis della «Juive» ieri e oggi nel teatro veneziano, offerta dall'orchestra per protestare contro i pesanti tagli al teatro veneziano, che su un bilancio di 32 milioni di euro potrebbe vedersi tagliare 8 milioni, pari al 25% del totale. Una cifra che, secondo il sovrintendente Giampaolo Vianello, paralizzerebbe qualsiasi attività nel teatro, che deve tenere conto di 19 milioni di euro solo di costi fissi e di 3 milioni di euro solo per tenere aperto.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news