LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Non solo Caravaggio
Vittorio Sgarbi
il Giornale, 7 novembre 2005

Lo snobismo culturale di certa stampa di sinistra può produrre talvolta effetti negativi di cecità e arroganza, tali da ribaltare non solo la verità ma anche l'oggettivo riconoscimento del lavoro, dell'impegno, della bontà di un impresa. È il caso di una giornalista de II Manifesto, Bianca Schwarz, che ha deciso, un po' per antipatìa personale nei miei confronti, un po' per una naturale predisposizione a non vedere, di contrastare una esposizione piena di capolavori, di indubbia qualità e di assoluta rarità (due requisiti essenziali per giustificare una mostra che non si compiaccia dell'ovvio) con argomenti aprioristici e inconsistenti. Mai con il giudizio sulle opere e sulla loro importanza storica. Difficile contrastare la presunzione dell'ignoranza. La, fin qui ignota, giornalista, forte del presidio di un giornale autorevole, ma evidentemente non dotata né di occhi né di buoni studi, si ostina a diffamare la (...) mostra «Caravaggio e l'Europa», dedicata, per sua vocazione e per precisa determinazione del Comitato Nazionale per le Celebrazioni di Mattia. Preti, al seguito caravaggesco, che un grande studioso come Benedict Nicolson chiamò «movimento internazionale caravaggesco» e che io ho puntualizzato, con gli estremi di partenza e di arrivo, «da Caravaggio a Mattia Preti». Naturalmente la promessa mancata della critica, per farsi riconoscere nel coro di consensi ed ammirazione (di capolavori) da parte di osservatori e critici anche molto esigenti, non è soddisfatta. Prima ritiene ingiustificata la mia polemica con i funzionari di Stato avari nei prestiti delle opere di Caravaggio con pretestuose ragioni di conservazione; poi, quando le spiego che quei divieti sono ingiustificati e che non si possono sottrarre al pubblico godimento opere straordinarie per i capricci di chi minaccia di restaurarle senza ragione, cerca altri pretesti per chiamare una onesta mostra: «ennesimo abuso caravaggesco».
Ma di cosa parla? Intanto, per smontare i suoi argomenti, basti dire che II Seppellimento di Santa Lucia, capolavoro siciliano di Caravaggio, indebitamente trattenuto dall'Istituto Centrale del Restauro a Roma, dove doveva essere «monitorato» (non si sa perché), è stato «liberato» per volontà del legittimo proprietario e del titolare della tutela, la Regione Sicilia, e proprio oggi arriva a Milano per essere esposto in mostra a Palazzo Reale . Si potrà così vedere (ma non da chi non ha occhi) che non ha alcun problema di conservazione che non sia stato già risolto nei precedenti (e definitivi) restauri di Cesare Brandi e di Giovanni Urbani, durati più di dieci anni (in cui il dipinto non si poteva vedere). L'abuso era (ed è) nasconderlo, senza necessità. Inutile spiegare queste ragioni «democratiche», di difesa dei diritti di chi vuoi vedere le opere d'arte, all'elitaria giornalista del Manifesto che parla a vanvera di abusi. La. fin qui ignota Bianca Schwarz, a cui suggeriamo di studiare, con l'umiltà di Gianni Papi, anche i quadri che non capisce, forse orecchia banalità e pettegolezzi di qualche studioso escluso dal Comitato (sceltissimo) della mostra e io qui la difendo da ingiustificate critiche non come curatore ma come presidente di un comitato nel quale hanno lavorato, con grande impegno, i migliori esperti dell'argomento.
La scelta delle opere è stata fatta dagli specialisti più accreditati dei diversi pittori. Wolfgang Prohaska è il massimo conoscitore di Battistello Caracciolo e di molte questioni napoletane. Sandro Benedetti è lo scopritore dell'ultimo importante Caravaggio, La cattura di Cristo, del Museo di Dublino. Luigi Spezzaferro è un caravaggista di lungo e onorato corso e ha pubblicato l'unico affresco noto del Caravaggio. Nicola Spinosa è il curatore di tutte le mostre sui maestri napoletani, da Ribera a Battistello, a Stanzione, a Preti e de «L'ultimo Caravaggio», mostra importante, appesantita, quella sì, da alcune opere «abusive» attribuite senza fondamento al grande pittore. Claudio Strinati è un buon conoscitore della pittura del Seicento ed erudito studioso del Manierismo negli anni della formazione di Caravaggio a Roma. Rossella Vodret ha organizzato, tra nuovi studi e restauri, importanti mostre caravaggesche in Italia e all’estero e oggi è Sovrintendente ai Beni Artistici e Storici di Roma. Gianni Papi è un puntiglioso ricercatore che, su mandato del Comitato, ha catalogato quegli artisti caravaggeschi che, ancora, restano senza nome; e, su mio suggerimento, ha riesumato una definizione di Roberto Longhi adottata per altri maestri sconosciuti: «il genio degli anonimi».
Per il pur piccolo avanzamento di conoscenza che, attraverso nuove ricerche, quei dipinti raccolti in gruppi consentono, è sembrato giusto dedicare questa sezione «al genio conosciuto di Roberto Longhi» il quale, se genio aveva, non avrebbe desiderato essere mummificato come vorrebbe la Schwarz, perseverando nella sua ignoranza e nel suo snobismo. Non le piace che io abbia chiamato la mostra di Palazzo Reale «nuova edizione dell'esposizione longhiana del 1951» e afferma: «Quella ebbe il merito di aprire agli studi, questa rischia di azzerarli». La Schwarz non sa quello che dice. La mostra -basterebbe la ricca sezione su Ribera giovane a Roma, che provvisoriamente il Longhi identificava nell'anonimo «Maestro del giudizio di Salomone» - non azzera gli studi, ma consente di vedere dipinti poco conosciuti in una trama di relazioni spesso illuminanti, anche approfondendo intuizioni «sperimentali» del Longhi. «Nuova edizione» è riferito alla coincidenza, dopo poco più di cinquant' anni, della sede; la mostra non poteva e non doveva essere su Caravaggio, ma, ben più utilmente, sul movimento internazionale caravaggesco indagato dall'altro grande studioso, Benedict Nicolson. E non mi pare che questo obiettivo sia stato mancato, come a tutti è manifesto, Bianca Schwarz permettendo.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news