LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ebrei. Romani de Roma. Un convegno di tre giorni all'Archivio di Stato
Marco Politi
la Repubblica, 7 novembre 2005

Roma
«Io so' jodìo romano: e so' romano da tempo de li tempi antichi. Io parlo com'allora. Ae (ho) visto Giuglio Cesare e Pompeo! Aio passato guai co' Vespasiano». Crescenzo del Monte, scrivendo questo sonetto nel 1923, riflette burlescamente un tratto profondo dell'ebraismo romano. Non solo la sua antichità - che risale a prima della presenza cristiana - ma anche il suo stretto intrecciarsi, il suo vivere e mescolarsi alle vicende della Città Eterna nonostante ghetto, repressione, editti vessatori. Ciò che definisce, insomma, l'ebraismo romano è il suo non essere e non sentirsi per niente separato dalla storia dell'Urbe. Dice Marina Caffiero, docente alla Sapienza, tra gli organizzatori di un convegno che si apre oggi a Roma, che «intrecci, legami, scambi, naturalmente conflitti, disegnano una vicenda assai più complessa del modello tradizionale di esclusione o autoesclusione». Non a caso Crescenzo del Monte intitola la sua poesia proprio Un romano de Roma. Ed è significativo che il nome italico più diffuso nella comunità ebraica sia quello romanissimo di Cesare. Altrettanto intrigante è il fatto che, al di là dell'odio per il potere romano e per Tito che distrusse Gerusalemme, si riscontri nelle «Roma e i suoi ebrei: una storia secolare». Da oggi fino al 9 novembre si svolge nella Sala Alessandrina dell'Archivio di Stato il convegno promosso dalla Facoltà di Lettere e filosofia della Sapienza con il sostegno dell'Archivio di Stato di Roma e della Fondazione per i Beni culturali ebraici in Italia. Partecipano una trentina di esperti e studiosi. Fra i relatori: Riccardo di Segni, Marcello Teodonio, Michele di Sivio, Daniela di Castro, Claudio Procaccia, Alessandro Portelli.
fonti ebraiche più antiche una sorta di fascinazione per la capitale dell'impero dei Cesari. Alle porte di Roma, secondo il Talmud babilonese, sta il Messia e nel Talmud palestinese si legge: «Se una persona ti chiede: dov'è il tuo Dio? Rispondigli: nella grande città di Roma».
Gli studi di filologia hanno rivelato che il giudaico-romanesco riflette specificità antichissime, completamente diverse dalle altre pronunce dialettali ebraiche inltalia. L'ebraismo romano ha, d'altronde, questo di particolare. Si tratta di una presenza ininterrotta da ventuno secoli, che mai si è voluta liquidare con pogrom, che si è sviluppata in simbiosi conia città e su cui semmai la persecuzione razziale na-zi-fascista cadrà ferocemente come qualcosa di impensabile: nel senso che nessun israelita romano immagina mai - all'inizio -che si voglia cancellare tout court l'ebraismo dall'Urbe e dall'Italia.
A questa vicenda (con particolare attenzione agli ultimi cinque secoli) è dedicato il convegno che si terrà per tre giorni all'Archivio di Stato. Più che un convegno è un affresco che spazia dalla storia dei cimiteri alle professioni esercitate dagli israeliti nel Cinquecento, dalle testimonianze raccolte dalla Shoah Foundation, all'analisi dei comportamenti contraddittori nei confronti del regime fascista, dai rapporti con la corte papale alla partecipazione alla Grande Guerra, alla vita religiosa, alla stampa risorgimentale, agli ebrei nella poesia romanesca.
Il ghetto - pochi lo sanno - è un'invenzione dei Papi, poi copiata in Europa. Sorto per la prima volta a Venezia con tratti principalmente amministrativi, diventa a Roma nel Cinquecento per opera di Paolo IV Carafa istituzione segregante e repressiva. Si accumulano i divieti a danno degli ebrei. Vietato tenere in locazione case e magazzini fuori dal ghetto, avere servitori o lavoranti cristiani, acquistare proprietà immobiliari o creare società commerciali e tenere comproprietà con neofiti o cristiani.
Vietato per le donne portare orecchini diversi dai cerchioni alla zingara. Vietato l'esercizio delle arti liberali o mestieri che non fossero lo stracciarolo. Vietato leggere e possedere il Talmud. E poi l'obbligo di portare il segno giallo di riconoscimento. E le conversioni e i battesimi forzati.
Eppure tutto questo apparato esclusivo non impedisce una vivace interazione della comunità ebraica con la città. In barba ai divieti gli ebrei hanno continue occasioni e numerosi spazi di interscambio con "i cristiani". Entrano neUe case proprio perché venditori di stracci, frequentano i mercati di piazza Navona e Campo Vaccino, posseggono edifici fuori dal ghetto grazie a prestanome, sono datori di lavoro di dipendenti cristiani, sono notai e medici, esperti di legge ascoltati dai pontefici, hanno contratti di appalto come quello di 2500 letti per i soldati pontifìci o per l'acquisto degli abiti usati dagli ospedali romani.
Sul finire del Seicento Tranquillo Vita Corcos fonderà addirittura un'Accademia Ebraica. Gli ebrei partecipano ritualmente alla vita della città nei suoi momenti culminanti. In Campidoglio con la delegazione inviata ai Conservatori. Al Colosseo, presso l'Arco di Tito, per omaggiare il nuovo pontefice.
Cerimonia di grande rilievo simbolico, perché il Papa respinge il valore della Torah offertagli,
ma accetta comunque il dono "includendo" gli ebrei con il loro credo tra i suoi sudditi. Nella vita quotidiana, nota la ricercatrice Serena di Nepi, esiste una sorta di «pragmatismo, che certo non supera le barriere ideologiche, ma le accantona per i bisogni di ogni giorno».
Questa convivenza è così radicata che alla promulgazione delle leggi razziali fasciste molti ebrei penseranno che Mussolini si comporterà alla fine come i papi: pubblicando editti, che poi in qualche modo si possono aggirare. Non sarà così. Tragicamente. Ma prima di arrivare all'antisemitismo e alle razzie naziste, la comunità ebraica romana vivrà le stagioni entusiasmanti del Risorgimento e dello Stato unitario. Gli ebrei si arruolano in massa nelle Guardie Civi-che delle due Repubbliche romane, partecipano con orgoglio alla guerra del '15-'18, avendo per la prima volta un loro Rabbinato militare, e persino allo scoppio della Seconda guerra mondiale dimostrano il loro patriottismo arruolandosi convintamente.
La professoressa Filomena Del Regno esplora uno aspetto generalmente in ombra: la reazione oscillante degli ebrei romani all'indurirsi del regime fascista sul finire degli anni Trenta. «La comunità - spiega - è molto diversificata al suo interno: un gruppo dirigente filofascista, un gruppo filosionista molto esiguo, una massa inerte, smarrita e
inconsapevole di fronte alla violenza normativa antisemita. Molti si convertono al cattolicesimo, molti emigrano, molti attendono speranzosi, riaffermando fedeltà al regime».
In questo panorama, anche quando inizia la stagione dei convogli verso i lager, riemerge continuamente quel "sentirsi romani" di una comunità, che non ha mai vissuto la sua presenza nell'Urbe come stranieri o ospiti. Racconta Micaela Procaccia, della Direzione generale degli archivi, di un vissuto intensamente legato a strade, caseggiati e piazze, aricordi d'infanzia con i «ragazzini che per strada danno vita a interminabili partite di pallone fra giudii e trasteverini», dove ci si sente «più romani che italiani». Settimia Spizzichino, unica donna superstite della retata del 16 ottobre 1943, lo confermerà dopo la sua liberazione dal lager di Bergen-Belsen. A chi le domanda che senso ha tornare in Italia, risponde: «Roma è Roma... Non c'entra l'Italia, non c'entra niente altro».
In questo panorama anche i Papi diventano in qualche modo un punto di riferimento familiare. Almeno nella bufera della Shoah. Le istituzioni cattoliche fanno molto per salvare ebrei durante l'occupazione nazista di Roma. Però il silenzio di Pio XII dopo la razzia del 16 ottobre '43 viene vissuto come un vero tradimento.
Per due giorni e mezzo, testimonia Claudio Fano, i votati alla deportazione stanno chiusi nel Collegio Romano, a due passi dal Vaticano: «II Papa c'aveva la macchina con la benzina. Bastava mandare uno straccio di cardinale o di vescovo». Ma nessuno arriva.


NEL palazzo dell'Archivio di Stato, in corso Rinascimento 40, comincia oggi e continua fino al 9 novembre, il convegno "Judei de Urbe. Roma e i suoi ebrei: una storia secolare". La facoltà di Lettere e Filosofia della Sapienza, in collaborazione con l'Archivio di Stato e Fondazione per i beni Culturali Ebraici in Italia dedicano tre giorni di lavori al rapporto intercorso tra Roma e le comunità ebraiche. Sarà presente il sindaco Walter Veltroni, interverrà il Rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni. Nel corso della tavola rotonda conclusiva sarà presentato il "Progetto nazionale degli archivi storici delle comunità ebraiche" promosso dalla Direzione generale per gli Archivi del ministero per i Beni culturali e le attività culturali.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news