LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palatino: per le ferite 9 mesi di sopralluoghi
Paolo Brogi
Corriere della Sera, 7 novembre 2005

I punti più critici del Colle: Domus di Tiberio, Arcate Severiane, sostruzioni del Velabro, giardini

Il check up guidato dall'ingegner Croci Appello dei tecnici della Sapienza: «Facciamo come per l'Acropoli di Atene»

«Abbiamo a disposizione nove mesi. Cercheremo di fare il possibile per monitorare tutto il Palatino e capire dove è necessario e urgente intervenire», dice l'ingegnere Giorgio Croci della Sapienza, il tecnico che ha rimesso in piedi la basilica di San Francesco d'Assisi dopo il crollo del terremoto del '97 e che ora è stato chiamato dal Sovrintendente archeologico di Roma, Angelo Bottini, a studiare il Palatino che crolla.
Croci interviene col suo staff, quattro ingegneri strutturisti che lo hanno affiancato in tante imprese compresa l'operazione «obelisco di Axum». Con lui si coordinerà il gruppo multidisciplinare ricco di competenze della sovrintendenza archeologica di Roma. «Non c'è tempo da perdere, l'ultimo crollo lo dimostra - spiega Croci -. A questo punto l'obiettivo è molto chiaro, fare un'analisi completa, individuare tutte le situazioni a rischio e decidere come operare: dove basta puntellare, dove intervenire invece con operazioni più complesse tramite fondi consistenti che dovranno essere chiesti, dove rivedere infine i percorsi e le riaperture delle parti attualmente chiuse al pubblico. Insomma un check-up per mettere a punto una richiesta a medio e lungo termine. L'urgenza è nelle cose: dalle prime verifiche abbiamo già visto che sono molteplici i punti critici, dalle maestose Arcate Seve-riane prospicienti il Circo Massimo dove è stato già effettuato quest'anno un intervento di messa in sicurezza, alle «sostruzioni» sul versante Velabro, ai Giardini Farnesiani, agli edifici della parte alta...».
Cade a pezzi tutto il Palatino, dove sono vissuti Romolo, Cicerone, Augusto, Tiberio, Nerone, Caligola, insomma tutta la storia dì Roma, concentrata in un colle di tufo, bucato da gallerie, cave, cisterne, cunicoli, fessurazioni, criptoportici nascosti oggi da una cinta di bastioni su un paio di lati e, sopra, al confine col Foro da un giardino cinquecentesco ricco di piante rare e di radici prepotenti che spaccano pietre e mattoni millenari. Un mondo fantastico, per metà chiuso al pubblico, e per l'altra metà piagato dagli insulti del tempo, pronto a crollare da un momento all'altro.
La zona «off limits» si offre subito al visitatore, appena imboccata la salita d'accesso del Clivo palatino: riguarda, sulla sinistra, la spianata sotto la chiesa di San Bonaventura, chiusa perché le «sostruzioni» e i muri sono crepati. Poco oltre prima di arrivare al palazzo dei Flavi s'incontra, transennato, il basamento del tempio di Giove Statore: appare spaccato e sprofondato nel terreno. Più in alto, sotto le mura crepate del vasto palazzo dei Flavi, c'è la Do-mus transitoria di Nerone, altrettanto grande, forse il pezzo iniziale della Domus Aurea: chiusa da sempre. E chiusi, perché pericolanti, anche il tempio della Vittoria e quello della Magna Mater, le capanne romulee, la domus di Augusto.
Difficile avventurarsi verso i muraglioni e le «sostruzioni», i muri di sostegno che circondano il Colle sul fronte nordorientale e sud: lì, tra crepe vistose e infiltrazioni d' acqua, il pericolo è più che evidente. Più subdolo è invece il giardino farnesiano dove nell’85 si aprì la voragine che inghiottì una fontana e dove ora è crollato un muro del '500. Sotto c'è la Domus Tiberiana in cui è stato appena aperto un cantiere di consolidamento dotato di 6 milioni di euro. Da lì si scende poi lungo il Clivo della Vittoria verso San Teodoro e più in là, accanto al Circo Massimo, in direzione delle Arcate se vertane. «Bisogna fare come in Grecia, con l'Acropoli, che pure aveva problemi infinitamente minori», spiega il professor Carlo Giavarini, presidente del Cistec, il Centro di scienza indipendente della Sapienza per la conservazione del patrimonio storico-architettonico. «Lo stato dovrebbe prendere una decisione come fu fatto in Grecia nel '75 dal ministro Tripanis, istituire una commissione nazionale dotata di finanziamenti e poteri effettivi. Quella decisione ha messo in salvo l'Acropoli. Ha consentito di elaborare un piano globale, studiare le priorità, ottenere i fondi necessari, risanare e man mano riaprire. Al Palatino, prima dì tutto, bisogna capire come far defluire le acque che minano i muri. Gli antichi romani lo sapevano fare, noi no».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news