LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Oltraggio a Palazzo Venezia una veranda sulla loggia del '400
ANNA MARIA LIGUORI
D0MENICA6 NOVEMBRE 2005 ROMA CRONACA LA REPUBBLICA




LA LOGGIA coperta in laterizio nel cortile interno di Palazzo Venezia, che sovrasta il porticato ideato dal papa veneziano Paolo II nella seconda metà del '400, sta per perdere il suo posto nella storia dell'architettura italiana: finestroni di ferro, in rigoroso stile inglese, su cui verranno montati quadratoni di vetro, la stanno trasformando in una veranda da villa di periferia, pesante, grigia, kitch quanto basta per far inorridire chi dell'arte monumentale fa una religione. Una volta tappate tutte le arcate che il suo ideatore
costruì in omaggio al Colosseo si passerà, come guardando un velocissimo videoclip, dal rinascimento all'ottocento anglosassone e campagnolo. Un volo niente male, visto che viene fatto sotto l'occhio vigile della Soprintendenza per i Beni artistici e storici di Roma che ha la sua sede proprio nel Palazzo, e sotto l'egida di
Claudio Strinati, soprintendente statale al Polo museale di Roma.
I lavori sono in corso.

Le finestre già saldate bucando la martoriata pietra che ha resistito millenni senza nessun trapano la profanasse, impoveriscono il contesto e limitano l'orizzonte dello stupendo cortile acuì si accede da Piazza San Marco. L'elegante loggia accanto alla basilica di San Marco diventerà il luogo ideale per pranzi e cene, feste di nozze e battesimi, il tripudio per una ditta di catering se mai potesse averla in affitto.
Non si conosce il motivo del "risistemazione". Nel palazzo si vociferano strane congetture, che quello spazio «andava perso», che in questo modo potrà «essere utilizzato» per «riunioni e cene». Nulla di certo, nulla di verosimile. Nemmeno la tesi della tutela dagli «agenti atmosferici» regge a tanto scempio, visto che la stragande maggioranza dei professionisti del settore sposano la tesi della «trasparenza costruttiva» affidata a barriere solide e di materiale "invisibile" persino in interventi
su edifici moderni e di dubbio pregio strutturale. Un concetto che, a quanto pare, non vale per un monumento che ha sede nel cuore del centro storico della capitale, all'interno di uno dei siti storico-architettonici più visitati al mondo.
I numerosi lavori di restauro e di modificazione, fatti nel corso dei secoli, ed in ultimo nel '900, non avevano finora fondamentalmente mutato il carattere originario del palazzo che rimane il più completo e importante esempio di architettura quattrocentesca romana. Ma da ora in poi tutto cambia. Intanto sono sospese le visite ed è vietato l'ingresso al cortile, nessuno escluso. Ieri un gruppo di architetti francesi si è visto negare l'accesso, benché previsto da depliant e guide (sabato e domenica, ore 11.30), il numero telefonico delle prenotazioni non è attivo e quello di Palazzo Venezia rimanda l'ingresso ai cortili e al "giardino segreto di Paolo II" a data da destinarsi. Causa: lavori urgenti di restauro. I vari enti che hanno casa nel palazzetto San Marco e centri culturali, quali L'Istituto nazionale di Archeologia e Storia dell'Arte, non sembrano fare
troppo caso ai finestroni che gli operai installano nella quiete più assoluta. Solo un'anziana professoressa di storia dell'arte ormai in pensione ieri picchettava la piazzetta antistante il palazzo, beveva nervosamente alla fontanella a forma di Pigna simbolo del Rione e ripeteva rassegnata a voce bassa: «Per anni ho portato i miei alunni e vedere la loggia. Mai avrei pensato che sarebbe sparita...».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news