LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GAETA- Lo stendardo di Lepanto appartiene alla Chiesa
domenica 6 novembre 2005 www.iltempo.it



Secondo lo storico locale monsignor Capobianco. Tracce storiche inconfutabili
GAETA — Si terrà quasi sicuramente il prossimo 21 novembre la seduta di Consiglio Comunale dedicata alla discussione sui beni storico - culturali della città ed alla richiesta della Curia arcivescovile di allocarli presso il Museo Diocesano in allestimento presso Palazzo De Vio. Il dibattito tra coloro che sostengono la tesi dell’appartenenza al Comune di tali beni e coloro che affermano il contrario si arricchisce ora dell’autorevole intervento di uno dei Canonici della Cattedrale di Gaeta, monsignor Paolo Capobianco, profondo conoscitore della storia della città, autore di decine di pubblicazioni in materia. Don Paolo Capobianco ripercorre la storia di uno dei simboli che la città custodisce con grande «venerazione», ovvero lo Stendardo di Lepanto, che in tale dibattito spesso assurge ad elemento discriminante delle opposte tesi sostenute. Nella lettera inviata dalla Curia agli amministratori ed ai cittadini di Gaeta, don Paolo Capobianco ricorda come «lo Stendardo di Lepanto venne donato dall’ammiraglio Marcantonio Colonna, tra i comandanti della flotta cristiana in partenza per Lepanto, con l’approvazione di Papa Pio V, alla Cattedrale di Gaeta in segno di rispetto del voto fatto dallo stesso Marcantonio Colonna davanti a S. Erasmo nella Cattedrale di Gaeta prima di partire per la battaglia». Don Paolo Capobianco racconta così quest’importante aspetto della storia di una delle battaglie che la cristianità ricorda con grande orgoglio combattute contro l’invasore musulmano. «Il 20 giugno del 1571 Papa S. Pio V celebrò in San Pietro una messa in onore dello Spirito Santo, dopo la messa consegnò all’ammiraglio Marcantonio Colonna uno Stendardo di seta su disegno di Michelangelo realizzato da Girolamo Siciolante, invitandolo a radunare la flotta nel Porto di Gaeta». «Il mattino del 22 giugno 1571 arrivato a Gaeta - racconta sempre don Paolo - prima di partire Marcantonio Colonna nella Chiesa Cattedrale fece voto davanti a S. Erasmo che se fosse tornato vincitore avrebbe donato lo Stendardo al Santo, simbolo della vittoria cristiana a Lepanto». Lo Stendardo nel corso dei secoli fu custodito in un cassetto del Capitolo Cattedrale di Gaeta nel Tesoro della stessa Chiesa e nella seconda metà del Settecento il vescovo Carlo Pergarno adatto lo Stendardo in un grande quadro aggiungendovi la scritta «in hoc signo vinces». Venendo ai giorni nostri don Paolo Capobianco ricorda che dopo i danni riportati dallo Stendardo a seguito dei bombardamenti a Gaeta nella notte dell’8 settembre del 1943 che provocarono allo storico vessillo un grande strappo lo stesse venne restaurato dalla Sovrintendenza delle Belle Arti. Infine agli inizi degli anni 90 - prosegue nella parte finale la lettera di don Paolo - monsignor Farano arcivescovo di Gaeta nel riportare l’opera restaurata in Cattedrale la appoggiò momentaneamente al Centro Storico che era ospitato allora nel Palazzo De Vio per poter essere visitato con maggiore visibilità».




news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news