LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Maddalena. Nel mirino i lavori di ampliamento delle strutture di Santo Stefano censurati dall'UE
Andrea Busia
L'Unione Sarda 3/11/2005

La Maddalena. Nel mirino i lavori di ampliamento delle strutture di Santo Stefano censurati dall'UE. Una Procura a caccia di segreti. A breve una richiesta di sopralluogo nella base

Non sarà facile acquisire il fascicolo relativo agli atti che hanno consentito al governo Usa di ottenere la concessione per 52 mila metri cubi. Si rischia di impattare nel segreto di Stato com'è già successo per le indagini sui presunti abusi a villa Certosa. Forse è ancora troppo presto per parlare di un nuovo caso Certosa, ma il segreto di Stato rischia di bloccare un'altra indagine della Procura di Tempio. Il pubblico ministero Giovanni Porcheddu si occupa infatti da diversi mesi dell'ampliamento della base Usa di Santo Stefano. L'inchiesta è entrata in una fase decisiva, perché ora serve l'acquisizione dei documenti riguardanti l'intervento da 52 mila metri cubi e soprattutto un sopralluogo nel presidio Usa più importante del
Mediterraneo. Facile a dirsi, ma si parla di un sito e di atti (documenti collegati al trattato che regola i rapporti fra Usa e Italia) sui quali nessuno può mettere il naso. Materia assolutamente secretata della quale si possono occupare soltanto
alcuni organismi espressamente citati nell'accordo riguardante la base della Us Navy. E a questo punto i magistrati si trovano davanti ad un bivio. Il sostituto Porcheddu, lo stesso dell'inchiesta sulle tenuta del premier, non commenta il lavoro
della polizia giudiziaria. E' certo, però, che il pm vuole esaminare la documentazione che gli consenta di raccogliere elementi sulla classificazione delle opere in via di realizzazione nell'arcipelago. In teoria si tratta dell'ampliamento delle strutture militari, ma per averne certezza servono le carte. Altrimenti gli
accertamenti riguarderebbero il nulla. La Procura di Tempio vuole invece lavorare sui dati di fatto. Per questo un sopralluogo sarebbe utilissimo, anzi
imprescindibile, se si vuole avere un'idea precisa e soprattutto una descrizione dettagliata dei lavori in corso a Santo Stefano. Per ora è soltanto la sezione di polizia giudiziaria del Corpo Forestale ad occuparsi del fascicolo. In una relazione gli investigatori ipotizzano il reato di deturpamento di bellezze naturali. Ma è probabile che a breve anche la Capitaneria di porto di La Maddalena venga coinvolta nell'inchiesta. E si tratta di un affidamento di nuovi incarichi assolutamente non casuale. Perché proprio la Capitaneria di porto ha la possibilità e i mezzi per effettuare un sopralluogo nella base. Ed è altrettanto sicuro che se i pm dovessero andare avanti con la decisione di chiedere l'accesso nel presidio per sottomarini a propulsione nucleare, immediatamente si porrebbe una serie di questioni di non facile soluzione. I magistrati galluresi, comunque, lavorano in silenzio. Non si occupano delle interrogazioni presentate alla Commissione europea e tantomeno delle manifestazioni avvenute nei giorni scorsi proprio a Santo Stefano. Per la Procura di Tempio il problema dal punto di vista strettamente tecnico è abbastanza semplice: Esiste un cantiere, i lavori vanno avanti da mesi, in una zona con rigidi vincoli ambientali e paesaggistici. Qualcuno deve spiegare atti alla mano che l'intervento è autorizzato e rientra negli accordi tra Stati Uniti e Italia. Certo, tenendo conto anche dell'ultimissimo richiamo della Commissione europea che contesta, proprio in
riferimento alla base di Santo Stefano, il mancato rispetto delle normative europee in materia ambientale.

Il caso Us Navy. L'esposto. Sono stati i rappresentanti del Gruppo d'Intervento Giuridico e degli Amici della Terra a chiedere l'intervento della Procura della Repubblica di Tempio. In un esposto datato 8 ottobre 2004, inviato anche alla
Regione, al Ministero dell'ambiente e all'Unione europea, gli ambientalisti mettevano in evidenza la presunta violazione delle normative europee in materia ambientale.

L'interrogazione. Anche l'europarlamentare verde Monica Frassoni ha chiesto spiegazioni sull'ampliamento della base Usa di Santo Stefano. Lo ha fatto con un'interrogazione rivolta alla Commissione europea, sempre nell'ottobre 2004. E nel gennaio 2005 il commissario all'ambiente greco Dimas si è occupato della questione, aprendo un procedimento concluso nei giorni scorsi.

Il richiamo. L'Ue ha messo in mora l'Italia, secondo la Commissione europea l'intervento di ampliamento è suscettibile di avere un impatto ambientale significativo nella zona, per questo, sempre secondo l'Unione Europea, dovevano essere avviate le procedure di valutazione di incidenza ambientale.

L'inchiesta. La Procura di Tempio si occupa da mesi del primo lotto dell'ampliamento. L'ipotesi è quella della violazione dell'articolo 734 del codice penale. Non possono essere infatti contestate violazioni della disciplina regionale
in materia urbanistica



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news