LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I patrimoni maltrattati
Alberto Ronchey
Corriere della Sera 5/11/2005

Questioni come il rispetto della legalità, la tutela del decoro urbano e la conservazione del patrimonio storico provocano accese controversie nelle città italiane. I pareri divergono, come sempre, tra fautori della severità e della permissività variamente giustificata.
L'ultimo caso è quello di Bologna, città inquieta, dove il sindaco Sergio Cofferati ha disposto misure di «tolleranza zero» contro i disordini del centro urbano e le baraccopoli abusive lungo il Reno abitate dall'immigrazione irregolare. Una «sinistra alternativa» lo contesta, opponendo il senso della socialità indulgente a quello della legalità più o meno efficiente. Il disagio è considerevole per il duro sindacalista, già segretario della Cgil, convertito in duro sindaco. La popolazione, in larga maggioranza, sembra d'accordo con l'amministrazione di Palazzo D'Accursio, come provano i sondaggi da Piazza Grande a Borgo Panigale. Pare diffusa l'opinione che per socialità s'intende troppo spesso un misto di permissività e passività, destinate a moltiplicare disordini e disagi sociali anziché ridurli. Ma il compito di Cofferati, senza dubbio, è duro non meno del suo carattere.
Nello stesso tempo, a Roma il sindaco Walter Veltroni annuncia «l'operazione decoro». Vorrebbe riqualificare Piazza Navona, invasa dai venditori d'ogni sorta di merci nello scenario monumentale fra Bernini e Borromini sopra i resti dello stadio di Domiziano. Numerose voci, da decenni, reclamavano un rispetto simile a quello che i parigini riservano a Piace Vendome. Ora la delibera che vieta d'occupare «lo spazio centrale di Piazza Navona con qualsiasi attività commerciale» è passata in Giunta Capitolina, d'intesa con la soprintendenza dei Beni culturali ambientali. Ma fra commenti critici o scettici, quanti dovrebbero trasferirsi con banchi e trespoli verso luoghi più appropriati si ribellano. Furenti contro il Campidoglio, vogliono incatenarsi alla Fontana dei Fiumi.
Simili controversie, non certo nuove, ricordano le strenue dispute sugli usi di Piazza San Marco a Venezia, dell'Arena di Verona, dei Loggiati degli Uffizi a Firenze o della Piazza Sordello a Mantova, senza dimenticare i danni subiti a lungo dalle romane Terme di Caracalla. Si tratta non solo di conflitti fra interessi maggiori o minori, ma fra mentalità e costumi a volte inconci-
liabili anche nelle sfere amministrative.
Proprio a Roma è ancora irrisolta la vertenza su Palazzo Barberini, che oppone ambienti militari e storici dell'arte. Quell'insigne architettura del barocco, acquisita nel 1949 dallo Stato per ospitare degnamente la Galleria nazionale dell'arte antica, doveva raccogliere numerose opere disperse in differenti sedi. Non è ancora così, malgrado le rivendicazioni dei Beni culturali, perché un circolo di rappresentanza rimane a occupare importanti spazi e ostacolare il progetto d'interesse nazionale. Il caso è sconfortante, se paragonato per esempio a vicende come quella del Grande Louvre raddoppiato in pochi anni. Ora va dal Carrousel al Giardino delle Tuileries, avendo annesso l'adiacente ala Richelieu che prima ospitava il ministero delle Finanze, trasferito a Bercy. Eppure quel dicastero, che in Francia governa sia l'entrata fiscale sia la spesa e il bilancio, è le pouvoir per eccellenza. La cura del patrimoine, a Parigi, prevale sulle massime potestà. Perché a Roma il rapporto tra poteri è tanto diverso, in presenza d'un patrimonio artistico e storico inestimabile?



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news