LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POZZUOLI.Area archeologica ripulita dalle detenute
04/11/2005 Il Mattino



Pozzuoli. Sembrano giardinieri come altri, con le loro seghe elettriche, i loro rastrelli e la divisa verde. Ma in realtà sono le detenute del carcere di Pozzuoli, impegnate con il Comune in un progetto sperimentale per la riqualificazione dell’area archeologica di via Celle. Ieri mattina erano al lavoro, per rimuovere rifiuti, erbacce e ridare decoro al sito della necropoli romana. Ladre, spacciatrici, truffatrici tutte unite da un’unica volontà: dimostrare di essere cambiate, aiutando Pozzuoli a cambiare volto. E c’erano anche loro, ieri, vicino ai resti della necropoli romana di Puteoli il cui degrado è finito nel mirino del colorato sindacalista puteolano Gennaro Prebenda, «il messicano»: «Questa necropoli doveva e poteva essere uno dei luoghi simboli per il rilancio turistico dei Campi Flegrei – dice indossando il tradizionale sombrero - Ma purtroppo è ridotta in queste condizioni nonostante tutti i soldi spesi per il suo rilancio». Tra il 1996 e il 1997, infatti, per la riqualificare la zona, il commissario straordinario di governo finanziò i lavori con circa 1,5 miliardi delle vecchie lire: ad eseguirli, il consorzio Copin che, in pochi mesi, intervenne restaurando i mausolei, ripulendo minuziosamente la necropoli, rimovendo i rifiuti. Subito dopo, la necropoli venne consegnata alla Soprintendenza archeologica. Oggi, la necropoli di via Celle è di nuovo piena di erbacce e rifiuti: il cancello verde rimane chiuso a chiave, impossibile far visita all’interno degli scavi. Da fuori, però, si ammira proprio a ridosso delle tombe, una casetta rosa abbandonata, da cui spuntano i tubi dei servizi igienici. Forse doveva essere la dimora del custode. Il senatore Salvatore Lauro, dopo un sopralluogo fatto sempre nella mattinata di ieri, ha promesso che del caso della necropoli abbandonata informerà sia il ministero dei Beni culturali che l’Unesco. Insomma, è grande la mobilitazione per la tutela e il rilancio del patrimonio culturale e archeologico del Campi Flegrei: testimonianze di grande valore che rischiano di soccombere per l’incuria e l’abbandono. Le detenute, nel frattempo, ignare di tutte le polemiche, non si fermano neppure un istante: sono in tre, non parlano del loro passato ma solo del loro presente: «Avete visto che risultati? Sono proprio brave». I dipendenti dell’ufficio Giardini del Comune, che affiancano in ogni istante il lavoro delle detenute, spiegano che non hanno nulla da invidiare al personale specializzato. Lavorano grazie ad un permesso della magistratura di sorveglianza che le autorizza a lasciare l’istituto di pena di Pozzuoli per otto ore al giorno. pi.tao.




news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news