LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Esercito si mette in vendita: un affare da un miliardo di euro
Giuseppe De Bellis
il Giornale 01-11-2005


da Milano
• Aeroporti, forti, caserme, terreni, poligoni e un faro alle isole Tremiti. Quello che era un pezzetto del patrimonio della Difesa italiana è in vendita. Dichiarato in congedo perché non è più funzionale al sistema di «protezione» militare italiana di oggi e di domani. Il compito di trovare un acquirente è dell'Agenzia del Demanio che ha ricevuto i beni dal ministero dell'Economia. E i beni sono in tutto 240, per un valore che un decreto legge del febbraio scorso ha stimato tra i 954 e 1.357 milioni di euro. Soldi che incasserà lo Stato italiano per poi riutilizzarli in diversi modi. Soldi che arriveranno perché il ministero della Difesa ormai aveva annunciato che le caserme e gli altri immobili erano «non più utili ai fini istituzionali».
Allora la Difesa aveva deciso di cederli all'Economia che poi li avrebbe «girati» al Demanio per poter monetizzare la loro cessione, lì adesso il Demanio quei beni ce li ha e ha anche cominciato a venderli. E' dal 21 giugno scorso - quando la Gazzetta ufficiale ha pubblicato il decreto de) 28 febbraio - che la lista delle strutture è definitivamente nota. Oggi è già cominciata qualche trattativa, anche se il grosso delle vendite arriverà nel 2006: il Demanio prima di cedere gli immobili ha intenzione di ristrutturare quelli che sono in condizioni peggiori. Da quel momento scatterà la corsa: i candidati all'acquisto sono essenzialmente le imprese di costruzioni attratte dalla possibilità di poter acquistare spazi edificabili.
Tra i 240 beni individuati ci sono l'ex base Nato Scatter di Calice Ligure (in provincia di Savona), Campo di Marte a Broscia, Piazza d'Armi ad Alessandria (ex campo sportivo militare), la caserma Vittorio Veneto a Firenze, Forte Santa Sofia a Verona, l'aeroporto di Pontecagnano (in provincia di Salerno), le caserme Chiarini, Masini, Mazzoni, Battistini e Sani a Bologna, il Torrione Francese di Gaeta (in provincia di Latina), le aree esterno dell'aeroporto di Guidonia (in provincia di Roma), Forte Tiburtino e Forti; Braveria a Roma, il complesso immobiliare dell' isola Palmaria (in provincia di La Spezia), la vecchia Palazzina Mameli a Milano, il poligono di Gallarate (in provincia di Varese), un'aliquota dell'aeroporto di l'ano (in provincia di Pesaro), lo stabilimento balneo-termale di Acqui Terme (in provincia di Alessandria), il Faro di San Domino alle isole Tremiti (in provincia di Foggia), l'aeroporto del Prete di Vercelli.
Nel 1997 la lettera di congedo era già arrivata ad altri 302 immobili scelti per essere restituiti alla vita civile. Nella, folta lista di beni da vendere c'erano allora infrastrutture dedicate alla vita militare come 60 poligoni e campi da, tiro a segno, 53 caserme;, 24 depositi di munizioni, nove polveriere;. Ci fu anche qualche sorpresa. Nell'inventario dei beni che lasciarono la divisa, delle forze armati; c'erano due isole, l'Isola di Santo Spirito a, Venezia e l'isola di S. Andrea nel mare di Gallipoli in Puglia; alcuni palazzi corno il palazzo Ducale di Sassuolo, Palazzo Prosperj-Sacrati a. Ferrara, Palazzo S. Michele di Bari, Villa. Magri a Taranto; tre fari, ad Ischia, a Massalubrense e a Brindisi; quattro aeroporti, a Ferrara., Modena, Baverina, e Prosinone; ed anche una ferrovia., quella del Max Piccolo a Taranto.
La maggior parti; di questi beni, 237, fu immediatamente disponibile e pronto alla, vendita, il resto invece, per
un po' di tempo restò in uso pur non rispondendo più alle esigenze del ministero della Difesa. La regione con il pacchetto più consistente di beni da «smilitarizzare» fu il Veneto con 55, seguito dall'Emilia Romagna con 49, dalla Puglia con 42, dal Piemonte con 24 e dalla Liguria con 23. La regione a vendere di meno fu il Molise, con appena un immobile. Il valore dei beni fu stimato in mille miliardi di lire. Mille miliardi, ovvero quasi cinquecento milioni di euro per 302 immobili. Molto meno di quanto vengono valutati oggi gli immobili che il Demanio si appresta a vendere: por 240 «pezzi» lo Stato otterrà più di un miliardo di euro, l'equivalente di duemila miliardi di lire.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news