LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Golpe bianco dei soliti noti: la Provincia viene buttata giù dalla Scala
il Riformista 04-NOV-2005

Continua la crisi Scala, dopo le recenti polemiche berlusconiane sul "teatro degli sprechi" e in coda alla raffica di dimissioni dell'ultimo anno. Tanto che qualcuno parla apertamente di «golpe bianco» per commentare le ultime vicende sul rinnovo del Cda scaligero in scadenza il 16 novembre.

Spieghiamo meglio: mercoledì la giornata al Piermarini era cominciata con l'Assemblea dei soci fondatori, che da copione ha dato il via libera al passaggio della Camera di Commercio a socio pubblico con diritto di nomina di un membro del Cda, aprendo poi alla possibilità che un'apposita modifica di legge consenta l'allargamento del Cda da 7 a 9 membri, così da far entrare in Consiglio la provincia di Milano, che con Penati si è detta pronta a ridiscutere «l'apporto finanziario che palazzo Isimbardi dovrà assicurare nel tempo alla Scala».
Tutto bene, quindi? No. Perché poi mercoledì alla Provincia è stato presentato un conto diverso: cioè un via libera solo teorico all'ingresso come socio di diritto nel Cda, piazzato in mezzo ad alcuni paletti praticamente insormontabili. Prima precondizione: palazzo Isimbardi deve versare in un'unica tranche 10,6 milioni di euro: 2,7 per due anni, pari all'8% del contributo annuale che il Fondo unico per lo spettacolo gira al teatro (che poi era la tassa d'ingresso che la provincia si aspettava) a cui però è stata aggiunta un'ulteriore quota di 5,2 milioni per i quattro anni precedenti destinata al patrimonio della Fondazione, in base a una legge guarda caso approvata in extremis mercoledì. La seconda precondizione, invece, è che sia accolta dal governo la richiesta di portare il numero dei membri del Cda scaligero da sette a nove. Richiesta tutl'altro che scontata.
Morale: è evidente che non esiste la volontà politica di accogliere la Provincia alla Scala. Il colpo di mano dell'altra sera, di qui «il golpe bianco» come lo chiama una fonte accreditata, «con cui è stato introdotto un ulteriore sbarramento finanziario, di fatto è una blindatura del governo scaligero. Quasi che si volesse far pagare alla provincia le liti in corso sulla Serravalle». Una piccineria notata anche dal moderato Sole 24 ore che ieri ha pubblicato un corsivetto al vetriolo sottolineando la piccineria dell'assemblea dei soci Scala nell'inventarsi strani cavilli pur di sbarrare la strada all'ingresso in teatro a Penati.Tra l'altro, come spiega Daniela Benelli, assessore provinciale alla Cultura, «si tratta di un atteggiamento suicida anche a prescindere dal nostro ruolo, perché questa clausola/capestro rischia di bloccare anche l'ingresso di altri soci, soprattutto ora che i tagli previsti al Fus in Finanziaria faranno mancare alla Scala ben 9 milioni di euro. Insemina è come se per fare un dispetto a noi si tagliassero gli attributi, al solo scopo di perpetuare un blocco di potere che in questi anni ha di fatto portato alla crisi del teatro».
Una scelta di pura conservazione «sull'asse Albertini, Ermolli e Chevallard, il grande dominus della Camera di Commercio ambrosiana, a cui per ignavia si è associata la fondazione Cariplo che alla fine ha avvallato il colpo di mano», prosegue la nostra fonte. Unica concessione apparente: il Cda ha spedito una lettera al ministero dei Beni culturali con la richiesta di un emendamento alla finanziaria per poter allargare il Cda appunto da 7 a 9 membri. Un allargamento, anche qui, però tutt'altro che scontato, come ammette lo stesso vicepresidente Ermolli quando dice che per questo sono necessarie delle modifiche alla legge sulle Fondazioni.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news