LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Metrò piazza Dante, piove sull'opera d'arte
Cristiano Tarsia
Il Mattino, 04/11/2005

Piove sulle scarpe di Kounellis. Il metrò dell'arte fa acqua, letteralmente. Una perdita da circa due mesi ha infradiciato una parete a uno dei piani sotterranei della stazione Dante. La classica goccia d'acqua che ha rovinato l'opera d'arte di Jannis Kounellis, artista contemporaneo italo-greco.
E ad aiutare l'acqua, che ha arrugginito i binari e infeltrito le scarpe, ci si è messa, naturalmente, la burocrazia. Tempi e modi da accertare, nessuno è intervenuto dallo scorso nubifragio del 17 settembre, quando, allora, una cascata d'acqua si riversò nei piani inferiori del capolinea della linea 1. C'era un problema di competenze, visto che le infrastnitture appartengono al Comune di Napoli, la manutenzione straordinaria, invece, deve essere fatta dalla società costruttrice dell'opera, ovvero la Metropolitana di Napoli, mentre quella ordinaria compete a Metronapoli, la società che gestisce il trasporto su ferro in città.
Alla fine l'accordo si è trovato e i lavori sono stati calendarizzati. Si conta entro la fine di novembre di rimettere a posto l'opera d'arte. Il nubifragio settembrino, fa sapere Metronapoli, ha provocato una serie di danni ed è stata allestita una scaletta di priorità. Naturalmente dando la precedenza alle infrastrutture e mettendo in coda appunto il restauro dell'opera d'arte.
E ad appesantire la situazione c'è stato anche un problema di autorizzazioni, con tempi come detto prettamente burocratici. Per cui si è arrivati a novembre inoltrato e bisogna vedere se l'opera sarà messa a posto per dicembre.
Per ora l'unica soluzione adottata da Metronapoli è stata quella di transennare la parte dell'opera più danneggiata e mettere una serie di strofinacci a terra che chissà da quanto
tempo non vengono cambiati. Per il resto la parete continua a gocciolare. In alto è saltata la controsoffittatura. Insomma, l'immagine non è stata delle migliori. Soprattutto per un metrò dell'arte. Si aggiunga che migliaia di persone hanno affollato la stazione durante la Notte Bianca. E se è vero che con quella ressa non sono state notate queste brutture, è altrettanto strano sapere che erano state organizzate delle visite per turisti e curiosi al metrò dell'arte. Con perdite d'acqua annesse evidentemente. Altra particolarità, una parte della scritta al neon di Joseph Kosuth tratta dal Convivio di Dante che accoglie i passeggeri che entrano dalla strada è fulminata. Una cosa del resto che accade spesso. Naturalmente un fatto meno grave e facilmente riparabile (si spera), visto che in teoria basta cambiare una lampadina, o forse un fusibile.
L'opera di Kounellis rientra nel tema del nomadismo, voluto fortemente dal critico d'arte e consulente della Regione Achille Bonito Oliva. L'artista vorrebbe rappresentare passi di viaggiatori, disegnandoli su una lastra di acciaio con vecchie scarpe da donna e da uomo. Tredici pannelli su una superfìcie totale di 24 metri. E accanto alle calzature ci sono trenini e locomotive attaccate con staffe di metallo.
Qualche volta il metrò dell'arte è stato danneggiato da atti di teppisti. Accadde alla stazione di Salvator Rosa, sia all'interno che all'esterno e, soprattutto, a quella di Materdei, qualche giorno dopo l'inaugurazione. Se però alle mani anonime aggiungiamo i danni provocati da burocrazia e carenza delle infrastrutture c'è poco da stare allegri.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news