LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Rivoli, un esempio per il Louvre"
Marina Paglieri
La Repubblica - Torino, 04/11/2005

IL CASTELLO di Rivoli come esempio da seguire per il Louvre. Il direttore Ida Gianelli è stata chiamata a far parte della commissione incaricata di affidare ad artisti internazionali la realizzazione di opere per il prestigioso museo di Parigi. Che intende mescolare antico e moderno, cedendo, tra Leonardo da Vinci e van Dyk, tra Poussin e Goya, alle suggestioni del contemporaneo.

Signora Gianelli, è soddisfatta?
«Sono soprattutto onorata, come è ovvio. Il 15 dicembre è stata fissata la prima riunione, è ancora tutto da decidere. Mi ha scritto il direttore Henri Loyrette: si è trattato di una lettera interlocutoria, ma quello che mi è parso chiaro è che guardano con attenzione al Museo di Rivoli, come esempio di una buona integrazione tra antico e contemporaneo. Per loro si
tratta di intraprendere una nuova politica, finora l'arte di
oggi non era presente nel museo. Intendono inserire le nuove opere lungo i percorsi di vista, in mezzo alle antiche, e allo stesso tempo acquisirle, creando una specifica collezione. Oltre a me ci sarà il direttore del Centre Pompidou Alfred Paquement, poi forse altri, ma su questo non sono informata».

Perché hanno chiamato proprio lei?
«A parte il fatto che già partecipo alle scelte in materia di acquisizioni della Tate Modern di Londra e del Museo Serralves di Porto, credo che la scelta sia dovuta al fatto che di recente abbiamo concluso i restauri delle sale settecentesche del Castello, dove già erano state collocate le opere contemporanee. Proprio questa armonia fra antico e moderno interessa a loro, e proprio in questa direzione andrà la scelta degli artisti da invitare».

Non crede che questo sia anche un riconoscimento per Torino, città dell'arte contemporanea?
«Ci sono sempre più conferme sul fatto che Torino sia l'unica città in Italia che lavora in questo campo su progetti a lungo termine, come per esempio 'Luci d'artista'. La continuità attira l'attenzione di cittadini e turisti ma anche la stima degli addetti ai lavori all'estero. Agli stranieri i grandi eventi che durano una stagione e poi scompaiono non interessano. Vedono invece con favore all'impegno portato avanti con professionalità. Il Museo di Rivoli desta attenzione all'estero perché in vent'anni ha percorso un lungo cammino, senza interruzioni: era uno spazio espositivo, ora, grazie al sostegno della Regione e della Fondazione Crt, che ogni anno spende un milione di euro per acquistare nuove opere, possiede una collezione permanente di tutto rispetto. All'estero tutto ciò viene apprezzato».

Non crede che il museo di Rivoli sia più conosciuto e apprezzato fuori d'Italia che non per esempio a Torino?
«Sì, in un certo sensoè vero. Ma questo dipende dal fatto che per una serie di ragioni all'estero l'arte contemporanea è più popolare che da noi, ha molto più seguito. Qui non c'è l'attitudine a confrontarsi con le opere di oggi. Proprio per questo sono convinta dell'utilità di iniziative come 'Luci d'artista', che rendono l'arte contemporanea più vicina alla vita delle persone. Si comincia con il guardare le installazioni luminose per le strade, poi magari ci si avvicina ai musei».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news